More

    Albergue Insular ha ricevuto 11.100 animali dal 2017 di cui il 67% è stato adottato

    La Plenaria del Cabildo di Gran Canaria è stata informata dall’Assessore all’Ambiente, Inés Jiménez, dei risultati della politica sviluppata dal suo dipartimento in relazione all’abbandono degli animali domestici e alla situazione del rifugio per animali dell’isola di Gran Canaria.

    Secondo il portavoce di UxGC, José Miguel Bravo de Laguna, lo scopo della richiesta di informazioni era quello di far conoscere questa attività e di valutare il livello di esecuzione e l’efficienza degli accordi con i comuni, così come le strutture esistenti e il budget investito in questo settore.

    L’assessore ha risposto alla richiesta di Unidos por Gran Canaria-Coalición Canaria, dettagliando le azioni condotte con consigli comunali, veterinari, organizzazioni di protezione degli animali e l’Università di Las Palmas de Gran Canaria.

    La politica in questo settore si basa sul Patto per il Benessere degli Animali, in seguito al quale le strutture sono state fornite e attrezzate, così come i piani sono stati implementati in coordinamento con i diversi agenti.

    Dal 2017, quando è stato implementato il nuovo modello di gestione del rifugio, sono stati ammessi 11.100 animali abbandonati, di cui il 67% è stato adottato.

     


    Inés Jiménez ha sottolineato che prima di questo piano non c’era nulla in relazione al benessere degli animali.

    Ora c’è una diagnosi di risorse, opere realizzate nel Piano di Cooperazione, a cui due comuni dell’isola hanno già aderito per dotare i loro comuni di strutture.

    Il budget per questo rifugio era di 70.000 euro prima del 2017.

    Attualmente, 800.000 euro sono destinati alla gestione e altri fondi per campagne e attività, per un totale di un milione di euro.

    Moreno Vanguardi

     

    Articoli correlati