Le isole Canarie avranno abbastanza rotte e aerei per affrontare con garanzie la stagione turistica estiva.

Ora resta da vedere se ci saranno abbastanza passeggeri per riempire gli aerei, almeno in una quantità che giustifica lo sforzo delle aziende per ristabilire la connettività persa a causa della pandemia.

Le compagnie aeree recupereranno nei prossimi mesi un totale di 117 rotte soppresse dal marzo dello scorso anno, quando il governo centrale ha decretato uno stato di allarme.

L’associazione delle compagnie aeree (ALA) ha confermato che le aziende che operano nell’arcipelago hanno programmato 260 collegamenti con la comunità autonoma, in particolare con gli aeroporti di Gran Canaria, Tenerife sud, Lanzarote e Fuerteventura, per l’imminente stagione estiva.

Anche se questo è un numero considerevole, le rotte di linea sono ancora ben al di sotto dell’offerta abituale negli anni pre-pandemici.

Infatti, l’ALA calcola che le rotte previste per questa estate sono equivalenti al 78% di quelle offerte nella stessa stagione del 2019, che è stato l’ultimo anno di normalità prima dello scoppio della pandemia.


In altre parole: le Isole Canarie saranno collegate per via aerea con praticamente otto delle dieci destinazioni con cui avevano voli in servizio la scorsa estate.

Il ritorno al normale traffico aeroportuale è uno degli obiettivi verso cui si è cercato di pubblicizzare alla Fiera Internazionale del Turismo (Fitur), a Madrid.

Il Ministero del turismo del governo regionale, che è diretto da Yaiza Castilla, sta cercando, nei colloqui in corso e negoziati con le aziende, un modo per cui la comunità autonoma, una volta superato la pandemia, abbia almeno la stessa connettività che aveva prima della crisi.

Un obiettivo che coincide con quello delle compagnie aeree che, in generale, stanno attraversando il momento più delicato della loro storia, con molte sull’orlo del fallimento, molte altre già fallite e molte altre salvate dai loro governi.

Si ricorda che dopo il primo stato di allarme nazionale, decretato il 14 marzo 2020, il settore dell’aviazione commerciale è stato costretto a ridurre la sua attività fino a quasi sopprimerla.

Tanto che le operazioni si limitavano a voli per il trasporto di materiale medico o per i rimpatri, che rappresentavano appena il 5% del normale volume di attività.

Ci sono stati 750 voli di rimpatrio e 590 voli per il trasporto di materiale medico.

Per dare una spinta al settore, e con questo anche all’industria turistica e in definitiva all’economia regionale, il Parlamento delle Canarie ha chiesto al governo di Pedro Sánchez di abbassare le tasse aeroportuali.

L’argomento dei deputati della Camera autonoma è che l’abbassamento delle tariffe – tra le altre cose chiedono l’esonero del pagamento della tassa sui passeggeri in tutte le località spagnole che voleranno verso l’arcipelago da luglio – incoraggerà le compagnie a mettere più posti sul mercato.

Tuttavia, la richiesta del Parlamento regionale ha avuto una risposta da Madrid anche prima di essere trasferita ufficialmente.

L’esecutivo centrale ritiene che le tasse aeroportuali di Aena “non sono mai state un fattore determinante per il funzionamento delle compagnie aeree, e meno che meno ora, quando il problema non è il prezzo del biglietto ma la fiducia del passeggero, indebolita dalla crisi sanitaria e la conseguente chiusura delle frontiere, restrizioni e quarantene”.

Così dice il governo nella risposta scritta a una domanda di diversi membri del Congresso del PSOE, dove aggiunge che l’abbassamento delle tariffe per recuperare l’attività e la connettività “non è una misura efficace”.

Franco Leonardi