More

    Il governo decide di estendere la limitazione dei gruppi di persone e chiederà il rinnovo dell’approvazione del TSJC

     L’Alta Corte ha già appoggiato questa misura il 9 maggio, quindi il governo delle Canarie è fiducioso che sosterrà ancora una volta una restrizione rilevante per il controllo della pandemia.

    Oltre ai soliti rapporti sul contagio e l’occupazione degli ospedali, il governo regionale includerà nella sua richiesta un rapporto di polizia su come il controllo di questa misura è stato applicato fino ad oggi.

    Il portavoce del governo delle Canarie, Julio Pérez, ha annunciato questo mercoledì, dopo la riunione straordinaria del Consiglio tenutasi nella sede della presidenza a Santa Cruz de Tenerife, che l’esecutivo ha deciso di estendere la limitazione dei gruppi di persone in spazi pubblici e privati secondo i livelli della pandemia nelle diverse isole fino al 31 agosto e a seconda che siano conviventi o meno.

    Questa misura è stata adottata nelle isole lo scorso maggio, è stata approvata dall’Alta Corte di Giustizia delle Canarie (TSJC) in una sentenza unanime il 9 di quel mese, e ora il governo regionale chiederà ancora una volta, il più presto possibile, l’appoggio della corte, sostenendo che l’incidenza accumulata del virus e la pressione sugli ospedali ha continuato a crescere nelle isole da allora.   

    In una conferenza stampa dopo il Consiglio, Pérez ha ricordato che questa limitazione per il momento rimane in vigore fino al 31 luglio.

    Dopo essere stato informato dei rapporti degli esperti sanitari, e data l’importanza che le ultime pronunce giudiziarie danno al fatto che le restrizioni adottate siano limitate nel tempo, il governo regionale ha deciso di prorogarle per tutto il mese di agosto, anche se rimane a carico della nuova autorizzazione del TSJC.


    La misura è stata adottata dopo la revoca dell’ultimo stato di allarme e si applica sia di notte che di giorno e in spazi pubblici e privati, così come all’aperto e al chiuso.

    Pérez ha fatto riferimento alla complessità del monitoraggio nei luoghi pubblici e, per questo motivo, l’esecutivo accompagnerà un rapporto di polizia su come viene monitorata la conformità, un testo che completerà quelli di natura epidemiologica e l’occupazione di letti di terapia intensiva e piani di ospedale.

    Nelle isole di livello 1, è consentito un massimo di 10 persone non conviventi (coloro che non vivono nella stessa famiglia), mentre nelle isole di livello 2, il limite è fissato a sei.

    Nei casi in cui il semaforo epidemiologico sale a 3 o 4, il limite è fissato a quattro persone.

    Il 9 maggio, il TSJC ha ratificato questa decisione senza voti contrari, ritenendo che fosse proporzionata alla situazione di contagio e negli ospedali, e che non implicasse una limitazione dei diritti fondamentali che non fosse giustificata.

    Il governo è fiducioso che, poiché i dati sulla pandemia sono peggiorati considerevolmente da allora, la Corte sosterrà nuovamente la misura.

    Il portavoce ha sottolineato che gli esperti considerano questa limitazione come una delle più efficaci, “anche se complessa da applicare”, anche se ha insistito che il controllo del contagio e i cambiamenti si verificano sempre grazie alla combinazione di varie misure.

    Questa complessità spiega perché, nel settore privato, la limitazione diventa in pratica una raccomandazione al pubblico, ha detto.

    Pérez ha sottolineato che il governo “ha sempre cercato di anticipare gli eventi e l’evoluzione della pandemia” per minimizzare gli effetti sanitari ed economici.

    Ecco perché, dato che gli esperti sostengono che il coprifuoco è una delle restrizioni che ha il miglior effetto sulla popolazione più giovane, la più colpita dal contagio in questo momento, hanno deciso di reintrodurlo sulle isole dalle 00:30 alle 6:00.

    Tuttavia, e dopo il rifiuto del TSJC e la ratifica della Corte Suprema in un’ordinanza di martedì 27 luglio, il governo ha ieri studiato a fondo quest’ultima sentenza e, soprattutto, l’affermazione della Corte Suprema che la situazione di regioni come la Catalogna, la Cantabria o Valencia, dove ci sono più di mille casi in sette giorni, non può essere paragonata a quella delle Canarie, dove è stato chiesto di limitare la mobilità notturna nelle isole con più di 100 casi.

    “La logica del governo è sempre stata quella di evitare di cadere dal precipizio e di anticipare.

    Sosteniamo che il criterio di fare limitazioni per isole, e non per contee, è il modo migliore per controllare la pandemia, anche se, anche così, abbiamo anche proposto che dovrebbe essere fatto da comuni con più di 100 casi, ma non hanno approvato neanche questo e ne prendiamo atto”.

    Il Consiglio ha anche discusso la possibilità che i lavoratori pubblici di alcuni servizi pubblici siano vaccinati, “dato che, sebbene il processo di immunizzazione stia avanzando, lo stesso vale per l’incidenza e la pressione sugli ospedali, il che obbliga il governo a mantenere un alto livello di preoccupazione”, ha detto il portavoce del governo.

     

    Articoli correlati