More

    La cenere del vulcano copre l’osservatorio del Roque, la valle e il nord-ovest di La Palma

    La polvere emessa continuamente dal centro di emissione del magma, situato nella zona di Cabeza de Vaca, sul versante occidentale della Cumbre Vieja, nel comune di El Paso, ha costretto a chiudere le cupole del telescopio per evitare l’ingresso di particelle nocive.

    Questa domenica, la cenere del vulcano ha impedito la vista dell’universo dal Roque de Los Muchachos, l’osservatorio di astrofisica più importante dell’emisfero nord, situato nel comune di Garafía a 2.426 metri di altezza.

    Una densa nebbia di polvere grigia espulsa dall’eruzione copre la zona e rende impossibile contemplare la volta celeste dal principale punto di osservazione siderale di La Palma.

    La colonna di cenere che, come un gigantesco tubo di scarico, viene emessa ininterrottamente dal 19 settembre dal centro di emissione del magma, situato intorno a Cabeza de Vaca, sul versante occidentale della Cumbre Vieja, nel comune di El Paso, ha costretto a chiudere le cupole del telescopio per impedire l’ingresso di particelle nocive.

    Tuttavia, quando il vento spinge via il pennacchio, alcuni della ventina di strumenti di osservazione situati sulla cima dell’isola decidono di aprire le loro cupole, con cautela, per qualche ora.

    L’amministratore dell’Osservatorio Astrofisico del Roque de Los Muchachos, Juan Carlos Pérez Arencibia, ha detto recentemente che “l’osservatorio è operativo, nel senso che è aperto, gli accessi non sono chiusi e non c’è nessun allarme speciale.


    I terremoti non ci toccano, l’unico impatto più o meno apprezzabile è quando la nube di cenere soffia verso il nord dell’isola e la cenere può depositarsi”.

    La nube di cenere vomitata dal vulcano Cumbre Vieja nelle prime ore della scorsa notte ha coperto significativamente i comuni della regione nord-ovest di La Palma.

    Ha colpito anche i comuni della Valle di Aridane.

    Mentre in altre occasioni la cenere era stata portata in questa zona dal vento, questa volta copre completamente l’intera orografia di questa zona nel nord dell’isola di La Palma.

    Con la prima luce del giorno, le immagini fornite dalle webcam installate nel complesso astrofisico mostrano come la cenere copre le cupole e il resto delle strutture.

    Nei comuni di Tijarafe, Puntagorda e Garafía, la cenere copre completamente il paesaggio, così come le case e le strade.

    “È una cenere molto fine che non è mai arrivata qui in quantità così copiosa”, ha spiegato il proprietario di un bar di Tijarafe, il comune più vicino alla Valle di Aridane.

    Ma la quantità di cenere è significativa anche molto più a nord, a Garafía, dove quartieri come Cueva de Agua e Santo Domingo, sulla costa nord, hanno albeggiato coperti di nero.

    A Puntagorda, un vicino ha detto che “la qualità dell’aria non sembra essere affatto buona, c’è uno strano odore e la città ha albeggiato con un denso strato di fumo, è necessario indossare una maschera almeno in questo momento”, ha detto.

    Secondo il sito web del Cabildo de La Palma, che mostra i dati dell’indice di qualità dell’aria delle diverse stazioni dell’isola, la stazione di Puntagorda ha misurato 53,11 ug/m3 di particolato PM-10 alle otto di questa domenica mattina.

    Questa misura è lontana dai 20 ug/m3 che è considerata buona per questo parametro di particolato sospeso.

    Secondo Pevolca, la cenere vulcanica è qualsiasi materiale a grana fine con un diametro inferiore a 2 millimetri.

    La cenere vulcanica è una roccia che è stata fatta esplodere e frantumata dal vapore all’interno del vulcano.

    Così, il vento è un fattore importante che disperde le ceneri secondo la sua direzione e velocità.

    Il Comitato Scientifico del Piano Speciale di Protezione Civile e di Attenzione all’Emergenza per il Rischio Vulcanico nelle Isole Canarie ha riferito sabato che, “a livelli più alti, il vento si sposterà a SE (sud-est). Nei prossimi giorni il flusso NE (nord-est) sarà mantenuto”.

    La dispersione prevista della nube di cenere è verso SW-W (sud-ovest), il che favorisce l’operatività degli aeroporti delle Canarie”.

     

    Articoli correlati