Foto di Cristiano Collina

Il settore prevede 1.400 milioni di perdite tra il 2020 e quest’anno.

Sopravvivere

Questo è quello che stanno cercando di fare le quasi 300 compagnie di noleggio auto che operano nell’arcipelago ed affrontare, in questo 2021, un secondo anno di turismo e perdite.

Settore sostenuto dai crediti ERTE e ICO, i ‘rent a car’ hanno smaltito nell’ultimo anno il 70% della loro flotta al fine di capitalizzare e ridurre i costi eccessivi.

Questo ha permesso alla maggior parte delle aziende di prendere fiato per continuare a restare in vita, anche se alcune più piccole hanno già chiuso e altre sono al limite.

Degli 82.000 veicoli stimati sulle isole prima che la pandemia fosse dichiarata, le società di noleggio mantengono il 30%, circa 22.000 unità.

Questa cifra è un ritorno ai livelli di 36 anni fa, nel 1985.


Il restante 70% è stato venduto, la maggior parte di loro – più della metà – sono stati commercializzati al di fuori dell’arcipelago e il resto, come veicoli di seconda mano all’interno delle isole Canarie, a condizioni e prezzi molto interessanti, secondo Roberto Davila, il segretario generale dell’Associazione delle compagnie di autonoleggio delle Canarie (Aecav, che comprende le grandi) e anche CEO della società Avis.

Dei 22.000 veicoli che mantengono il ‘rent a car’ nelle isole, 5.000 sono fuori circolazione, in vari depositi in attesa del rilancio turistico.

Questi veicoli non sono stati messi in vendita perché sono nuovi di zecca.

Alcuni sono arrivati sull’isola giorni prima dello stato di allarme e non sono stati nemmeno utilizzati per la prima volta.

Ci sono circa 18.000 veicoli “in uso attivo”, che sono richiesti per il noleggio aziendale e dalle officine come veicoli sostitutivi.

Sono ora i loro principali clienti dopo che l’emergenza sanitaria ha svuotato le isole Canarie dai turisti.

Con questo business, però, il ‘rent a car’ difficilmente ha entrate.

Nel 2020, il settore ha fatturato circa 230 milioni di euro, quasi 700 in meno rispetto all’anno precedente, quando ammontavano a 900.

Questo fatturato è stato sostenuto nei mesi di gennaio, febbraio e metà marzo, quando il settore turistico operava a pieno regime e prima che la pandemia irrompesse nelle nostre vite.

Per quest’anno 2021, il settore non è troppo ottimista e si aspetta un reddito simile a quello dell’anno precedente sulla base del fatto che c’è una riattivazione turistica da ottobre e novembre, negli ultimi tre mesi dell’anno.

“Contiamo solo sull’ultimo trimestre dell’anno.

Se ci saranno le condizioni adatte al turismo crediamo che potrà essere molto buono, ma in estate abbiamo poche speranze perché ci sarà una concorrenza feroce tra tutte le altre destinazioni europee”, dice Davila.

Secondo lui, se c’è la vaccinazione la mobilità si riattiva, la ripresa turistica vissuta dalle Canarie sarà “moltiplicata” alla fine dell’anno.

In vista della pianificazione del ‘rent a car’ per rispondere al ‘boom’ della domanda turistica che potrebbe verificarsi alla fine del 2021, Davila indica che i primi segnali arriveranno in estate.

Dávila indica che le Isole Baleari sono oggi un termometro di ciò che può accadere nelle Isole Canarie.

Da quando l’arcipelago è stato aperto ai viaggi tedeschi, le prenotazioni di noleggio auto sono salite alle stelle.

Nelle isole Canarie può essere la stessa situazione, dice il segretario dell’Aecav.

Franco Leonardi