More

    È legale installare webcam sulle spiagge?

    L’Agenzia spagnola per la protezione dei dati fa notare che non violerebbe la legge finché si tratta di immagini di paesaggi o spiagge che non permettono di identificare le persone.

    Il Comune di Santa Cruz de Tenerife ha inaugurato cinque webcam per monitorare la capacità delle spiagge e per fornire ai cittadini immagini in tempo reale dello stato delle spiagge e del tempo in quel momento.

    Possono essere visualizzati da qualsiasi dispositivo in tempo reale.

    Il sistema è utilizzato in altri portali web ed è una pratica diffusa sulle spiagge di tutto il mondo, ma deve soddisfare una serie di requisiti per non scontrarsi con il Data Protection Act.

    Il consigliere d’opposizione Tino Guzmán (PSOE) è stato uno dei primi ad avvertire di questo ed è schietto nell’affermare che “il monitoraggio delle spiagge, sì, ma non in questo modo”.

    Come ha spiegato, ha intenzione di richiedere un dossier contrattuale (dato che è stato fatto un contratto con un’impresa privata) e sta raccogliendo informazioni per scoprire se viola il regolamento, cosa che a priori crede, dato che ci sono telecamere che si concentrano su case e strade pubbliche, non solo sulle spiagge.


    Per questo motivo, chiederà prima informazioni alla Delegazione del Governo e all’Agenzia Spagnola per la Protezione dei Dati per sapere se sta violando la legge e per valutare se avviare l’azione legale appropriata.

    Fonti della Delegazione del Governo nelle Isole Canarie hanno spiegato che autorizzano le telecamere se è una forza o un ente della Sicurezza dello Stato che le richiede, ma che non hanno nessuna registrazione di richieste di tali telecamere (quelle di Santa Cruz de Tenerife) in questa Delegazione.

    Il consiglio, da parte sua, sottolinea di essersi consultato con degli esperti e che, dato che non stanno registrando immagini ma piuttosto webcam a bassa risoluzione che forniscono informazioni in diretta, ritengono che non avrebbero dovuto richiedere questa richiesta al governo statale.

    Inoltre, nel comunicato sull’inaugurazione, l’assessore all’ambiente, Evelyn Alonso, ha sottolineato che “il Concistoro non ha dovuto chiedere l’autorizzazione alla Subdelega del Governo Centrale delle Canarie per l’installazione di queste telecamere, perché non sono di sicurezza o sorveglianza”.

    Cosa dice la legge sulla protezione dei dati?

    “La cattura di immagini di persone identificate o identificabili su strade pubbliche e al di fuori di una sfera strettamente personale o domestica è riservata, esclusivamente, alle Forze e Corpi di Sicurezza dello Stato a fini di videosorveglianza, in conformità con le disposizioni della Legge Organica 4/1997”, è quanto afferma la normativa vigente.

    L’attuale guida sull’uso delle videocamere per la sicurezza e altri scopi stabilisce che “il regolamento generale sulla protezione dei dati non si applicherebbe quando le immagini mostrano un panorama generale di una spiaggia in cui non è possibile identificare individui, come sarebbe il caso quando lo scopo delle immagini è quello di mostrare lo stato delle onde per fornire informazioni agli appassionati di surf sulle condizioni per la pratica di questo sport”.

    Tuttavia, il dubbio sta nel fatto che nel caso di Roque de Las Bodegas, le telecamere (che in questo caso sono trasmesse in diretta e le immagini non sono registrate) puntano verso le case e la strada pubblica, poiché la guida afferma che dovrebbero mostrare una vista panoramica della spiaggia e non permettere l’identificazione delle persone.

    Tino Guzmán sottolinea che in questo caso deve essere visualizzato e ispezionato da personale specifico.

    Inoltre, sottolinea che anche i veicoli possono essere identificati.

    Nel 2015, l’Agenzia spagnola per la protezione dei dati (AEPD) ha multato El Corte Inglés con 40.001 euro per aver tenuto una serie di telecamere esterne in due dei suoi centri a Las Palmas de Gran Canaria, che non solo registrano ciò che accade all’interno delle sue strutture, ma anche ciò che accade nei dintorni.

    “L’installazione di videocamere in luoghi pubblici, così come la sicurezza pubblica, è di competenza esclusiva delle Forze e dei Corpi di Sicurezza”, ha spiegato l’agenzia all’epoca.

    Redazione

     

    Articoli correlati