More

    Un centinaio di animali domestici persi durante l’eruzione sono tornati ai loro proprietari

    Molti degli animali domestici dell’isola sono stati lasciati da soli dall’evacuazione dei loro proprietari.

    Un centinaio di animali domestici che si sono persi durante l’eruzione del vulcano Cumbre Vieja a La Palma sono riusciti a tornare ai loro proprietari, 23 di loro con la collaborazione del sito web “Animales La Palma”, creato nove giorni fa a Barcellona dalla Fondazione Franz Weber.

    Anselmi denuncia il fatto che molti animali domestici sull’isola sono rimasti senza casa perché i loro proprietari hanno dovuto abbandonare i loro alloggi e l’amministrazione che accoglie non ammette animali.

    “La condizione perché le persone colpite abbiano accesso a questi centri è che si separino dai loro animali domestici”, ha detto il direttore della Fondazione, che da 45 anni si dedica alla protezione della fauna e della flora.

    I rifugi per animali, sopraffatti

    Secondo Anselmi, che è stata una delle forze trainanti della campagna animalista, da quando è iniziata l’eruzione del vulcano Cumbre Vieja, i rifugi per animali di La Palma hanno trovato circa 450 animali abbandonati, soprattutto cani e gatti, ma anche mucche, pecore e cavalli.


    Molti degli animali domestici dell’isola sono rimasti senza casa.

    Ci sono attualmente tre rifugi per animali che lavorano sull’isola e circa 300 case private che si sono offerte volontarie per prendersi cura degli animali temporaneamente mentre i loro proprietari non li reclamano.

    Secondo Anselmi, queste organizzazioni e le case private sono “sopraffatte” e hanno bisogno del sostegno delle autorità.

    “Se si passa la giornata al rifugio d’emergenza di Benawara, che si trova in un centro sportivo vicino al vulcano e dove ci sono attualmente circa 30 cani e 5 o 6 gatti, si vede quante persone vengono a chiedere cibo per i loro animali domestici e, almeno due volte al giorno, una famiglia si ricongiunge con il proprio animale”, dice Anselmi.

    Guardando alle prossime settimane, Anselmi ha scritto una lettera al governo delle Canarie e al ministro dei diritti sociali e dell’Agenda 2030, Ione Belarra, per chiedere che i protocolli di salvataggio includano gli animali e sostengano i rifugi per animali.

    Ha anche preparato una squadra di volontari per volare a La Palma e sta organizzando un “grande trasferimento” di animali, in barca, verso altre isole.

    Il direttore di “Animales La Palma” dice che almeno un centinaio dei 450 animali trovati sono stati identificati dalle famiglie e che, attraverso il sito web, che viene aggiornato ogni ora, le informazioni vengono diffuse in modo che i proprietari possano essere riuniti con i loro animali domestici o che le famiglie possano adottare animali senza casa.

    Se una persona o una famiglia ha perso il suo animale domestico, può contattare la piattaforma (www.AnimalesLaPalma.org), tramite il numero di WhatsApp, per telefono o compilando il modulo di contatto, e fornire immagini e informazioni sull’animale in modo che i lavoratori del sito possano collaborare con i rifugi per trovarlo.

    L’organizzazione del sito è chiara: gli “animali trovati” sono in attesa della loro famiglia originaria o di nuovi adottanti, mentre gli “animali scomparsi” sono quelli che i loro proprietari stanno cercando mentre sono ancora irreperibili in giro per l’isola.

    Anselmi confessa che hanno incontrato alcuni casi molto dolorosi, come alcune famiglie che hanno perso tutto e non possono più prendersi cura dei loro animali domestici.

     

    Articoli correlati