I comuni del nord-ovest di Tenerife si uniscono per chiedere ai loro residenti di fare un uso razionale dell’acqua potabile per evitare restrizioni, tagli e carenze nei mesi più caldi dell’anno.

I comuni di San Juan de la Rambla, La Guancha, Icod de los Vinos, Garachico, Los Silos, El Tanque e Buenavista del Norte hanno lanciato una campagna di sensibilizzazione congiunta affinché l’acqua potabile non venga sprecata per riempire piscine, irrigare giardini e orti o lavare automobili.

Tre sindaci e sei consiglieri responsabili dell’approvvigionamento idrico, hanno messo da parte ieri le questioni politiche e sono apparsi insieme a La Guancha per ricordare che l’acqua è “una responsabilità condivisa”.

Il sindaco guanchero, Antonio Hernández, ospite a questo incontro ha riconosciuto che il problema della fornitura di acqua potabile nei mesi estivi “è qualcosa che a un certo punto ha tolto a tutti noi il sonno in questa regione”.

Secondo lui, è molto importante che gli abitanti della zona, dell’isola e del resto delle Canarie “prendano coscienza che l’acqua non è sufficiente e che ci costa molto mantenere una fornitura continua a tutte le ore ogni giorno dell’anno”, e sottolinea che “qui siamo stati tutti colpiti dal restare  senza acqua”.

Hernández ha avvertito che senza la cooperazione dei cittadini sarà impossibile “garantire un servizio ininterrotto in futuro”.


Il sindaco di Icod de los Vinos, Francis González, ha sottolineato l’importanza di “lavorare insieme” per far avanzare la coscienza collettiva: “Questo è un problema condiviso che ci coinvolge e ci riguarda tutti.

L’acqua non è infinita.

L’appoggio di altre amministrazioni è essenziale e si rammarica che “i consigli sono soli in una situazione che è molto complicata”.

Abbiamo assunto competenze che non erano nostre, senza che questo abbia comportato più risorse umane o economiche”.

Antonio González Fortes, sindaco di Buenavista del Norte, ha sottolineato l’importanza di lavorare insieme “negli ultimi due anni”.

Ha menzionato l’aiuto occasionale fornito da alcuni comuni ad altri in tempi di scarsità e ha osservato che “non possiamo continuare a condividere la miseria con un sistema di distribuzione che è del secolo scorso, siamo già nel XXI secolo”.

La fornitura di acqua potabile è una questione della massima importanza per noi, che richiede anche il coinvolgimento della popolazione, soprattutto in un momento in cui il consumo di acqua aumenta molto.

Per evitare di rompere il precario equilibrio nell’approvvigionamento di questi comuni, i loro leader capiscono che è essenziale migliorare i canali di approvvigionamento e incorporare fonti alternative alle gallerie e ai pozzi tradizionali.

“Ci sono questioni fondamentali che i comuni non possono risolvere da soli e le altre amministrazioni non possono guardare dall’altra parte”, ha detto Francis Gonzalez.

L’assessore di Acqua, Opere e Servizi di Los Silos, Francisca Perez, ha sostenuto che evitare di utilizzare l’acqua della rete pubblica per riempire le piscine o lavare le auto, sarebbe corretto dal momento che abbiamo bisogno di bere.

Elvis de León, assessore per l’acqua Garachico, ha aggiunto che questa campagna è “molto importante e necessaria” in vista della stagione estiva, “in cui tutti i comuni devono affrontare un aumento del consumo mentre i livelli dei serbatoi non crescono.

Questo ci obbliga a chiedere responsabilità, saggezza e coerenza alla popolazione, dato che stiamo parlando di un bene scarso e di una questione condivisa: se un comune ha problemi, alla fine ci riguarda tutti.

Tutti noi dipendiamo fondamentalmente dagli stabilimenti di Altos de Icod e Cruz de Tarife”.

Bina Bianchini