More

    Arona raccoglie 1.335 chili di rifiuti nella zona di un sito protetto

    Una squadra di biologi, giardinieri e operai mappano il litorale del Malpaís de Rasca, classificato come Riserva Naturale Speciale, per il Comune e lo puliscono dalla spazzatura.

    Una poltrona, un divano, i resti di un barbecue, una sedia a dondolo, pneumatici e persino una moto, oltre a numerose plastiche e vetri.

    Questo è quello che ha trovato l’equipe di due biologi, un giardiniere e sei lavoratori che hanno partecipano a un programma di occupazione sociale di sei mesi istituito dal Comune di Arona per mappare una zona di grande valore etnografico e naturale della costa del comune, come la striscia di terra che si estende dalla spiaggia di Las Burras alla Riserva Naturale Speciale di Malpaís de Rasca e tra Las Galletas e Montaña Amarilla.

    In totale, e a poche settimane dalla fine del progetto, sono stati raccolti più di 1.335 chili di rifiuti di tutti i tipi, tra cui 650 chili di vetro, 325 chili di plastica e 15 chili di carta, che erano sparsi lungo tutto il tratto di costa.

    Con questo progetto, il dipartimento municipale dell’ambiente mira non solo a ripulire la zona, ma anche a scoprire che tipo di rifiuti vengono lasciati in quest’area (tipi di rifiuti, macerie, oggetti domestici, ecc.), in che quantità e in quali punti, con l’intenzione di prevenire la diffusione dei rifiuti in questa zona, oltre a prevenire danni al paesaggio.

    L’area protetta ha una superficie di 315 ettari, ma il Comune di Arona ha chiesto nell’ultimo mandato di aumentarla del 50% fino a 475 ettari e di preservarla dalla pressione urbana, così come dall’uso improprio della costa da parte degli utenti, essendo una zona di valore geologico, paesaggistico, naturale ed etnografico.


    Il sindaco di Arona, José Julián Mena, ha spiegato che è essenziale valorizzare “l’enorme importanza della costa del comune, che spesso è sconosciuta, perché questo è l’unico modo, non solo per attuare misure di mappatura e pulizia, ma anche per sensibilizzare i residenti e i visitatori per evitare atteggiamenti dannosi”.

    Ha anche ringraziato il lavoro dei tecnici dell’area e i lavoratori del programma “per aver approfondito uno dei valori chiave per il comune, che è la sostenibilità ambientale”.

    Da parte sua, l’assessore della zona, Leopoldo Díaz Oda, ha insistito “sull’importanza dei calanchi di Rasca e della zona che circonda questo litorale”, e ha espresso la sua sorpresa “per il tipo di rifiuti che abbiamo incontrato, che è il risultato di una mancanza di comprensione del valore di ciò che deve essere conservato”.

    La Riserva Naturale Speciale di Malpaís de Rasca, situata in una zona molto vicina a zone densamente abitate e turistiche, comprende un prezioso paesaggio geologico, con diversi coni vulcanici e colate basaltiche che scendono fino al mare, e ospita una trentina di specie endemiche macaronesi, canarie e di Tenerife.

    Tra le specie vegetali, spicca il cosiddetto “tajinaste triste”, che è esclusivo di Tenerife e La Gomera ed è stato incluso nel Catalogo delle specie minacciate delle Canarie.

    Ha anche un’importante zona ornitologica nei dintorni della Charca de El Fraile, dove ci sono fino a 40 specie che possono nidificare, oltre a rettili come il tizón, il perenquén o la lucertola maculata, un grande sauro arcaico.

    In termini di elementi materiali, la riserva ospita vestigia della cultura aborigena e abitazioni in pietra a secco o saline.

    Bibi Zanin

     

    Articoli correlati