More

    Le isole Canarie lanciano il decreto legge anticovid

    Il governo delle Isole Canarie prevede di pubblicare oggi nel Bollettino Ufficiale delle Isole Canarie (BOC) il testo del decreto legge che riunisce le misure di controllo contro la diffusione del covid-19, con cui entrerà in vigore il nuovo regolamento e sarà anche inviato al Parlamento delle Isole Canarie per essere elaborato come disegno di legge.

    Il documento mantiene l’uso dei livelli di allarme, ma le misure saranno più permissive di quelle attuali.

    Tra le novità del regolamento c’è la riapertura della vita notturna, uno dei settori più colpiti economicamente dalle restrizioni – è chiusa dall’agosto 2020 – e l’estensione degli orari di apertura degli stabilimenti alberghieri e di ristorazione.

    Come ha spiegato il presidente dell’esecutivo delle Canarie, Ángel Víctor Torres, il regolamento obbligherà i lavoratori dei settori più a rischio, sia nel settore pubblico che in quello privato, a presentare un certificato covid che giustifichi attraverso un test diagnostico negativo che non sono infetti o che hanno un programma di vaccinazione completo.

    Grazie a questo decreto legge, il Ministero della Salute regionale avrà gli strumenti per definire in quali ambienti di lavoro può essere imposta questa misura, che eventualmente riguarderà gli operatori sanitari, le case di cura e i centri educativi.

    In questo modo, il decreto legge mira a fornire sicurezza negli ambienti di lavoro, ora che quasi l’80% della popolazione target nelle isole Canarie è stata vaccinata.


    Il presidente delle Canarie ha assicurato che l’esecutivo è andato “al massimo” di ciò che permettono le leggi e ha difeso che questo regolamento “non è un sotterfugio” o un modo di “andare contro qualsiasi tribunale”.

    Per questo motivo, ha spiegato che è uno strumento per riunire gli accordi promossi durante i mesi della pandemia in un unico documento che è “flessibile” e può essere modificato se la situazione sanitaria migliori o peggiori.

    Il decreto legge, che è stato approvato giovedì nel Consiglio direttivo, si ispira ai regolamenti ratificati in comunità autonome come i Paesi Baschi e l’Aragona.

    Con 28 articoli e quasi 80 pagine, il documento stabilisce per legge l’uso delle maschere, la distanza di sicurezza o la capacità e mantiene la limitazione delle persone per livelli di allarme.

    Il sistema di livelli di allerta, che è stato approvato dal Consiglio Interterritoriale del Consiglio Sanitario Spagnolo e che ogni comunità autonoma attua secondo le sue esigenze specifiche, rimarrà in vigore, ma sarà aggiornato per adattare le restrizioni alla situazione attuale.

    Il presidente regionale ha anche dettagliato che “la vita notturna rimarrà aperta” nelle isole Canarie, qualcosa che è possibile grazie all'”alto grado di vaccinazione” della popolazione dell’arcipelago.

    Con il nuovo decreto legge, un certificato di vaccinazione o un test diagnostico negativo saranno necessari per viaggiare fuori dalle isole che sono in livello 4 di allerta per il covid-19.

    La segretaria organizzativa del CC di Tenerife, Rosa Dávila, ha accusato ieri il governo delle Canarie di “annientare” i settori alberghiero e della ristorazione con le sue “restrizioni contraddittorie” sulla capacità.

    In una dichiarazione, Dávila ha sottolineato che l’entrata in vigore delle “nuove restrizioni” contenute nel decreto legge, sarà “un altro colpo di grazia” per albergatori e ristoratori, soprattutto sull’isola di Tenerife, che il Giovedi è passata dal livello di allarme 4 al 3.

    Ha ricordato che quando Tenerife era nella fase 4, la capacità massima di posti a sedere fuori da ristoranti e bar era di sei persone, ma ora, nella fase 3, il numero di commensali per tavolo è stato ridotto a quattro.

    Il deputato nazionalista dice che questo è “un altro esempio della gestione disastrosa della pandemia da parte del governo di Ángel Víctor Torres”.

    Sottolinea che ora che “si parla” del fatto che il 70% della popolazione sia stata completamente vaccinata, “le restrizioni su alberghi e ristoranti sono maggiori di prima”.

    Dávila attribuisce la colpa e punta il dito anche contro il presidente del Cabildo di Tenerife, Pedro Martín.

    Tra di loro, dice, “stanno portando questo settore alla rovina”. Queste persone vogliono solo lavorare, ma si trovano di fronte ad amministrazioni che non fanno altro che mandarli al fallimento senza dar loro alcuna soluzione”, conclude.

     

    Articoli correlati