More

    Tenerife collega le Isole Canarie con il mondo

    La società dell’Istituto Tecnologico delle Energie Rinnovabili (ITER) del Cabildo di Tenerife ha ricevuto 23,4 milioni di fondi UE per la realizzazione di un cavo sottomarino tra Gran Canaria, Fuerteventura e Lanzarote.

    “Tenerife collega, più che mai, le Isole Canarie con il mondo”, ha sottolineato il presidente del Cabildo, Pedro Martín, annunciando che Canalink, società pubblica insulare del gruppo Instituto Tecnológico de Energías Renovables (ITER), ha ottenuto fondi europei per 23,4 milioni di euro per la realizzazione di un cavo sottomarino verso le isole di Gran Canaria, Fuerteventura e Lanzarote.

    “Oggi lanciamo un progetto che è stato il più apprezzato in Spagna e che non solo significa un collegamento della provincia sorella, ma significa anche estendere la capacità di Tenerife di guidare una piattaforma digitale molto potente con l’Africa, l’Europa e, soprattutto, le Isole Canarie”, ha sottolineato il presidente dell’isola.

    Tra tutte le iniziative assegnate dall’Unione Europea (UE), Canalink sarà quella che realizzerà i progetti più grandi, con 23,4 milioni di euro sui 39 milioni totali assegnati.

    Con questo nuovo progetto, Tenerife sarà in grado di collegare le Canarie con il mondo dal punto di vista digitale e delle telecomunicazioni.

    Pedro Martín ha spiegato che questo progetto “significa anche rafforzare un’azienda come Canalink, che già fornisce servizi a società come MásMóvil e Orange, e a società africane come Maroc Telecom, la più importante del Marocco”.

    A questo proposito, ha spiegato che verrà introdotto un cavo sottomarino all’avanguardia, con una vita utile stimata di tre decenni.

    In questa terza fase saranno investiti poco più di 34 milioni di euro, di cui l’UE fornisce questi 23,4 milioni e il Cabildo, attraverso Canalink, fornirà i restanti 11 milioni, anche se si stima che Canalink possa ottenere benefici annui tra i 5 o 6 milioni di euro grazie allo spiegamento del nuovo cavo sottomarino e all’ingresso di nuove imprese che contrattano i suoi servizi.

    Dopo aver firmato la sovvenzione inizieranno ora le procedure di gara e di offerta e il periodo di esecuzione del nuovo cavo sottomarino è di 46 mesi, con una scadenza fino alla fine del 2026 per realizzare questo progetto.


    Pedro Martín ha commentato che il prossimo “salto” sarà quello di collegare La Gomera e El Hierro, isole che attualmente non fanno parte di questo sistema a causa della mancanza di massa di clienti.

    “La nostra principale risorsa economica è il turismo, senza dubbio, e continuerà ad esserlo, ma questo Cabildo aspira anche a mettere un piccolo territorio come Tenerife in una situazione di iperconnettività per continuare ad attrarre risorse e talenti nelle isole”.

    Siamo la decima destinazione mondiale per i nomadi digitali, quindi questo progetto rafforza la nostra capacità di ospitare aziende tecnologiche”, ha dichiarato il presidente dell’isola.

    In breve, “si tratta di una notizia molto importante che ci permetterà di potenziare la digitalizzazione e il settore tecnologico a Tenerife”.

    Siamo la prima isola a essere certificata come Smart Tourist Destination, quindi questo è un passo fondamentale per moltiplicare la nostra capacità di connessione e offrire piattaforme tecnologiche al mondo”, ha concluso Pedro Martín.

    Secondo il Cabildo, dal 2010 Canalink gestisce una rete di cavi sottomarini in fibra ottica che collega Tenerife con la penisola iberica e le isole di Gran Canaria e La Palma, con l’obiettivo di aumentare la concorrenza nel settore delle telecomunicazioni e ridurre il costo di questi servizi per il consumatore finale.

    I fondi europei permetteranno ora di esportare questa esperienza e questa infrastruttura per collegare le isole di Gran Canaria, Lanzarote e Fuerteventura, tessendo così una rete che già comprende cinque isole dell’arcipelago, l’Africa e il continente europeo.

    Cristiano Collina

     

    10 anni di successi grazie alla fiducia dei nostri sponsor e di tutti gli affezionati lettori

    Articoli correlati