More

    Santa Cruz non proibisce ma scoraggia i falò a San Juan

    Il consiglio comunale non lo considera “consigliabile” a causa della pandemia, anche se è stato progettato un dispositivo speciale per controllarli.

    Il Consiglio comunale di Santa Cruz de Tenerife, attraverso l’area di pubblica sicurezza e strada, sta lavorando sulla possibile celebrazione dei tradizionali falò di San Juan, sospesi l’anno scorso a causa della situazione pandemica.

    Il concistoro sottolinea che l’attuale situazione sanitaria di Tenerife “non consiglia la sua celebrazione, anche se nel caso in cui si verificano ha organizzato un’operazione per garantire, per quanto possibile, che questi siano sviluppati seguendo le norme in vigore e in modo controllato.

    Il rischio più grande è che intorno ai falò si concentrino persone senza rispettare le norme sanitarie.

    In ogni caso, come negli anni precedenti, dalla sezione di protezione civile, con il supporto del gruppo di volontari, inizierà a georeferenziare ogni pira, analizzando le dimensioni, i rischi di localizzazione, il rispetto delle normative e i materiali utilizzati.

    Come negli anni precedenti, insistendo il Consiglio comunale per scoraggiare la loro celebrazione, sarà vietato fare falò in strade e spazi pubblici, parchi, giardini, barrancos e spiagge.


    I falò non possono superare i tre metri di altezza, o cinque di diametro, devono anche essere separati da aree a rischio come edifici, linee telefoniche o elettriche e vegetazione per almeno 20 metri.

    Come nelle altre edizioni, tutte queste informazioni e il database con il censimento, l’ubicazione, il livello di rischio di ogni falò vengono condivisi nei giorni precedenti a questa celebrazione sia con il Consorzio dei Vigili del Fuoco di Tenerife che con la sala di coordinamento del CECOES-112 Canarie.

    Anche la scelta dei materiali da bruciare sarà controllata, evitando, per ragioni di sicurezza e ambientali, l’uso di oggetti infiammabili, esplosivi, plastica, pneumatici, elettrodomestici e altri che possono generare gas nocivi.

    Tutta l’area circostante il falò deve essere liberata dalla vegetazione e dalle stoppie, per evitare la diffusione delle fiamme se il fuoco va fuori controllo.

    Una volta terminato il falò, si deve garantire che sia completamente spento e per evitare rischi, deve essere disponibile qualche tipo di approvvigionamento d’acqua durante la celebrazione per mezzo di tubi, secchi o altro.

    Lo sviluppo dei falò sarà anche condizionato dalle condizioni meteorologiche di quei giorni, sia per i falò di San Juan, come quelli di San Pedro.

    Possono essere sospesi se c’è qualsiasi tipo di attivazione di allarme incompatibile con la realizzazione del fuoco.

    Saranno anche proibiti se si superano condizioni come temperature di più di 30 gradi o venti di più di 30 chilometri all’ora.

     

    Articoli correlati