More

    Il clima delle isole Canarie è ideale per la coltivazione della cannabis medica

    Juan Antonio Inurria Rivero è nato a Santa Cruz de Tenerife.

    Ha 29 anni e ha studiato legge e psicologia.

    È un giovane imprenditore in tutti i sensi.

    È l’amministratore delegato e fondatore di Consulting Cannabis Canarias, una società di consulenza dedicata al posizionamento di aziende specializzate nella coltivazione medicinale nell’arcipelago, che presto raggiungerà una regolamentazione specifica nelle isole e che è normata da diversi regolamenti statali.

    Nonostante la sua giovane età, Juan Antonio Inurria Rivero è uno specialista nella regolamentazione, formazione professionale e coltivazione di questo tipo di piante.

    La sua attività si concentra anche sul tessuto imprenditoriale, lavorativo ed economico generato intorno al settore primario e, in particolare, in relazione alla coltivazione e alla commercializzazione legale della cannabis medicinale nelle isole Canarie.


    Gestisce anche altre linee di business nel campo della produzione tessile, della moda e dello sviluppo digitale e sociale.

    Nel suo tempo libero – che deve essere molto poco – si dedica alla pittura surrealista e ha tenuto diverse mostre, l’ultima al Real Casino de Tenerife.

    È, come ho detto, uno specialista della coltivazione legale della cannabis e dei suoi benefici medicinali, ed è convinto che gli esperimenti realizzati finora con questa pianta, volti a combattere malattie come il cancro e l’Alzheimer, finiranno per trionfare in tutto il mondo.

    -Quali sono i disturbi che possono migliorare con l’uso medico della cannabis?

    “Tra gli altri, epilessia, Parkinson, Alzheimer, sclerosi multipla, sindrome di Tourette, autismo, malattia di Crohn, cancro e anche malattie infiammatorie intestinali.

    -Come si arriva a questa conclusione?

    “Beh, non sono io, è la scienza che è arrivata a questa conclusione, ma io parlo anche per me stesso.

    -Perché?

    “A livello familiare, confesso che conosco le proprietà curative della cannabis e mi sono appassionato a questa pianta, nella sua versione medicinale, da quando ero molto giovane”.

    -Dalla tua esperienza personale?

    “Quando mia madre ha avuto il cancro per la seconda volta, avevo 11 anni. Ci hanno parlato della cannabis e a quel tempo era molto difficile procurarsi la pianta. Un conoscente ci ha procurato dei semi e siamo riusciti ad avere una pianta a casa per preparare degli infusi per mia madre.

    -Che cosa è successo?

    “L’uso della cannabis, specialmente le infusioni fatte dalla pianta, ha ottenuto ciò che le medicine tradizionali e convenzionali non potevano ottenere. Per esempio, la nausea e il malessere di mia madre sono cessati, il suo appetito è tornato e ha potuto iniziare a mangiare”.

    -Ha sconfitto la malattia?

    “Lo ha battuto, con grande determinazione. E anche se ora soffre di un grave diabete, e le sue gambe soffrono, riesce ad alleviare la sua condizione e i suoi piedi migliorano, grazie ai massaggi con olio di cannabis contenente CBD (cannabidiolo, un importante antinfiammatorio), questa volta con prodotti già commercializzati ed etichettati. Mia madre è il mio esempio e la mia motivazione.

    -Può essere venduto? Intendo quell’olio di cannabis.

    È stato declassificato come droga nel nostro paese e quindi è permesso commercializzarlo, perché è capace di guarire e curare vari disturbi.

    -E, sulla base di queste esperienze, avete deciso di introdurre la cannabis medica nelle isole.

    Devo dire, prima di tutto, che la Spagna è all’avanguardia nella produzione di cannabis medica; tuttavia, è in fondo all’Europa in termini di regolarizzazione del consumo.

    -Allora?

    Nel nostro paese, la produzione di piante medicinali per l’industria farmaceutica è stata regolata fin dagli anni ’60, e la cannabis medicinale rientra in questi parametri.

    È possibile lavorare con questa pianta in Spagna, previa licenza dell’Agenzia spagnola per i medicinali e i prodotti necessari (AEMPS), che la concede se il richiedente soddisfa i requisiti stabiliti”.

    -È difficile ottenere una licenza?

    È un processo laborioso, con un tasso di successo di circa il 70%.

    -E quali sono questi requisiti?

    “Bene, tra le altre cose, presentare un progetto di sicurezza, avere semi di origine legale e ottenere un certificato che l’intero prodotto è stato precedentemente venduto fuori dalla Spagna, per il quale è richiesto un contratto di vendita o una lettera di intenti.

    Inoltre, è molto a favore del richiedente avere l’appoggio dell’industria farmaceutica.

    -È necessario distinguere tra le varietà della pianta.

    La canapa industriale, che proviene dalla stessa pianta, ma senza la presenza di fitocannabinoidi, è stata regolamentata in Spagna dal 1999.

    Richiede un investimento simile alla coltivazione di pomodori ed è completamente diverso dalla cannabis medica.

    È un investimento dedicato all’ottenimento di materie prime: semi, fibre e altre risorse che sono molto necessarie come sostituto della carta, o anche dei mattoni.

    -Le Isole Canarie sono un luogo privilegiato per queste coltivazioni?

    Il sole su queste isole è così buono che la pianta produce i migliori livelli del mondo all’aria aperta, circa il 25%.

    -Perdona la mia ignoranza, queste piante si chiamano marijuana?

    “Marijuana” è il nome comune.

    Il nome scientifico è Cannabis sativa L.

