More

    Il comportamento delle orche stupisce la comunità scientifica mondiale

    Lo speronamento delle barche non è un gioco, come si pensava una volta, ma una nuova “abitudine” dei cetacei.

    Gli esperti non vedono atteggiamenti aggressivi verso l’uomo: potrebbero affondare le barche ma non lo fanno.

    Pochi giorni fa, Salvamento Marítimo ha dovuto rimorchiare due barche a vela che erano state lasciate alla deriva dopo essere state speronate dalle orche.

    Da febbraio, più di cinquanta incidenti simili sono stati registrati nella zona e l’autorità marittima di Cadice ha limitato la navigazione delle navi a vela di meno di 15 metri di lunghezza, mentre gli scienziati cercano una spiegazione per il nuovo comportamento dei cetacei, apparso l’anno scorso nello stretto di Gibilterra e, successivamente, in Galizia e al largo del Portogallo.

    Il mistero è di proporzioni paragonabili a quello dell’origine della pandemia, illustra Alfredo López, presidente della Coordenadora para o Estudo dos Mamíferos Mariños.

    Può risolversi in mesi, a seconda del ritmo della ricerca, o potrà richiedere anni.


    La realtà è che gli “scontri” delle orche con le barche sono un fenomeno unico, che si è verificato solo sulle coste spagnole e portoghesi, e solo recentemente, motivo per cui è di interesse scientifico internazionale.

    La maggiore densità del traffico marino in estate aumenta il numero di incontri con i cetacei.

    “Gli animali continuano con questa brutta abitudine. Sono scomparsi tra novembre e febbraio, quando avrebbero dovuto essere in acque oceaniche, e in febbraio sono rientrati nelle acque di Cadice rinnovando questo comportamento.

    In questo periodo dell’anno ci sono più incidenti a causa della maggiore densità del traffico marittimo”.

    Nella prima perizia, l’anno scorso, gli incidenti sono stati attribuiti alla curiosità di giovani esemplari.

    “L’innesco di questo strano e nuovo comportamento potrebbe essere stato un incidente che le orche hanno avuto con una barca, in cui la velocità della barca potrebbe essere stata una componente critica”.

    Tuttavia, uno studio dettagliato dei casi ha ribaltato questa ipotesi e ha scatenato le perplessità degli esperti.

    “Ci siamo resi conto che non c’erano tre esemplari, ma sette.

    Non erano né così pochi né così giovani.

    Abbiamo anche osservato alcuni esemplari adulti con prole”, dice il biologo Francisco López.

    Ora stanno partecipando anche più adulti.

    “È una sorpresa assoluta e non c’è una spiegazione esatta, logica o certa”, e si prevede che gli incidenti continueranno perché sono diventati un comportamento di routine.

    Identificare la barca zero, la prima a sperimentare il fenomeno, fornirebbe indizi preziosi per una teoria.

    Ma questo sembra impossibile.

    Inoltre, i finanziamenti per studiare intensamente l’argomento sono scarsi.

    “Spesso non possiamo andare così veloci come vorremmo con la ricerca perché mancano i fondi per uscire e fare un lavoro specifico in mare”, dice López.

    Anche se sostiene che ci vorranno diversi anni di ricerca per svelare il fenomeno, l’oceanografa Ana Aldarias, coordinatrice dell’area marina di Ecologistas en Acción, ipotizza che il fattore umano sia uno dei fattori scatenanti. “Spesso le regole non vengono rispettate, le barche si avvicinano molto, vengono molestate, vengono tagliate fuori. Qualsiasi animale si difenderà”.

    Tuttavia, non è stata rilevata alcuna aggressione verso l’uomo da parte di cetacei che possono raggiungere i 9 metri di lunghezza e pesare diverse tonnellate.

    “Indipendentemente dal fatto che non si tratta di un gioco, ma di una routine, non interpretiamo nessun tipo di minaccia verso gli esseri umani.

    La parte più debole della barca è il timone o i suoi ingranaggi, che è quello che si rompe.

    Non c’è nessun altro tipo di danno.

    Se avessero voluto affondare navi di 5 metri, le avrebbero affondate facilmente”, sostiene López.

    Il protocollo consigliato da osservare

    Le autorità marittime hanno stabilito un protocollo d’azione lungo la costa di Cadice.

    È obbligatorio segnalare tutti gli avvistamenti e adottare misure di sicurezza in caso di possibili attacchi: regolare le vele, lasciare la barca alla deriva rilasciando il timone e ripararsi in un luogo sicuro.

    Franco Leonardi

     

    Articoli correlati