More

    Duro colpo alla mafia italiana

    Agenti della Polizia Nazionale, in un’operazione congiunta con la Polizia di Stato italiana ed EUROPOL, hanno inferto un duro colpo alla mafia italiana attraverso un’operazione di polizia che ha portato all’arresto di 106 persone nel sud dell’isola di Tenerife, accusate di appartenenza a un’organizzazione criminale, frode, traffico di droga, riciclaggio di denaro, sequestro di persona, documenti falsi, lesioni, minacce, coercizione, rapina con violenza, rapina con forza, frode alla sicurezza sociale e possesso illegale di armi.

    I detenuti avevano presumibilmente riciclato più di 10 milioni di euro nell’ultimo anno da truffe informatiche in tutta Europa.

    Praticamente tutta l’operazione si è svolta sull’isola. È qui che sono iniziate le indagini e dove è stata fatta la maggior parte delle perquisizioni e degli arresti.

    Le indagini iniziarono nel giugno 2020 dal Gruppo Crimini Tecnologici della Brigata Giudiziaria della Polizia Nazionale della Stazione di Polizia Provinciale di Tenerife, i cui membri rilevarono che sull’isola aveva sede un gruppo di persone legate a diversi clan mafiosi italiani, la cui missione era riciclare il denaro ottenuto attraverso molteplici crimini informatici commessi in Spagna, Germania, Irlanda, Italia, Lituania e Regno Unito.

    Quando si resero conto fin dall’inizio della portata del caso, gli investigatori del commissariato provinciale cercarono la collaborazione dei loro colleghi della Brigata di Polizia Giudiziaria Locale del Sud, e più tardi si unirono al caso con il Gruppo Frodi Bancarie del commissariato di Polizia Giudiziaria Generale (ora a Madrid).

    L’organizzazione era altamente tecnica, il che permetteva di coprire diversi tipi di frodi informatiche: phishing, smishing, vishing, sim swapping, frodi di CEO e hacking di aziende commerciali.


    Tutto questo ha portato al gruppo enormi quantità di entrate, in particolare più di dieci milioni di euro in un solo anno di indagine.

    Questo denaro, una volta ricevuto in conti bancari controllati, veniva riciclato attraverso le loro società o in criptovalute, e poi riportato alle organizzazioni mafiose. Ad oggi, 118 conti bancari sono stati bloccati.

    La direzione gestiva un’intera rete di reclutatori e intermediari.

    I membri dei vertici di questa organizzazione criminale erano impostati come una vera e propria struttura piramidale criminale, e guidavano tutta una rete di reclutatori e centinaia di intermediari finanziari, noti come “muli”, che, pur essendo posizionati ai livelli più bassi dell’organizzazione, erano un anello indispensabile nella complessa macchina del riciclaggio di denaro.

    Questo gruppo di criminali era riuscito a prendere piede in diversi settori della società: reti commerciali, studi legali e banche, tra gli altri.

    Questo livello di stabilimento non solo ha fornito all’organizzazione l’impunità per il riciclaggio di denaro, ma anche per le diverse attività criminali di questi gruppi mafiosi svolte in Spagna.

    Le indagini della polizia hanno confermato, tra queste attività, la prostituzione, il traffico di armi, il traffico di droga, il rapimento, la frode, il furto di identità, la falsificazione di documenti, i crimini contro la previdenza sociale, le rapine con forza e violenza, le lesioni e persino il coinvolgimento di diversi dei suoi membri in due omicidi compiuti sull’isola.

    La quantità di denaro che ottenevano era così alta che gestivano centinaia di conti bancari che aprivano e chiudevano continuamente, in un’occasione rapendo una donna e, dopo averla minacciata con una pistola, portandola a un bancomat per rubare tutto il denaro e aprire 50 conti bancari online per l’organizzazione.

    Una volta arrestati, hanno minacciato la vittima e il suo entourage per impedire loro di testimoniare contro di loro.

    L’estrema violenza di questo gruppo si è manifestata anche in altre azioni criminali.

    Picchiavano, derubavano stabilimenti ed estorcevano sia i membri dell’organizzazione che si discostavano dalle regole interne, sia altre persone o imprese di Tenerife che, per paura di rappresaglie, non li denunciavano, il che dava loro un notevole grado di impunità.

    Le entrate e le perquisizioni effettuate dagli agenti hanno fornito dati che hanno dimostrato il coinvolgimento degli indagati in numerosi reati penali, tra cui il traffico di droga, poiché sono riusciti a individuare una piantagione di marijuana composta da più di 400 piante e un centro di lavorazione che utilizza il metodo full melt o iceolator, che consiste nel filtrare le foglie di marijuana insieme ad acqua e ghiaccio per aumentarne gli effetti, poiché è molto più potente a causa dell’aumento del principio attivo THC.

    D’altra parte, è stato impedito di realizzare nuove truffe che erano già state preparate, sequestrando in una sola perquisizione più di 80 schede telefoniche utilizzate per i reati di sim swapping e vishing, ottenendo dati su numerose vittime di truffe informatiche.

    Questo metodo di finanziamento era così importante per la mafia che essa inviava dei latitanti dalla giustizia italiana per sorvegliare le loro attività di finanziamento sul terreno e quindi controllare l’ottenimento e l’invio del denaro.

    Due degli arrestati avevano mandati d’arresto europei in vigore per 20 anni di prigione per traffico di droga, rapina con violenza e rapina con forza.

    Una volta stabiliti in Spagna, hanno continuato a vivere grazie al crimine, avendo anche mandati d’arresto in vigore emessi dai tribunali della città di Barcellona e di Tenerife per sequestro di persona e rapina con violenza.

    Era anche comune che un membro della direzione della mafia napoletana si recasse a Tenerife per controllare le operazioni in corso.

    Ogni volta che questo accadeva, le persone indagate con sede nelle Isole Canarie preparavano tutte le misure di copertura e di sicurezza per evitare l’individuazione di questa persona in Spagna, anche se le indagini della polizia permettevano di identificarlo e arrestarlo in Italia per mezzo di un mandato d’arresto europeo.

    A tal fine, l’operazione di polizia è stata progettata, pianificata e coordinata dall’isola di Tenerife, con 18 perquisizioni effettuate e un totale di 106 arresti.

    Per realizzare il dispiegamento di polizia, è stato istituito un unico centro di comando a Santa Cruz de Tenerife, dal quale è stata coordinata e condotta un’operazione di polizia in tre fasi operative, coinvolgendo membri della Polizia Nazionale, di EUROPOL e della Polizia di Stato italiana, stabilendo un canale diretto di comunicazione con le competenti autorità giudiziarie e di procura nella città di Arona (Tenerife), Bari (Italia), l’Ufficio del Procuratore dell’Unità di criminalità informatica della Corte Suprema e l’Ufficio del Procuratore speciale antidroga di EUROJUST.

    Durante l’operazione, gli agenti hanno sequestrato un dispositivo di scarica elettrica, 12.615 euro, 402 piante di marijuana a diversi stadi di sviluppo, due bilance di precisione, materiale per la coltivazione della marijuana, materiale per la distribuzione di dosi di cannabis, 118 conti bancari bloccati, 224 carte bancarie e numerose apparecchiature informatiche, tra gli altri effetti.

     

     

    Articoli correlati