More

    Una Santa Cruz che si avvia a recuperare il suo rapporto con il mare

    I lavori a Valleseco cominciano a trasformare il litorale della capitale che, grazie alla passerella dell’edificio Puerto-Ciudad, ha ora un nuovo modo di avvicinarsi alla costa.

    Le cose nel palazzo vanno a rilento.

    Questo detto popolare può essere applicato a Santa Cruz a una moltitudine di spazi che, dopo anni di annunci, contro-annunci, progressi e battute d’arresto, finiscono per essere trasformati nonostante tutto.

    Il rapporto della capitale con il mare è uno dei più difficili da recuperare, dopo che la città è cresciuta voltandogli le spalle.

    Il miglior esempio di quello che potrebbe essere il futuro litorale è il progetto di trasformare il lungomare di Valleseco in una zona balneare.

    Dopo quasi 30 anni che si parla di trasformare questa zona della capitale in una vera e propria spiaggia urbana, solo pochi mesi fa sono iniziati i lavori del progetto, il cui scopo è quello di trasformare in realtà questo sogno a lungo desiderato dai residenti e dai politici locali.


    In questi giorni la gigantesca gru, con una capacità di carico fino a 400 tonnellate, che avrà il compito di collocare in mare le materie prime che costituiranno le dighe della futura zona delle baie, è l’attrazione principale per gli abitanti e i visitatori.

    Il suo lavoro consiste nel posizionare il frangiflutti di nove tonnellate, che sosterranno le piattaforme galleggianti.

    Allo stesso tempo, è già iniziata la costruzione del cosiddetto frangiflutti meridionale, quello più vicino alla Scuola Nautica.

    Questi blocchi di banchina sono stoccati nel cantiere, dove sono stati anche costruiti, e comincia ad essere necessario collocarli per liberare il cantiere da tanto stoccaggio.

    D’altra parte, i blocchi di nove e 15 tonnellate continuano a essere fabbricati nel sito che il porto ha messo a disposizione per i lavori nella Dársena Pesquera.

    La previsione è che Valleseco avrà questa zona di svago, perché sarà dotata anche di una passeggiata, un chiosco, panchine e zone d’ombra, nel 2023.

    Ma prima, secondo l’accordo firmato tra l’Autorità Portuale e il Comune di Santa Cruz, le zone balneari conosciute come Acapulco e El Bloque subiranno un lifting per migliorare i loro accessi.

    La prima è un’insenatura di 90 metri di lunghezza e circa 1.200 metri quadrati in totale, mentre la seconda corrisponde alla spianata della banchina, lunga circa 130 metri e un totale di 4.000 metri quadrati.

    Secondo il progetto messo in gara dall’Autorità Portuale, che non è stato ancora aggiudicato, l’obiettivo è quello di fornire agli utenti un accesso comodo e sicuro alla costa, oltre a migliorare la zona solarium o lounging su questi tratti di costa.

    Inoltre, le attrezzature, gli arredi e i servizi di queste zone balneari saranno migliorati, il tutto in modo provvisorio, fino alla costruzione della futura spiaggia di Valleseco.

    Nella baia Acapulco, le barche esistenti saranno pulite e riordinate.

    Allo stesso modo, il pendio di pietre e terra sarà arretrato fino alla linea delle secche esistenti, in modo da guadagnare una zona asciutta della spiaggia.

    A tal fine, sarà costruito un muro in muratura di basalto.

    Nessuna nuova sabbia sarà aggiunta alla spiaggia.

    Sul lato orientale della spiaggia, il terrapieno del frangiflutti sarà rifinito in modo da fondersi meglio con la spiaggia, e sarà costruito un solarium in cemento a due gradini.

    Il piano è che, dalla fine delle scale che portano a questa zona dal vicino parcheggio, l’ingresso alla spiaggia sarà migliorato costruendo una scala e una zona pavimentata per collegare la cala con il solarium-stand e le docce che saranno costruite.

    Nell’accesso pedonale dalla metropolitana sotto la strada di servizio, il marciapiede esistente vicino ai vecchi magazzini sarà migliorato.

    Anche l’accesso attraverso i sottopassaggi vicino al barranco sarà migliorato per facilitare l’accessibilità a questa zona di balneazione.

    Per migliorare l’accesso al mare dal vecchio molo vicino, saranno installate due scale verticali e sarà costruito anche un accesso alla cala Cory con scale.

    Infine, i tarajales esistenti sul retro della spiaggia saranno sostituiti e saranno aggiunte specie tipiche di questo ambiente, come le salados e i balos.

    Inoltre, l’attuale rampa di accesso alla baia dalla strada di servizio sarà migliorata.

    I lavori per dotare il litorale di Valleseco della cosiddetta “zona de charcos” procedono secondo i tempi previsti.

    Nella zona di El Bloque, la spianata esistente sarà rinnovata e migliorata come solarium, mettendo 38 lastre prefabbricate e ghiaia, delimitate da linee di pietre.

    La finitura a vista di queste lastre sarà realizzata con la lucidatura del calcestruzzo.

    Inoltre, 54 alberi tarajal saranno piantati per fornire ombra.

    Come indicato nel progetto, questa specie di ambiente marino non richiederà un sistema di irrigazione specifico, anche se richiederà un fertilizzante adeguato per la piantagione e un’irrigazione manuale con un’autocisterna per sei mesi, oltre a una rete di irrigazione di riserva con un tubo flessibile.

    Nella spianata ci sarà un’area di gioco per bambini (cinque unità) e un’area di esercizio fisico con apparecchi specifici (cinque unità) e ghiaia.

    Nove panchine di legno con schienali saranno collocate anche intorno all’area dei bambini, all’area degli esercizi e alla spianata in generale.

    Se queste azioni nel cuore della zona portuale di Valleseco sono il futuro, la passerella che collega l’edificio Puerto-Ciudad con Santa Cruz davanti alla nuova spianata del viale marittimo è il presente.

    Anche se non sono ancora state definite le aree di svago da installare sul tetto dell’edificio, che offriranno uno spazio con terrazze sul mare, quello che è certo è che gli abitanti (ma soprattutto i crocieristi che cominciano a tornare sull’isola) hanno un modo pulito e diretto di entrare e uscire dal porto, ma anche di arrivare direttamente al mare.

    È vero che rimangono molte altre sfide, come il collegamento diretto dalla Plaza de España che gli architetti Herzog & de Meuron hanno progettato per Santa Cruz, che è ancora in attesa di investitori (pubblici o privati), o un lungomare per Las Teresitas, senza dimenticare la zona del Palmetum, il cui retro sarà una nuova area di svago sul mare, e che è già disponibile per il Municipio.

    Franco Leonardi

     

    Articoli correlati