More

    Le isole Canarie, la chiave del colpo di stato del 1936

    Nei suoi quattro mesi come capitano generale, Franco stava forgiando il piano che si sarebbe realizzato all’alba del 18 luglio.

    I risultati delle elezioni del febbraio 1936 hanno risvegliato la lotta di classe.

    Il trionfo dei candidati del Fronte Popolare intensificò il già agitato confronto sociale, raggiungendo livelli tali che, come sottolinea lo storico Miguel Angel Cabrera, il momento “andava verso uno scontro aperto tra la borghesia e il proletariato”.

    Secondo lui, la rivolta del 18 luglio ha rappresentato l’atto finale del colpo di stato.

    La nomina di Francisco Franco a capitano generale delle Canarie diede all’arcipelago lo status di chiave della rivolta militare.

    Durante i suoi quattro mesi di comando, dalla capitaneria militare di Tenerife, forgiò il piano dei ribelli, che fece il suo passo finale all’alba del 18 luglio 1936.


    Un proclama dichiara lo stato di guerra.

    A Santa Cruz de Tenerife, unità di fanteria al comando del maggiore Alfonso Moreno Ureña occuparono il Governo Civile (oggi Palacio de Carta), nella Plaza de La Constitución, oggi La Candelaria.

    Inoltre, seguendo i dettami del manuale per un colpo di stato organizzato, furono sequestrati i centri di comunicazione (Poste, Telegrafi e Telefoni), così come altre infrastrutture strategiche e sensibili.

    Gruppi di soldati convergevano sulla piazza da diverse strade, piazzando mitragliatrici sul suo perimetro e penetrando nel palazzo del governo.

    Il governatore civile, Manuel Vázquez Moro, fu licenziato e detenuto nel suo alloggio privato.

    Dopo mezzogiorno, nella capitale sono circolate voci che la rivolta militare era fallita ed era limitata alle isole Canarie, alle Baleari e ad alcune parti del territorio coloniale marocchino.

    La notizia ha scatenato l’entusiasmo.

    Un gruppo di dirigenti di Unión Republicana si recò al comando militare, sollecitando il comandante in carica a ripristinare le autorità civili al potere ed evitare così lo spargimento di sangue, “poiché si temeva una reazione violenta degli anarchici o delle milizie socialiste”, sottolinea Cabrera.

    Il capo militare ha rifiutato di riceverli.

    I leader repubblicani, più alcuni cenetisti, hanno allora fomentato la resistenza e due manifestazioni sono confluite sulla piazza, riunendo circa 300 persone.

    Da un balcone laterale apparve la figura del governatore civile, chiamato dai manifestanti, in compagnia del suo segretario, che alzò il braccio e gridò “Viva la Repubblica”.

    Con chi aprirai?

    Quel sabato, alle sei di sera, le guardie d’assalto, spronate e costrette dai manifestanti, aprirono il fuoco dalle case circostanti e dai tetti sui soldati di fanteria che sorvegliavano il palazzo del governo.

    I soldati hanno respinto l’attacco e nello scambio di fuoco un soldato volontario, Santiago Cuadrado, è stato ucciso, un caporale delle forze d’assalto è stato ucciso e un altro è stato ferito. 

    I fucili delle truppe hanno infine disperso i manifestanti, mentre le guardie d’assalto si sono ritirate nelle loro caserme.

    Dopo la notte, il capitano Francisco Rodríguez, seguito da alcuni soldati, lasciò il quartier generale militare e riuscì a disarmare e catturare le guardie ribelli, mettendo così fine al tragico e deplorevole episodio del 18.

    L’evento portò ai consigli di guerra corrispondenti, che portarono alla fucilazione del governatore, del suo segretario, dei capi Domingo Rodríguez Sanfiel e Francisco Sosa Castilla, così come del tenente Alfonso González Campos, che comandava le forze d’assalto.

    Tuttavia, nelle notti successive al 18 luglio, gli attacchi armati contro l’esercito che pattugliava le strade continuarono e la capitale di Tenerife visse in un clima permanente di spari.

    La Federazione Operaia di Santa Cruz indisse uno sciopero generale, un appello che fu ripetuto in altre parti dell’isola con una significativa presenza proletaria, come la Valle della Orotava e La Laguna.

    L’opposizione effettiva alla rivolta militare fu quasi inesistente a Gran Canaria, eccetto la risposta del tenente colonnello della Guardia Civil Emilio Baráibar e la piccola forza della Guardia de Asalto.

    Lo sciopero generale indetto dalla Federación Obrera ha avuto un valore praticamente testimoniale.

    A Las Palmas, il 18 luglio, i laboratori delle due logge massoniche furono perquisiti e saccheggiati, e la guardia costiera Arcila, che era di stanza nel porto di Las Palmas, salpò per pattugliare la costa nord dell’isola, dove c’erano sacche di resistenza.

    Il loro fuoco di cannone e le operazioni coordinate delle forze dell’esercito e della Guardia Civil misero fine ai pochi difensori della legalità repubblicana ad Arucas, Guía, Gáldar e Agaete, che si arresero.

    I successivi bombardamenti delle grotte di Cuesta de Silva e di altri obiettivi hanno disperso le ultime sacche di resistenza.

    Incidenti come la sparatoria dalla Casa del Pueblo a Las Palmas o la morte di due soldati di pattuglia nella zona del porto sono stati accolti con una risposta energica: gli autori della sparatoria sono stati sfrattati e arrestati, la Casa del Pueblo è stata fatta saltare in aria e l’omicidio dei soldati ha comportato cinque condanne a morte.

    Come risultato della presa del potere da parte dei militari, i leader dei partiti e delle organizzazioni dei lavoratori con qualche responsabilità nella gestione della vita pubblica e delle richieste sindacali dopo le elezioni di febbraio sono stati imprigionati.

    Alberto Moroni

     

    Articoli correlati