Il controllo degli accessi a Santa Cruz interesserà 1.700 parcheggi

Il progetto gestito dal consiglio comunale mira a scoraggiare l’uso di auto private in questa zona, che attira quasi 30.000 veicoli, il 10% del totale.

Avrà 39 punti di controllo degli accessi, con telecamere di riconoscimento delle targhe e piattaforme di gestione che permetteranno di scoprire dove ci sono ingorghi, auto in doppia fila o auto che occupano irregolarmente gli spazi di carico e scarico.

La futura Zona a Basse Emissioni (ZBE), che sarà allo stesso livello dell’attuale Zona ad Alta Influenza Turistica, comporterà un cambiamento nella mobilità nel centro di Santa Cruz, che ha lo scopo di proteggere dall’uso di veicoli privati.

L’installazione di questa ZBE avrà un impatto importante sui parcheggi di superficie, in particolare, il Concistoro stima che circa 1.700 parcheggi saranno ridistribuiti, di cui 1.300 nella zona di El Toscal.

Il risultato finale sarà la limitazione del parcheggio sulla strada, la gestione del carico e scarico e la regolamentazione e tariffazione del parcheggio (la cosiddetta zona blu), il tutto con l’obiettivo di liberare spazi per i residenti e scoraggiare l’uso dell’auto privata in una zona ad alta concentrazione di veicoli.

Questo è dichiarato nel documento con cui aspirano a ottenere fondi Next Generation per rendere Santa Cruz una città più sostenibile in termini di mobilità.

La ZBE copre tutta la zona centrale di Santa Cruz, che ospita un gran numero di residenze e i principali punti per la popolazione (uffici, commercio e amministrazione pubblica).

Il suo perimetro è costituito da tre delle strade principali della città, con intensità di più di 35.000 veicoli/giorno, e l’asse naturale del Barranco de Santos.


Si propone di regolare progressivamente l’accesso, la circolazione e il parcheggio dei veicoli, nel rispetto dei requisiti ambientali e integrando nella gestione i residenti, i parcheggi sotterranei e i veicoli di consegna, con le loro caratteristiche particolari.

La ZBE passerà dall’attuale zona limitata, controllata da telecamere, citofoni e dissuasori, a una gestione più automatizzata con telecamere di controllo e una piattaforma di gestione, il controllo totale degli accessi, la riorganizzazione dello spazio pubblico, soprattutto quello legato al parcheggio, l’estensione delle aree pedonali e delle corsie per la mobilità personale che costituiscono un’altra delle azioni presentate nella domanda di fondi europei, così come un’ordinanza di regolamentazione.

In questo modo, il regolamento di parcheggio interesserà 7.500 famiglie e 16.604 residenti (8% della popolazione comunale), ma è la zona con la più alta capacità di attrazione di viaggi nel comune (29.800 viaggi di veicoli privati, quasi il 10% dei viaggi di veicoli privati del comune).

La gestione del parcheggio interesserà 1.754 posti auto in superficie, di cui 1.342 a El Toscal.

L’obiettivo della realizzazione di questa zona a bassa emissione è di ridurre il numero di auto private di almeno il 30%, cioè a 21.000.

Secondo il progetto, questa ZBE è la base per altre azioni all’interno della domanda di fondi, come le piste ciclabili o il rimodellamento di Imeldo Serís e La Rosa.