More

    Le case di vacanza rappresentano ormai il 27% del turismo nelle isole Canarie

    Il presidente di ASCAV sottolinea che questa estate “è stata superiore al 2019”, nonostante “fosse l’unico settore turistico senza aiuti”, e sottolinea la leadership di Tenerife, con 18.000 alloggi.

    Doris Borrego, presidente dell’Associazione Canaria di Affitti Vacanze (Ascav) sottolinea la buona performance di questo settore durante la pandemia, “in cui non ci sono state quasi chiusure totali”.

    Si rammarica anche che “siamo l’unico settore turistico che non ha ricevuto nessun tipo di aiuto dalle amministrazioni”, nonostante il fatto che “rappresentiamo il 27% del turismo nelle Canarie”,.

    Ha così commentato giorni prima dell’apertura del primo Congresso Internazionale di Affitti Vacanze che è stato organizzato nelle isole, in particolare ad Adeje, uno dei comuni, insieme ad Arona e Granadilla de Abona, che ha il maggior numero di immobili per affitti vacanze a Tenerife, un’isola con 18.000 affitti vacanze sull’isola.

    L’isola ha 18.000 case vacanza di questo tipo, delle 37.791 registrate nell’arcipelago.

    Il presidente di Ascav sottolinea che “durante la pandemia, la bolla immobiliare è stata la risorsa di molti dei nostri turisti, tanto che alcuni che sono stati bloccati dalla pandemia hanno rinnovato i loro contratti per trascorrere il confino tra noi, senza voler tornare ai loro paesi, così come l’arrivo di molti telelavoratori.


    Si è consolidato così tanto che la domanda continua ancora oggi; quest’estate è stata ancora più alta che nel 2019, prima della pandemia.

    Abbiamo superato il 75% di occupazione e questo inverno sembra essere molto buono”.

    Borrego si rammarica per quello che sta succedendo a La Palma a causa dell’eruzione del vulcano Cumbre Vieja: “Dal primo minuto, le prenotazioni sono state cancellate e tutte quelle case di vacanza sono occupate da persone che sono state evacuate dalle proprie case, come non potrebbe essere altrimenti”.

    Ha anche ricordato che “molti dei colpiti che hanno perso le loro case le affittavano come case per le vacanze, alcuni come unico sostentamento economico, in una zona molto richiesta per questa pratica”.

    Il presidente dell’Ascav si oppone alla regolamentazione degli affitti, come il governo statale intende fare con una nuova legge da elaborare al Congresso.

    “Dobbiamo leggere le clausole di questo progetto, ma siamo contro l’interventismo in qualsiasi tipo di affitto.

    Questo è successo in città come Berlino e Parigi, e alla fine l’effetto è stato l’opposto di quello voluto, con la comparsa dell’economia nera e la riduzione dell’offerta di appartamenti e case sul mercato, motivo per cui hanno fatto marcia indietro.

    Ora in Spagna stiamo cercando di copiare ciò che ha già dimostrato di non funzionare”, ha osservato Borrego.

     

    Articoli correlati