    È una pianta resistente con molteplici usi.

    È una pianta fibrosa, dal gambo lungo e versatile che può produrre fibre, semi, tessuti, rigenerare il suolo e persino produrre fiori.

    Questi fiori, chiamati anche boccioli, contengono una resina, una “polvere” prodotta dalla pianta stessa per proteggersi dal sole.

    Questa resina contiene quelli che diremmo essere i composti più attraenti della pianta: i fitocannabinoidi, come il THC o tetraidocannabinolo, che è il principale componente psicoattivo della cannabis e viene solitamente usato a scopo ricreativo.

    La sua vendita e il suo consumo sulle strade pubbliche sono vietati nel nostro paese.

    Il CBD o cannabidiolo è ottenuto dalla stessa pianta, un importante antinfiammatorio, che viene utilizzato per alleviare i disturbi nelle persone con varie patologie e non è classificato come stupefacente nel nostro paese.

    È quindi permesso commercializzarlo, come abbiamo indicato prima.

    -Qual è il ruolo della società di consulenza che dirige in tutto questo?

    È, per così dire, un progetto chiavi in mano.

    Vale a dire, elaboriamo licenze di coltivazione, registrazioni e permessi con gli organi competenti, ci occupiamo delle formalità legali e lavorative, formiamo i lavoratori e monitoriamo il progetto con valutazioni periodiche.

    -Siete consapevoli che questo è un po’ spaventoso per il personale, a causa della novità?

    Sì, e trovo assurdo che la gente la pensi così.

    Non stiamo parlando del consumo di cannabis, o di qualcosa di illegale.

    Stiamo parlando di produrre un bene da esportare in Europa, stiamo parlando del settore primario, stiamo parlando dell’industria, e tutto questo è un bene per le Isole Canarie”.

    -Avete già dei progetti in corso in questo campo?

    Attualmente stiamo lavorando su diverse domande di licenza, che sono in fasi molto avanzate.

    Stiamo anche lavorando all’installazione di un impianto di lavorazione e ad altri progetti di canapa industriale, così come alla cannabis medica.

    Sia qui nelle isole Canarie che sulla terraferma e in Portogallo.

    -E perché le Isole Canarie come luogo preferito?

    In primo luogo per il clima, che è perfetto per accelerare la maturazione dei fiori di cannabis.

    Questo clima permette fino a quattro cicli di raccolta all’anno, in modo naturale.

    E fino a sei se supportati da cicli di fioritura di 60 giorni, rispetto a paesi come Germania, Polonia o Canada, che possono avere solo un raccolto all’anno.

    -Certamente sembra il posto ideale. Gli incentivi fiscali del REF sono utili?

    L’esistenza del REF, che comprende la Riserva di Investimento (RIC) e la Zona Speciale delle Canarie (ZEC), fornisce un regime fiscale basso che beneficia tutte quelle aziende che desiderano sviluppare la loro attività nelle isole.

    -E all’Agenzia delle Entrate non piace affatto questo regime specifico.

    Beh, dovrà abituarsi, dico io; la legge è la legge.

    -Chi può coltivare queste piante?

    Se soddisfano i requisiti legali, tutti naturalmente.

    E per tutti coloro che desiderano conoscere le opportunità di investimento nella cannabis medica nelle isole, i progetti che già esistono e in cui si può entrare, abbiamo preparato un evento per il 10 maggio all’Hotel Escuela di Santa Cruz, con registrazione preliminare e posti limitati disponibili.

    Sul sito di Consulting Cannabis Canarias troverete maggiori informazioni.

    -Quanti posti di lavoro sono necessari per ogni impianto di lavorazione?

    Circa 20, forse 30 persone, personale tecnico altamente qualificato, con profili di supervisione, controllo di qualità specializzato nella coltivazione e nella sicurezza, ecc.

    -C’è terra disponibile nell’arcipelago che è adatta a questa coltura?

    Lasciate che vi faccia un esempio. Nell’isola di Tenerife ci sono 19.661 ettari disponibili per la coltivazione, che sono in disuso.

    Sto parlando della Mappa delle colture delle Isole Canarie (campagna 2021).

    Se dovessimo coltivare solo 50 ettari di questi quasi 20.000 ettari disponibili, staremmo parlando di più di 1.000 posti di lavoro diretti.

    Immaginate allora quale potrebbe essere la portata di un progetto serio e proporzionato.

    -Siamo di fronte a una nuova fase nell’uso delle piante medicinali?

    Potremmo esserlo.

    Io, naturalmente, ho grande fiducia nel fatto che stiamo seguendo l’esempio di paesi più avanzati del nostro, che non hanno avuto remore a riconoscere le proprietà medicinali di certe piante, anche il semplice consumo dei loro derivati.

    Qui abbiamo avuto una sorta di panico nel riconoscere queste proprietà e penso che sia arrivato il momento di entrare sempre più in sintonia con la civiltà.

    -E è un’attività redditizia?

    Se parliamo di prezzi sul mercato internazionale, all’ingrosso, un grammo di fiore di cannabis con una concentrazione di THC del 25% raggiunge facilmente i tre euro.

    Allo stesso modo, un grammo di fiore di cannabis con una concentrazione del 25% di CBD costa tra 0,5 e 1 euro”.

    -Sei ottimista sul fatto che tutti i tabù che circondano la marijuana medica saranno infranti?

    Assolutamente. Siamo sulla buona strada perché questo accada.

    E la legislazione avanzerà, come è avanzata in altri paesi, su questo non ho dubbi.

    (Liberamente tradotto da un’intervista del Diario de Avisos)

     

    Articoli correlati