More

    Radiografia del patrimonio verde di Puerto de la Cruz

    Il Piano Speciale per il Centro Storico include per la prima volta i 476 alberi monumentali e la flora unica che il comune possiede nei suoi 8,73 chilometri quadrati scarsi.

    Puerto de la Cruz possiede 476 alberi monumentali e una flora unica distribuita sui suoi 8,73 chilometri quadrati scarsi di superficie.

    Un patrimonio verde che per la prima volta è stato radiografato e inserito nel Piano Speciale del Centro Storico, un documento inizialmente approvato dalla Plenaria della Corporazione locale, in attesa di essere pubblicato nel Bollettino Ufficiale delle Canarie (BOC) affinché possa essere esposto all’informazione pubblica e i cittadini possano presentare scritti per introdurre miglioramenti al documento.

    I parchi, i giardini e le aree verdi assumono sempre più importanza e rilievo nelle città e vengono presi in considerazione nella loro progettazione e protezione.

    Nel suo impegno per un modello di città sostenibile, l’amministrazione comunale di Puerto de la Cruz ha voluto regolamentare questo tipo di vegetazione e proteggerla come le altre, e per farlo è stato necessario realizzare uno studio preventivo per identificare, analizzare e organizzare le diverse specie.

    Inoltre, l’articolo 38.2 della Legge sul Patrimonio Culturale delle Isole Canarie (LPCC) richiede l’inclusione nel catalogo di protezione di “specie vegetali di dimensioni significative o altre strutture significative”.

    In questo modo, il documento protegge gli spazi naturali presenti nel centro storico del comune nella misura in cui fanno parte del paesaggio urbano e dell’evoluzione della città.

    Sono state così identificate 15 specie diverse: Cipresso comune, ombú, araucaria, ñamera, eucalipto, albero del drago, cardón, alloro indiano, banano, albero della gomma, palma delle Canarie, palma whashingtonia, pino dorato, casuarina nera e pino delle Canarie.

    Ognuno di essi ha una scheda specifica nel documento che riporta il nome scientifico, la famiglia di appartenenza, l’origine, il numero di esemplari, l’altezza approssimativa, il diametro della chioma, il perimetro del tronco e la sua ubicazione, corredati da fotografie e mappe.


    Sono stati adottati anche criteri ambientali nell’analisi delle patologie, dei rischi e delle misure da adottare.

    I criteri per considerarli tali rispondono a quegli esemplari che sono vecchi o di età straordinaria, tenendo conto che nell’ambiente urbano sono molti i fattori che condizionano lo sviluppo delle specie vegetali e ne ostacolano la longevità.

    Si tiene conto anche delle dimensioni o della monumentalità, sia dell’intero individuo che di alcune sue parti, soprattutto in termini di altezza, perimetro del tronco o diametro della chioma; se si tratta di una specie endemica delle Isole Canarie e/o della regione macaronesica o se, nonostante sia stata introdotta, è di grande interesse ornamentale; se è un simbolo o un emblema della zona, associato alla memoria collettiva; il suo interesse storico, culturale, politico, tradizionale o educativo.

    Infine, si considera se la specie o l’esemplare specifico è legato a qualche evento significativo per un gruppo o per la cittadinanza nel suo complesso, se è legato alle tradizioni, se è caratteristico di un periodo specifico legato alla storia della città, o se il suo legame con uno specifico spazio geografico è così radicato che sarebbe difficile comprendere quel luogo senza la presenza di queste specie.

    È il caso, ad esempio, degli alberi di Plaza del Charco, molti dei quali hanno centinaia di anni, “che costituiscono una vera e propria foresta urbana che non sembra nemmeno trovarsi nel centro del comune”, afferma l’assessore alla Città sostenibile e all’Agenda urbana, David Hernández.

    Oltre a questi alberi monumentali, il PEPCH passa ai raggi X anche gli spazi urbani e naturali, considerati essenziali per lo sviluppo economico, sociale e culturale e, allo stesso tempo, testimoni dei grandi eventi sociali del Comune.

    In questo senso, i primi luoghi ad essere sfruttati e riorganizzati per uso ricreativo sono le piazze, tra cui Plaza de la Iglesia, Plaza del Charco, Plaza Benito Pérez Galdós e Plaza de Víctor Pérez.

    All’interno degli spazi urbani sono inclusi i pioppeti e i cosiddetti giardini storici, definiti nel documento “come quegli spazi in cui la componente naturale è uno degli strumenti primari e legati ad aree di grande importanza sociale ed economica per la società”.

    Così, l’arrivo a Puerto de la Cruz del turismo e di cittadini provenienti da diverse parti d’Europa ha portato alla necessità di creare spazi paesaggistici e luoghi di passaggio che migliorassero la qualità del paesaggio.

    Oggi spiccano il Sitio Litre e Taoro, “che è, è stato e sarà la zona verde di riferimento del Comune”, sottolinea David Hernández.

    Il consigliere evidenzia quattro aspetti del documento: la pianificazione e la catalogazione di tutta l’area di San Telmo, dove si sta lavorando con il progetto Ecoáreas Mardetodos per la sostenibilità del litorale; gli alberi della Plaza del Charco; tutte le ñameras delle piazze per il loro valore simbolico e comunitario e i giardini del Risco Bello.

    Un’eredità verde che Puerto de la Cruz è sempre più impegnata a proteggere e conservare.

    Bina Bianchini

     

     

    Articoli correlati