More

    Nomofobia: la paura di non essere connessi al cellulare

    Vogliamo provare un esperimento?

    Guardiamoci intorno, ovunque ci troviamo.

    Nella metropolitana, sull’autobus, sulla spiaggia, prendendo un caffè ….

    L’immagine che probabilmente vedremo è che molte delle persone intorno a noi stanno fissando i loro schermi mobili. Inoltre, è molto probabile che per fare questo esercizio abbiamo dovuto alzare la testa da uno schermo.

    Potresti essere interessato a: Sai come le nuove tecnologie influenzano la salute dei nostri figli?

    Il fatto è che viviamo connessi alla rete: lavorare, fare shopping, controllare possibili destinazioni di vacanza, messaggi, e-mail o controllare il tempo sono solo alcune delle cose che facciamo ogni giorno davanti agli schermi.


    Infatti, gli spagnoli trascorrono una media di 6 ore e 54 minuti al giorno utilizzando Internet, secondo uno studio di Hootsuite e We Are Social.

    Questo scenario ha portato numerosi rischi sul tavolo.

    Più della metà degli spagnoli soffre di nomofobia

    Dati recenti del Centro de Estudios Especializados en Trastornos de Ansiedad mostrano che quasi il 53% degli spagnoli soffre di nomofobia, un acronimo per “no-mobile-phone phobia”, cioè la paura irrazionale di passare un periodo di tempo senza un telefono cellulare.

    Questa cifra sale all’81% nel caso dei più giovani, secondo uno studio della società OnePoll.

    Di fronte a questa realtà, diventa ancora più importante essere consapevoli del nostro comportamento, soprattutto di fronte ai nostri figli.

    In numerose occasioni si sente dire “assomiglia a sua madre” o “parla come suo padre”.

    E sebbene la genetica sia in parte responsabile di queste espressioni, il segreto sta nei cosiddetti neuroni specchio, un concetto nato in Italia da un gruppo di ricerca dell’Università di Parma nel 1996 e si riferisce a cellule nervose responsabili di farci imitare certi comportamenti che vediamo in altre persone.

    I primi tre anni di vita dei bambini sono indispensabili per il loro sviluppo successivo, e questo include l’ambiente digitale.

    Uno scenario in cui la maggior parte delle famiglie fallisce, come dimostra uno studio pubblicato sulla rivista Child Development sul numero di volte che telefoni cellulari, computer e tablet interrompono il tempo che passano con i loro figli.

    Lo studio ha coinvolto 170 famiglie con almeno un bambino con un’età media di tre anni e il 48% ha rivelato che questi dispositivi interrompono la loro relazione con i loro figli tre o più volte al giorno, rispetto all’11% che ha detto che questo non è mai successo.

    Come eseguire le routine di disconnessione?

    Per questo motivo, gli esperti di Qustodio, un’azienda dedicata al monitoraggio e alla protezione dell’uso dei dispositivi mobili da parte dei bambini, hanno stilato una lista di raccomandazioni per le famiglie per garantire ai loro figli una sana routine digitale basata sui propri riferimenti familiari.

    È qui che entrano in gioco i neuroni specchio ed è il modo in cui i bambini cominciano a capire come interagire con il loro ambiente in base a ciò che fanno i loro modelli di ruolo, in questo caso i loro genitori.

    È vero che il telelavoro non rende facile, dato che da quando in molte aziende è stato imposto un modello di telelavoro ibrido, quasi 7 spagnoli su 10 dichiarano di rispondere alle chiamate di lavoro fuori dall’orario di lavoro, secondo i dati forniti dalla piattaforma Infojobs.

    Spegnere i nostri dispositivi elettronici, rispettare gli orari di lavoro e dedicare più tempo ad altre attività all’aperto può avere un’influenza benefica sui nostri figli.

    L’analisi della piattaforma sul consumo digitale dei minori aveva già messo in guardia sull’eccessivo aumento del tempo trascorso dai minori, che è cresciuto del 76% sui social network, del 49% sulle applicazioni di comunicazione, del 25% sulle piattaforme video online e del 23% sui videogiochi.

    Secondo l’Osservatorio sociale de La Caixa, i bambini usano i dispositivi digitali per più di 9 ore al giorno.

    Ugo Marchiotto

     

    Articoli correlati