More

    Wildpret: “Anaga conserva ancora tesori per l’economia che non conosciamo”

    La Fondazione Santa Cruz Sostenibile celebra un ciclo sul futuro della Riserva della Biosfera dopo 6 anni del titolo dell’Unesco.

    Il futuro della Riserva Mondiale Anaga deve basarsi su molteplici variabili, ma tutte devono conciliare la conservazione della diversità biologica e culturale con lo sviluppo economico e sociale, attraverso l’associazione tra persone e natura.

    Con questo punto di partenza, la Fundación Canaria Santa Cruz Sostenible ha tenuto la prima delle tre giornate del ciclo intorno al futuro della Riserva della Biosfera dopo sei anni da quando l’Unesco ha concesso quel titolo al massiccio di Anaga, e la sua estensione marina.

    Riserva marina che, come hanno ricordato i relatori del primo tavolo, è ancora in gran parte sconosciuta.

    Tra i partecipanti, moderati dalla presidente del Consiglio Scientifico del Comitato Uomo e Biosfera (MaB) dell’Unesco in Spagna, Marisa Tejedor, c’era il prestigioso professore di botanica Wolfredo Wildpret.

    Come profondo conoscitore di Anaga ha voluto attirare l’attenzione sulle ricchezze che ha questo territorio per l’economia di una società, se si sa studiare questi tesori e valorizzarli, aiuterebbe a mantenere gli attuali standard di vita.


    “In questo momento dobbiamo cercare di coordinare un uso serio del territorio, con criteri scientifici e conservazionistici, perché in questo territorio ci sono risorse economiche che non conosciamo, che possono essere interessanti se continuano ad essere studiate, perché potremmo scoprire esseri viventi che, forse, in un prossimo futuro potrebbero esserci molto utili”.

    Wildpret ha voluto attirare l’attenzione sull’annunciata resistenza agli antibiotici che l’uomo sta sviluppando e che fa azzardare agli scienziati che, nel 2050, questi farmaci cesseranno di essere efficaci.

    “Beh, è molto probabile che in quelle terre di Anaga ci siano esseri viventi, elementi che ci aiutano a continuare a mantenere il livello di vita che abbiamo ora, con la stessa protezione che ci forniscono questi farmaci”, ha spiegato lo scienziato.

    Quest’ultima zona, che il professore si rammarica che, al momento, “non è protetta” in quanto non sta ricevendo tutto l’aiuto necessario “per scoprire un’importante fonte di ricchezza che probabilmente è lì da anni”.

    Ha anche messo in valore un territorio che è già noto per la sua grande biodiversità e che ha ricordato che ha 15 specie uniche che non si verificano in qualsiasi altra parte del mondo, “un gioiello della natura universale.

    Ha fatto un breve riassunto delle origini del massiccio, che per migliaia di anni ha funzionato come “una macchina di vita” e che, con l’arrivo dei primi coloni ha subito la sua prima trasformazione, cioè quando il territorio ha cominciato ad essere utilizzato per la sussistenza.

    Con i conquistatori arrivò la seconda fase di questa grande trasformazione, che Wildpret definì come la fase “distruttiva” di Anaga, in cui il territorio fu trasformato “in modo violento”.

    Si sfruttò il legno, poi la coltivazione alla maniera mediterranea, e si importarono nuovi elementi necessari al mantenimento della popolazione.

    Castagni, cereali, altre piante, patate… un continuo sviluppo di introduzione nel territorio, che lo ha reso vulnerabile a molte specie esotiche.

    “Questa è la parte drammatica”, ha detto.

    L’ex direttore del parco rurale di Anaga, Cristobal Rodriguez, ha dettagliato le diverse aree di protezione che ha la riserva, fino a 13 diverse, tra marine e terrestri.

    Il terzo dei relatori è stato Alberto Brito, professore di biologia animale, che ha concentrato la sua presentazione sulla ricchezza marina dei fondali Anaga.

    Il sindaco ha spiegato che Santa Cruz investirà quest’anno in Anaga circa dieci milioni di euro, attraverso le varie entità e aziende comunali.

    “Un investimento volto a varie azioni per migliorare la qualità della vita dei suoi abitanti, che sono più di 10.000 a Santa Cruz”.

    Bermudez ha difeso la necessità che altre istituzioni diano un impulso definitivo a uno spazio che, sei anni dopo, non ha ancora un consiglio di amministrazione.

    Bina Bianchini

     

    Articoli correlati