More

    La nave del Puerto celebra il suo 100° anniversario a terra

    La prima processione marittima della Virgen del Carmen si è tenuta il 12 luglio 1921 e quest’anno non si ripeterà.

    La popolare barca della Virgen del Carmen a Puerto de la Cruz celebra un secolo di storia che non potrà festeggiare con la folla sul molo.

    Il prossimo martedì 13 luglio la Reina de los Mares non navigherà per la gioia dei locali e dei visitatori, che dovranno aspettare, almeno fino al luglio 2022, per celebrare questo centenario come merita una tradizione così radicata.

    Lo storico dell’arte Eduardo Zalba González sta indagando dal 2019 sulle origini della processione marittima che raccoglie più pubblico nelle isole Canarie e ha potuto verificare che non è iniziata nel 1925, come si pensava, ma almeno quattro anni prima: un martedì 12 luglio 1921, come si riflette nei giornali dell’epoca.

    La Prensa ha detto il 14 luglio 1921 che “la processione della Virgen del Carmen sulla baia è stata molto bella. L’immagine sacra fu portata attraverso il mare in una barca, scortata da più di cinquanta barche e lance decorate, presidiate da centinaia di persone”.

    Il cronista del giornale fondato da Leoncio Rodriguez ha aggiunto che “l’atto è stato commovente, testimoniato da una folla enorme, che ha riempito completamente le spianate del molo e le strade adiacenti. Anche le finestre, i tetti e i balconi erano affollati di gente”.


    Eduardo Zalba è responsabile della mostra recentemente inaugurata Cento anni di navigazione, che rimarrà all’Istituto di Studi Ispanici delle Isole Canarie (IEHC) fino alla fine del mese.

    Questo ricercatore ha detto che “come tutto nella storia, e fino a prova contraria, oggi abbiamo dati che indicano che la prima barca fu martedì 12 luglio 1921. Capiamo che è difficile trovare qualcosa che dica il contrario, ma non si sa mai se si può scoprire qualche altro nuovo dato.

    Finora si pensava che fosse stato nel 1925 e così è stato raccolto nei programmi delle Fiestas de Julio e altre pubblicazioni recenti, ma non era molto sicura la data, così abbiamo intrapreso questa ricerca con le fonti disponibili”.

    Questo studio permise a Zalba di scoprire che nel 1921 e 1922 c’erano prove dell’imbarco della Virgen del Carmen a Puerto de la Cruz.

    “Abbiamo anche lavorato con fonti del 1920. Tuttavia, in quell’anno non vi è alcuna menzione nei giornali o negli archivi comunali.

    È anche vero che la confraternita, l’attuale Cofradía de Nuestra Señora de la Virgen del Carmen, fu creata nell’agosto 1919 ed è probabile che nel luglio 1920 non avesse ancora la forza organizzativa sufficiente per montare una barca.

    Sappiamo che il primo anno ci sarebbe stata una processione terrestre e che nel 1921 l’imbarco ebbe già luogo, come è accreditato in La Prensa e in La Gaceta de Tenerife”.

    In quei primi tempi, “un’immagine della Virgen del Carmen fu portata dalla Villa de La Orotava, dove non aveva alcuna utilità”, dice Zalba.

    “Si crede che facesse parte del presepe della chiesa di San Juan e che il parroco di Nuestra Señora de la Peña de Francia, Antonio Marín, che era stato precedentemente parroco a La Orotava, avrebbe saputo della sua esistenza.

    Non c’è nulla che lo certifichi, ma è sempre stata raccontata la stessa versione”. Si tratta di “un’immagine secondaria del presepe, che è stata utilizzata come pastorella, opera di Nicolás Perdigón nel 1888”, precisa questo storico dell’arte nato a Puerto de la Cruz.

    Quell’immagine portata da La Orotava fu quella che fu imbarcata tra il 1921 e il 1953, “fino al 1954 quando iniziò l’attuale intaglio, opera di Ángel Acosta Martín, uno scultore di Puerto de la Cruz che aveva sede a Tortosa (Tarragona), e che donò l’attuale Virgen del Carmen alla sua città natale”.

    La prima scultura che uscì in processione marittima a Puerto de la Cruz si conserva nel museo della Parrocchia di Nuestra Señora de la Peña de Francia, “anche se senza il Gesù bambino, che è andato perduto”.

    La trasformazione della barca della Virgen del Carmen nel XXI secolo ha raccolto più di 30.000 persone intorno al vecchio molo.

    Zalba sottolinea che nelle immagini mostrate nella mostra dell’IEHC si può vedere che “l’afflusso di persone sta crescendo, anche se non possiamo parlare di un punto di svolta specifico.

    Forse è dagli anni ’60 e ’70 del XX secolo che la festa ha cominciato a raccogliere molta più gente, “anche se niente di paragonabile a quello che si concentra oggi.

    Nei testi della mostra si spiegano alcune delle chiavi di questa celebrazione, “come il fatto che l’immagine di San Telmo non comincia a imbarcarsi fino alla decade degli anni 60 del XX secolo.

    La Virgen del Carmen si è imbarcata da sola nella città per più di 40 anni.

    Zalba considera “un peccato” che questo centenario è arrivato proprio al momento della pandemia di coronavirus, che ha impedito la spedizione nel 2020 e ancora una volta costringe ad annullare il prossimo martedì 13 luglio 2021.

    “L’anno scorso abbiamo pensato che sarebbe stato possibile celebrarlo nel 2021, ma date le caratteristiche così molteplici di questa celebrazione, dovremo aspettare per vedere se nel 2022 sarà possibile godere di questo centenario come merita: con una grande nave”.

     

    Articoli correlati