More

    La Piedra de los Difuntos, luogo di riposo dei morti ad Adeje

    La società canaria in generale, e quella di Adeje in particolare, è sempre stata fedele nel rispetto dei morti.

    In date come il Giorno dei Morti, era una commemorazione importante per ricordare e onorare la memoria dei defunti.

    Il cimitero comunale fu benedetto dal parroco il 13 giugno 1837.

    Da quel momento in poi, le sepolture furono fatte in questo campo santo costruito dal vicinato.

    Il problema risiedeva nei quartieri dispersi e lontani che dovevano trasportare i defunti sulle loro spalle da questi luoghi lontani dal centro della città, dando origine a luoghi di riposo per i morti, dove il corteo funebre si fermava in modo che i vivi potessero riposare e i morti potessero essere pregati.

    È il caso di oggi, la cosiddetta Piedra de los Difuntos (Pietra dei Morti), situata all’inizio della strada di Carrasco, che va da Adeje a Ifonche.


    Un po’ sopra l’Era de los Alfileres, vicino alla Cueva de las Narices.

    C’è una grande pietra su un lato del sentiero dove appoggiavano la bara coloro che la stavano portando al camposanto a riposare.

    Questo sentiero era utilizzato dalla gente che viveva a Ifonche e in questo punto del sentiero, vicino al villaggio, si riposava per i vivi e si dicevano preghiere per i morti.

    Le mappe ufficiali del Catasto mostrano il toponimo della Piedra de los Difuntos (Pietra dei Morti), che ci dà la certezza di ciò che la tradizione orale ci ha raccontato.

    Abbiamo intervistato Don Blas José Luis Rodríguez Rodríguez (Adeje, 1936), che ci ha raccontato come si ricordava da bambino che i morti venivano appoggiati su questa pietra quando gli abitanti di Ifonche venivano in paese per far seppellire i loro cari nel cimitero.

    Ci ha anche raccontato come si celebrava il giorno dei morti ad Adeje:

    “Per noi è stata come una festa perché abbiamo passavamo la notte dell’1 nel cimitero ad illuminare i padiglioni nei loculi.

    Mettevamo un bicchiere con acqua, olio e un’ovatta a cui davamo fuoco e per tutta la notte ci assicuravamo che non si spegnessero, e se si spegnevano andavamo ad accenderli.

    Dopo il cimitero andavamo a El Calvario a mangiare le arance degli alberi che erano stati piantati lì, era come una festa, ma con rispetto per i morti”.

    Anche le persone che vivevano a Taucho o La Quinta dovevano percorrere diversi chilometri per raggiungere il cimitero lungo queste strade strette.

    O scendevano per la Boca del Paso, che era esclusa a causa del terreno scosceso per il trasporto di un tale carico, quindi usavano il sentiero che passava per Las Moraditas o per Los Menores, anche se in questi casi i riferimenti alla pietra del defunto non si sono conservati, poiché lo sviluppo urbano e la rete stradale in queste enclavi hanno fatto sì che si sia perso.

    Ciò che si è conservato nell’eremo di Santa Margarita a La Quinta è la bara comunitaria usata dalle famiglie più povere.

    La condizione era di usarla, ma doveva essere sostituita, così che dopo la sepoltura del defunto, la famiglia avrebbe ordinato al falegname una nuova bara, che sarebbe stata usata quando un’altra famiglia ne avesse avuto bisogno.

    Si conserva all’interno del sotto-altare della pala d’altare della cappella.

    Gli altri cittadini che hanno dovuto trasportare i loro morti sono stati i vicini di La Concepción e Tijoco Alto.

    Passavano per sentieri stretti fino a La Hoya e poi fino ad Adeje. In questa cappella c’era anche una bara comune, ma non si è conservata.

    Ciò che entrambi gli eremi hanno conservato sono le casule sepolcrali, fatte di seta nera con treccia d’oro, usate dai sacerdoti per le sepolture.

    Si tratta di un’importante e preziosa eredità tessile per il patrimonio artistico di queste due cappelle storiche del comune.

    Al giorno d’oggi, la globalizzazione ha portato all’incorporazione di tradizioni straniere come Halloween, anche se nelle Isole Canarie e ad Adeje in questo periodo dell’anno ci sono tradizioni proprie che dobbiamo mantenere, recuperare e valorizzare per le nuove generazioni.

     

    (Ayuntamiento de Adeje)

     

     

    Articoli correlati