More

    La metà delle persone colpite dal vulcano non hanno atti di proprietà delle loro case

    “Vengono nell’ufficio del notaio, si siedono e ci chiedono cosa posso fare, da dove comincio”, e da lì la macchina comincia a lavorare.

    “Non preoccupatevi, si risolverà tutto, siamo qui per questo”, si dice loro.

    Il decano dell’Associazione Professionale dei Notai della Catalogna, José Alberto Marín, è stato uno dei primi a recarsi a La Palma come parte del servizio di emergenza che è stato istituito da uffici in tutta la Spagna.

    “La metà delle persone colpite non hanno atti delle loro case”, a volte sono scaduti, o sono proprietà condivise, nessuno si aspettava che un vulcano le seppellisse nella lava.

    “Molti pensano che non c’è speranza, ma noi siamo qui per aprire loro una porta e cercare una soluzione” e “stiamo lottando fino all’ultimo spiraglio di fascicolo per fascicolo per dar loro speranza e accreditare ciò che ora è sotto 20 metri di lava”.

    L’obiettivo è che, quando verrà il momento, potranno riscuotere un risarcimento o un esproprio se necessario, grazie a questo servizio, che offrono gratuitamente. Hanno già ricevuto più di 400 visite di persone che “sono rimaste senza niente”.


    È “comune che gli atti manchino nelle zone più disperse, tradizionali e rurali, con pochi scambi di popolazione”, perché le proprietà si tramandano di generazione in generazione e non ci sono conflitti di proprietà. “Tutti si conoscono e si rispettano, molti di loro senza le garanzie di un atto”.

    L’ufficio notarile di Tazacorte riceve “casi molto complicati che richiederebbero mesi per essere risolti” in modo ordinario, ma ora l’emergenza è diversa.

    Marín afferma che stanno cercando tutti i metodi per trovare una via d’uscita. “È importante che non perdano la speranza, che non si dica loro che non c’è niente da fare, si aspettano aiuto ed è per questo che siamo lì”, decisi a rimanere sull’isola “per tutto il tempo necessario finché non risponderemo all’ultimo cittadino di La Palma che ha bisogno di noi”.

    A La Palma ci sono più di una dozzina di notai, canari, valenciani e catalani in questo primo lotto, ma ci sono già turni stabiliti e gruppi di volontari per almeno altri sei mesi. Lo fanno gratuitamente, e gli interessati non pagheranno nulla per questo servizio.

    “La risposta è stata unanime, ed è stata accolta molto bene”, quindi i Palmeros possono stare tranquilli che “non li lasceremo soli”. La rete è composta da più di 100 persone in tutta la Spagna, sull’isola e all’estero nei diversi uffici e sedi a cui si riferiscono i dossier.

    La situazione economica “è critica, vivono dove possono e come possono, grazie al fatto che i loro amici hanno aperto le porte della loro casa”, per questo è più che mai necessario “dare loro il raggio di luce e speranza di cui hanno bisogno”.

    Ci sono un centinaio di persone coinvolte in un modo o nell’altro in questa causa, con le loro famiglie e amici.

     

    Articoli correlati