More

    Il più grande ospedale del mare, un anno di pandemia a Granadilla

    L’Africa Mercy partirà a giugno, se nulla va storto, per la sua campagna di solidarietà in Senegal; i suoi attuali 140 membri dell’equipaggio e operatori umanitari sono riusciti a malapena a scendere dalla nave per visitare l’isola a causa della pandemia.

    L’Africa Mercy ha attraccato a Tenerife in pieno stato di allarme (31 marzo 2020) e questa volta ha scelto il porto di Granadilla per la sua tradizionale fermata tecnica annuale.

    Teoricamente doveva essere due o tre mesi, ma la pandemia globale -in Africa incluso- e quindi le sue restrizioni, hanno costretto a trascorrere più di un anno sull’isola, è prevista la partenza alla fine di maggio, inizio di giugno, secondo il suo attuale capitano, l’olandese Jan Tuinier.

    La più grande nave ospedale civile del mondo è arrivata un anno fa con 239 persone, tra equipaggio, operatori umanitari e familiari, ma oggi ne sono rimasti circa 140, perché gli altri hanno finito la loro missione.

    Ora sono in attesa di essere sostituiti nella campagna per operatori umanitari aperta in tutto il mondo, ha detto Daniela Cruz, l’unico operatore umanitario messicano che è stata sulla nave per quattro anni, “mi piacevano le crociere, e questa è la cosa più vicina a una crociera che ho trovato”, dice con un sorriso.

    Ora è responsabile delle risorse umane ed è felice di appartenere a una famiglia, ha detto guardando Eliezer Rodrigues, il medico venezuelano che ci ha mostrato con orgoglio le cinque sale operatorie – ora al riparo fino al ritorno in Senegal – e il laboratorio dell’Africa Mercy, che secondo lui, “ci posiziona come un ospedale di prima classe”.

    Alcuni medici che ci hanno visitato ci hanno detto che sull’isola ci sono pochi ospedali di questo livello”, ha detto il medico che non vede l’ora di tornare in Africa per “assistere tutti quei bambini, soprattutto quelli che già ci aspettano per interventi in malformazioni genetiche, operazioni maxillofacciali, ustioni gravi o cataratte”.

    Gerardo Vangioni, direttore di Mercy Ships, ci ricorda che ci sono “tre momenti o pietre miliari nella nascita di Mercy Ships come ONG globale.


    Un uragano, la nascita di un bambino e un incontro.

    I nostri fondatori, Don e Deyon Stephens, dal Texas, si trovavano su un’isola dei Caraibi per svolgere lavori di soccorso quando furono colpiti da un uragano devastante.

    Lì, nel mezzo della tragedia, uno dei membri del gruppo dice ad alta voce, come in preghiera, “come sarebbe bello se una nave potesse venire con aiuti medici e forniture”.

    E così l’idea della nave ospedale si annida nel cuore di Don e Deyon Stephens.

    Nel 1978, con l’aiuto di privati, aziende e una banca svizzera, fu acquistata una nave da crociera che doveva essere ristrutturata.

    Dopo molto lavoro, divenne una nave ospedale, l’Anastasis.

    Così è iniziato questo lavoro di portare salute e speranza a chi ne ha bisogno.

    Poco dopo è arrivata l’Africa Mercy, una nave di 40 anni, che secondo il suo capitano, Jan Tuinier, “comincia già a diventare vecchia, anche se abbiamo approfittato della lunga sosta a Tenerife per fare una riparazione profonda, con una nuova gru e serbatoi di stabilità, che inizialmente non erano previsti”.

    Naves de Esperanza, di carattere internazionale con 16 sedi in tutto il mondo, è sovvenzionato dai contributi di individui, aziende e istituzioni, che fanno sia contributi monetari, sia donazioni di materiali e attrezzature, con donatori che danno il nome, per esempio, alle sale operatorie.

    “In questi 42 anni di esistenza abbiamo visitato 592 porti di 56 nazioni fornendo servizi medici, eseguendo più di 105.000 interventi chirurgici, formando più di 49.000 operatori sanitari locali e realizzando più di 1.100 progetti di infrastrutture e sviluppo”, ricorda Vangioni.

    Durante il soggiorno, che continuerà per almeno due mesi, l’Africa Mercy ha donato medicine nella lotta contro il virus alla Croce Rossa, cibo che sarà distribuito dal Cabildo, e oggi 35 operatori umanitari contribuiranno a una pulizia della spiaggia e dei fondali a El Porís de Abona, un’iniziativa di Terramare.

    L’olandese Jan Tuinier è capitano della barca solo da due mesi e mezzo, ma è stato a bordo per venti mesi da quando ha iniziato come apprendista.

    A proposito del lungo soggiorno a Granadilla dice che “normalmente stiamo due mesi a Tenerife per la manutenzione e dieci mesi a lavorare in Senegal.

    Abbiamo colto l’occasione per fare altre riparazioni alla barca che varranno due anni di assicurazione”.

    Il venezuelano Eliezer Rodrigues è uno dei medici della nave e spiega che “è la prima volta che passo un anno senza lasciare la nave, anche se non abbiamo avuto nessun caso grave.

    In ottobre gli europei sono stati in grado di lasciare il molo, il resto non può muoversi più di quindici metri sul molo, dove a volte scendiamo per sgranchirci le gambe e fare sport”, dice.

    Bina Bianchini

     

    Articoli correlati