La scomparsa di una colonia di gatti randagi sulla costa di Tacoronte, nella zona di Juan Fernández, continua a generare un dibattito tra i sostenitori dei gatti randagi e quelli del controllo e dello sradicamento per prevenire danni all’ambiente e alla biodiversità.

I membri del Gruppo di Ornitologia e Storia Naturale delle Isole Canarie (Gohnic) sono stati gli ultimi a pronunciarsi a favore di “un ambiente canario senza gatti”.

Questi ornitologi spiegano che “gli effetti dei gatti domestici sulla fauna selvatica sono stati studiati a fondo da numerosi gruppi di ricerca in tutto il mondo.

I risultati di tutti questi studi sono inequivocabili e devastanti.

Si stima che il 14% delle estinzioni di specie che si sono verificate negli ecosistemi delle isole, che sono i più delicati e fragili, possa essere stato in qualche modo collegato alla predazione da parte di questi mammiferi introdotti dall’uomo”.

Gohnic sottolinea che sono stati pubblicati diversi studi che descrivono la dieta dei gatti che si muovono liberamente nell’ambiente naturale delle Isole Canarie: “Grazie a loro sappiamo che almeno 16 specie di uccelli, 15 di rettili e 32 di invertebrati sono la loro dieta abituale.


Particolarmente grave è l’effetto di questa mortalità innaturale sugli uccelli marini o sulle lucertole giganti, che ha fatto sì che le piccole popolazioni che ancora sopravvivono siano confinate in enclavi difficilmente accessibili, come le rocce marine o le scogliere costiere”.

“Questa non è solo una perdita diretta, ma anche il degrado degli ecosistemi stessi, poiché molte delle specie colpite, come lucertole e piccoli uccelli, agiscono come impollinatori o disperditori di semi per le comunità vegetali, alcune in precario stato di conservazione, aiutandone così la sopravvivenza o la distribuzione”.

Questo gruppo sta attualmente sviluppando progetti per lo studio e la conservazione di vari uccelli minacciati in tutto l’arcipelago.

Grazie a queste opere hanno verificato “in prima persona” gli effetti dei gatti negli spazi naturali, soprattutto nella predazione che praticano su specie con gravi problemi di sussistenza in queste isole, come ad esempio il Petrello di Bulwer (Bulweria bulwerii) o la lucertola gigante di Tenerife.

Ecco perché insistono sul fatto che i programmi di controllo e di eradicazione delle specie dannose per l’ambiente “sono essenziali, e sono coperti dalle normative esistenti per prevenire l’estinzione delle specie autoctone e il degrado degli ecosistemi”.

Secondo Gohnic, il crescente fenomeno delle colonie dei gatti randagi deve essere controllato e reso consapevole, oltre a sottolineare che questi animali sono di per sé solitari e territoriali.

Date le polemiche generate dal controllo delle popolazioni di gatti domestici, randagi e selvatici a Tenerife nelle ultime settimane, i membri di Gohnic vogliono mostrare il loro pieno sostegno a tutte le amministrazioni che svolgono azioni volte a “controllare ed eventualmente sradicare le specie esotiche che danneggiano gravemente il patrimonio naturale delle Isole Canarie”.

Sottolineano che “le misure adottate sono in linea con i principi etici per la conservazione di specie uniche che sono seriamente minacciate di estinzione dalle nostre stesse azioni”.

Chiedono che si agisca “con buon senso e responsabilità”, ed esortano le autorità a “promuovere, rafforzare ed espandere misure di questo tipo in tutte le isole dell’arcipelago”, in quanto “questo è l’unico modo per contribuire all’effettiva conservazione di molte specie animali e vegetali selvatiche uniche”.

La delegazione canaria della Società Spagnola di Ornitologia / BirdLife si unisce ai messaggi emessi in questi giorni da diverse associazioni e gruppi a sostegno di un’iniziativa per il controllo dei gatti selvatici a Tacoronte e sottolinea che “la colonia in questione rappresentava una vera e propria minaccia per gli uccelli marini come le Pardelas, che si riproducono sulle piccole scogliere”.

Per SEO/BirdLife, “l’introduzione di specie in ambienti insulari, particolarmente fragili alle interazioni esterne, rappresenta una minaccia per le specie autoctone che, in alcuni casi, ne aggrava la delicata conservazione.

È il caso delle colonie di gatti nelle Isole Canarie, la situazione richiede azioni basate sulle migliori conoscenze scientifiche, coordinate tra le diverse amministrazioni, fornite e partecipate dai cittadini”.

Anche la Fondazione Canaria Telesforo Bravo-Juan Coello ha espresso grande preoccupazione per il fatto che “le misure di conservazione attuate da alcune amministrazioni pubbliche sono ostacolate da settori che considerano normale la presenza di animali abbandonati nelle strade, con i problemi sanitari e per le specie endemiche che ciò genera”.

Franco Leonardi