More

    La mancanza di auto a noleggio lascerà il 40% dei turisti bloccati in inverno

    Le compagnie di noleggio auto nelle isole Canarie sono disperate. Vogliono e non possono.

    Le previsioni suggeriscono che da novembre, in piena alta stagione, il turismo crescerà sostanzialmente nell’arcipelago, con tassi di occupazione del 70-80% raggiunti e persino superati.

    Le società di “rent a car”, che hanno avuto perdite per 18 mesi, vedono un’opportunità per tornare al profitto.

    Tuttavia, il loro reddito non sarà così alto come dovrebbe essere perché non hanno abbastanza auto a noleggio per soddisfare la domanda turistica prevista.

    Il divario previsto tra domanda e offerta è del 40%,

    Questo secondo il segretario generale dell’Associazione delle compagnie di autonoleggio delle Canarie (Aecav) e anche CEO di Avis, Roberto Dávila.


    Come spiega, dopo l’aggiustamento della flotta fatto dalle aziende per poter far fronte alla pandemia, con un taglio del 70%, la flotta di veicoli ‘rent a car’ è stata ridotta a 22.000 unità.

    Negli ultimi mesi, vedendo che la domanda turistica stava crescendo, le compagnie di noleggio auto hanno iniziato a comprare e hanno portato la cifra a 35.000 unità, che sono attualmente in funzione.

    Gli acquisti sono continuati e continueranno, ma il problema è che le auto non arrivano sulle isole a causa del problema mondiale della mancanza di componenti che sta affondando la produzione di veicoli.

    Gli ordini sono stati fatti, ma dobbiamo aspettare che le fabbriche siano in grado di produrli.

    Quest’estate c’erano già problemi per assistere tutti i turisti che arrivavano sulle isole, ma per l’inverno si prevede il caos. “Non ci saranno abbastanza auto per tutti”, dice Dávila.

    “Non è che non vogliamo, è che non possiamo”, sottolinea il presidente dell’Associazione professionale di auto a noleggio delle Canarie (Apeca), Juan Antonio Jiménez, che sottolinea che la mancanza di componenti e auto “sta avendo un impatto negativo sul settore ‘rent a car'” in un momento in cui il settore stava iniziando a decollare dopo 18 mesi.

    Secondo Dávila, sarebbero necessarie 55.000 unità per soddisfare tutti i turisti.

    Secondo lui, il divario che si aprirà tra l’offerta e la domanda in alta stagione è tra il 35% e il 40%.

    “Anche se volessimo, non potremmo fare nulla. Noi stessi abbiamo comprato più di 2.000 unità, ma non arriveranno nelle isole Canarie almeno fino al primo trimestre del 2022”, dice Dávila.

    Indipendentemente dalla marca, dal modello e dal tipo di auto, i veicoli arrivano sulle isole con un ritardo tra i sei e i sette mesi.

    La conseguenza logica di questa mancanza di offerta sarà un aumento dei prezzi.

    Questo era già il caso in estate, ma per l’inverno l’aumento sarà ancora più forte.

    Si stima che i prezzi aumenteranno di più del 70%.

    “Noleggiare un’auto sarà tre volte più costoso che nel 2019 perché non ci sono veicoli”, dice.

    La mancanza di veicoli si farà sentire in questo weekend lungo di ottobre.

    Un’auto a noleggio per una settimana può costare più di 500 euro e i prezzi dovrebbero continuare a salire nei prossimi mesi.

    Il presidente di Apeca, Juan Antonio Jiménez, sottolinea che chi prenota tra i 15 e i 20 giorni in anticipo non avrà problemi, ma chi aspetta fino all’ultimo minuto sì.

    I prezzi, dice, saranno allo stesso livello delle altre città della penisola. “Ora si pagherà quello che si paga in altre comunità”, dice.

    Le società di noleggio hanno già avvertito i tour operator con cui lavorano del problema e hanno ridotto il volume delle unità impegnate per poter rispondere alla domanda dei viaggiatori che arrivano sulle isole per conto loro.

    Spostare i veicoli tra le isole non ha senso, poiché la domanda maggiore è prevista a Gran Canaria, Tenerife, Lanzarote e Fuerteventura e spostare unità dal resto delle isole non aumenta la flotta perché il numero è piccolo.

    “Il problema è serio e per quanto si cerchi di trovare una soluzione, per il momento non c’è”, sottolinea Dávila.

    Spostare le flotte dalla terraferma è un’opzione ma, come spiega Jiménez, il problema della mancanza di auto si verifica anche a livello nazionale.

    “Nelle grandi città come Madrid e Barcellona c’è anche carenza, così le flotte del continente si spostano verso queste destinazioni”, spiega.

     

    Articoli correlati