More

    Storico investimento nelle Isole Canarie: il diretto concorrente di Elon Musk controllerà i suoi satelliti dalle isole

    Una delle reti satellitari più importanti al mondo opererà dalle Isole Canarie grazie a un investimento di 300 milioni di euro nell’ambito della Zona Speciale Canaria (ZEC).

    La rete si chiama BeetleSat ed è un concorrente diretto della rete satellitare Starlink di Elon Musk.

    L’accordo per la sua installazione nella Zona Speciale delle Canarie (ZEC) è stato finalizzato da poco e rappresenta uno dei maggiori investimenti nella storia della zona a bassa tassazione delle isole.

    Saranno investiti più di 300 milioni di euro per lanciare nello spazio centinaia di satelliti, controllati dalle Isole Canarie, dove sarà situato il centro di controllo.

    La rete migliorerà il sistema di comunicazione delle Canarie, ponendo l’arcipelago all’avanguardia nell’industria aerospaziale.

    “Le Isole Canarie sono già sulla mappa dei principali investimenti internazionali nel settore aerospaziale e tecnologico”, spiega il presidente della Zona speciale delle Isole Canarie (ZEC), Pablo Hernández.

    Il professore di diritto finanziario e tributario spiega che i promotori di questa pietra miliare dell’aerospazio hanno ben chiaro che la rete è migliore di quella di Elon Musk.

    “Fanno notare che quella di Elon Musk deve far rimbalzare il segnale sulla terra, mentre questi satelliti possono comunicare direttamente tra loro, riducendo la latenza, tra le altre variabili”, spiega Hernández.

    Questo sistema utilizza antenne disruptive dispiegabili di grande apertura che consentono una larghezza di banda dieci volte più ampia rispetto alle tradizionali antenne rigide, offrendo un servizio competitivo e di alta qualità rispetto ad altri sistemi di comunicazione satellitare.


    Il progetto è il risultato dell’alleanza tra Arquimea (spagnola), un’azienda tecnologica globale che opera in settori chiave, e NSLComm (israeliana), un’azienda specializzata in tecnologia spaziale, con la mediazione della Zona Speciale delle Canarie (ZEC), che ha posizionato le Isole Canarie come una destinazione attraente per questa azienda.

    “Verranno installati più di cento satelliti e ci sarà un centro di controllo che richiederà posti di lavoro altamente qualificati”, spiega il Presidente della ZEC.

    Si tratta di uno dei maggiori investimenti economici mai effettuati nelle Isole in questo settore.

    “Hanno analizzato le finestre di lancio più interessanti e la strada da percorrere è ancora lunga, perché resta da decidere dove andranno tutte le infrastrutture”, aggiunge Hernández.

    Negli ultimi anni, le Isole Canarie sono diventate un punto di riferimento internazionale in campo aerospaziale, grazie anche all’Instituto Astrofísico de Canarias (IAC).

    La Zona Speciale Canaria è il regime fiscale delle Isole Canarie che consente riduzioni fiscali per le attività effettivamente svolte nell’arcipelago.

    Il regime compensa le difficoltà delle Canarie ad attrarre investimenti a causa della lontananza, degli alti livelli di disoccupazione e del basso PIL pro capite, riducendo le imposte sulle aziende che generano occupazione e investimenti nelle isole.

    “Questa è una grande notizia, è un grande potenziale per le Isole Canarie ed è una forza trainante innegabile, è perfetta”, ha dichiarato José Luis García, presidente del Cluster Aeronautico e Aerospaziale delle Isole Canarie.

    Finalmente questa notizia è arrivata ai media, non potrei essere più felice. Le Isole Canarie hanno punti di forza indiscutibili per essere un territorio aerospaziale, aggiunge.

    Questa azienda si aggiunge ad altre che stanno effettuando test presso il centro NASA di Maspalomas.

    “Siamo vicini all’Africa, Internet raggiungerà ogni angolo del continente africano grazie a satelliti come questi”, aggiunge García.

    Marco Bortolan

     

     

    Articoli correlati