More

    Un nuovo cavo sottomarino rafforza i collegamenti con l’Europa e il mondo

    L’accordo tra la società pubblica Canalink e Vodafone permette di commercializzare la fornitura di servizi a enti pubblici o privati per rendere redditizio l’investimento.

    Il Cabildo, attraverso l’azienda pubblica dipendente da ITER Canalink e in alleanza con il gigante delle comunicazioni Vodafone, si unisce al progetto globale 2Africa per partecipare alla costruzione di un nuovo cavo sottomarino.

    Il suo primo obiettivo è quello di migliorare e rafforzare i collegamenti dell’Isola e dell’Arcipelago con l’Europa e il mondo.

    L’iniziativa è una chiave fondamentale nel percorso per implementare pienamente la tecnologia 5G, ma definisce anche un secondo percorso: quello che giustifica la ricerca di redditività che permette di recuperare l’investimento iniziale di dieci milioni di euro.

    È il percorso di fornitura di servizi a terzi, sia enti pubblici che privati.

    Il presidente dell’isola, Pedro Martin, presenta “con ottimismo” l’accordo di un’iniziativa che sarà una realtà alle soglie del 2023, l’obiettivo di un lungo processo.


    Tenerife come leader nelle comunicazioni delle isole Canarie al resto del mondo con una maggiore velocità e qualità nei servizi di dati, avendo la propria infrastruttura.

    Insieme a Martín, la nuova estensione del cavo sottomarino è stata presentata dall’assessore all’innovazione dell’isola, Enrique Arriaga; il direttore della Rete Vodafone, Javier García (virtualmente), e il direttore di Vodafone Canarias, Javier Álvarez.

    Questo cavo in fibra ottica fornirà a Vodafone e Canalink la capacità necessaria nei prossimi decenni per garantire il traffico voce e dati.

    In breve, per fornire la migliore connettività alle isole Canarie.

    37.000 chilometri.

    Lunghezza del cavo che collega Tenerife con Città del Capo, in Sudafrica, e con solo 3.000 chilometri in meno della circonferenza della terra.

    Pedro Martín ha sottolineato che “questa infrastruttura mette Tenerife alla testa di tutta la Spagna nelle connessioni via cavo sottomarino”, a cui aggiunge: “Ci dà la possibilità di avere un modo aperto a qualsiasi opportunità di business, creazione di posti di lavoro, generazione di ricchezza che viene collegato al settore digitale”.

    Egli ritiene che questo sia un “lavoro fondamentale, data la condizione di territorio isolato e fragile della nostra isola”.

    Il Cabildo, attraverso Canalink, e Vodafone hanno una partecipazione del 50% ciascuno nella sezione delle Isole Canarie di questo nuovo spiegamento, che sarà costruito da Alcatel Submarine Networks (ASN).

    Martin aggiunge: “La connettività è fondamentale per l’isola”, e sottolinea: “La diversificazione economica può venire solo da avere i mezzi di comunicazione più potenti”.

    Infine, il presidente indica: “L’intenzione è quella di dare qualità e velocità alle comunicazioni e fornire un servizio di qualità in modo che l’investimento ritorni”.

    Enrique Arriaga sottolinea che la connettività “ci permetterà di cercare modelli economici alternativi al settore dei servizi attraverso l’innovazione e la tecnologia”.

    Aggiunge: “Canalink è un’azienda redditizia con fondi propri per poter intraprendere questo investimento”.

    Il presidente di Canalink avverte che ci sono voluti due anni per raggiungere questo accordo, “per il quale pagheranno dieci volte meno di altre proposte che erano sul tavolo”.

    Si riferisce a un progetto simile, con Google come partner, che è stato inizialmente valutato a cento milioni di euro.

    Addirittura, aggiunge, “c’è stato un lavoro preliminare su una nave nelle nostre acque con un semplice accordo verbale e abbiamo dovuto fermare tutto”.

    “Era un affare che non aveva senso”.

    Arriaga commenta che questo progetto riduce la dipendenza dell’isola dalla connettività esterna attraverso un “partner affidabile” come Vodafone.

    È convinto che “l’idea attirerà aziende tecnologiche, data la sicurezza legale e digitale fornita dal nuovo cavo sottomarino”.

    Javier Álvarez è il direttore di Vodafone nelle Isole Canarie.

    Riassume: “Avrà un impatto positivo, sia per i clienti privati che per le imprese e le istituzioni, perché ci permetterà di beneficiare di un sistema di comunicazione all’avanguardia.

    È anche un’ulteriore dimostrazione del nostro impegno verso le isole”.

    E aggiunge: “La gamma di questa pietra miliare va dal possibile business con l’Africa al tanto discusso ed essenziale processo di digitalizzazione globale”.

    Le Isole Canarie diventeranno il “polo tecnologico” per operare nel mercato africano.

    Javier García, invece, spiega i dettagli tecnici del cavo, come il fatto che l’estensione che collegherà le Canarie con la Penisola misurerà 1.706 chilometri e ha la capacità di evolversi secondo le necessità del momento, così che, in futuro, potrà adattarsi a velocità di scambio di informazioni più elevate.

    Egli afferma che il nuovo cavo aiuterà a collegare l’Africa, l’Europa e il Medio Oriente, con “copertura completa” per aumentare il 5G.

    Secondo lui, l’impatto economico sarà “bestiale” per l’impresa, perché ci sarà “più velocità e capacità” e nuovi servizi potranno essere offerti, attraverso la tecnologia 5G, alcuni “difficili da pensare oggi”.

    L’estensione del cavo sottomarino 2Africa è guidata da un consorzio internazionale formato, tra altri giganti, da Vodafone stessa e Facebook.

    Una volta disponibile, alla fine del 2023, come previsto, fornirà un percorso ottico senza interruzioni tra le isole Canarie e l’Europa.

    Con un doppio beneficio per le isole e Tenerife: servizi di telecomunicazione globali -dati mobili, telefonia fissa, accesso a banda larga…- e la possibilità di commercializzarli.

    Cristiano Collina

     

    Articoli correlati