More

    Terra di vulcani, terra di opportunità

    Opportunità.

    Una parola che abbiamo ripetuto e sentito durante i tanti giorni di eruzione vulcanica.

    La distruzione è incalcolabile, e non ci riferiamo qui al materiale, ma all’emotivo.

    Ma allo stesso tempo, la gente di La Palma ha dimostrato una capacità di resistenza, di cui sicuramente nessuno era consapevole fino al 19 settembre 2021.

    Forse è per questo che nei quasi 80.000 ettari di terre, a cui ora si aggiungono i quasi 50 ettari delle nuove piattaforme di lava, la parola opportunità risuona come un barlume di speranza.

    Questa è una delle porte lasciate aperte dal 1° Congresso Internazionale su Alimentazione ed Ecosistemi Vulcanici, Worldcanic.

    L’esposizione delle preziose risorse lasciateci da queste terre in fiamme è una delle chiavi di questo evento.

    La fertilità del terreno vulcanico, la fonte di energia o la peculiarità delle materie prime che si possono ottenere da esso, così come il lato scientifico, sono stati al centro di gran parte della conferenza.


    Coltivazioni in suolo vulcanico che producono prodotti differenziati con caratteristiche molto apprezzate nell’alta cucina, o convertire il suolo vulcanico e la sua energia geotermica nel nostro forno o stufa, sono alcuni degli esempi di come vivere in un ambiente vulcanico può essere sfruttato in modo sostenibile e sano.

    Se andiamo in Sicilia, troviamo che tre quarti dei raccolti dell’isola sono coltivati intorno all’Etna, il vulcano più attivo d’Europa.

    È lì che la rinomata chef Viviana cerca i prodotti da portare in cucina e sulle tavole del suo nuovo progetto Villa Dorata Country Restaurant, un boutique hotel con tredici camere, dove si impegna in una cucina semplice, con prodotti locali e dove il fuoco gioca un ruolo importante.

    I dintorni dell’Etna ospitano una grande diversità di colture. Mele, mandorle, limoni, arance, olive, fagioli, fichi, ecc….

    Le Filippine sono uno dei paesi più vulcanici del mondo e la popolazione ha imparato a conviverci.

    Parlano anche del vulcano come “la loro migliore fonte di sostentamento”.

    Questo è quello che ci ha detto lo chef cantabrico Chele González, che ha un ristorante nelle Filippine dove cucina con prodotti locali.

    In Islanda è anche chiaro che i vulcani sono una grande risorsa, non solo per la loro fertilità, ma anche per la loro energia geotermica.

    Qui troviamo la “Panetteria geotermica” di Siggi, che utilizza acqua bollente dal sottosuolo, dove inserisce una pentola con segale, farina, zucchero, lievito, sale e latte e la lascia cuocere per 24 ore, ottenendo il famoso pane di segale geotermico.

    E non è solo il pane che può essere cotto sotto terra.

    Lo chef portoghese Paulo Costa fa lo “stufato di vulcano” nelle Azzorre.

    “Si comincia il giorno prima mettendo tutta la carne e le verdure in una pentola.

    Sopra, le salsicce e il sanguinaccio, che insaporiranno tutto il contenuto.

    Alle 4 del mattino, vai a uno dei pozzi vicino al villaggio, dove l’acqua sgorga più intensamente e più vicino alla superficie, e mettilo dentro. Si lascia cuocere per 6-7 ore”, ha spiegato Costa nella sua presentazione.

    Una serie di esempi reali che dimostrano che dopo la tempesta (o il vulcano), non solo arriva la calma; ma l’OPPORTUNITÀ di sfruttare il potenziale di ciò che la nostra terra ci dà in modo naturale.

    Michele Zanin

     

    10 anni di successi grazie alla fiducia dei nostri sponsor e di tutti gli affezionati lettori

    Articoli correlati