Sovvenzione isolana per il controllo e la sterilizzazione delle colonie di gatti a Tenerife

Il Cabildo di Tenerife ha organizzato un gruppo di lavoro sulla protezione e il benessere degli animali, presieduto dall’Assessore all’Agricoltura, all’Allevamento e alla Pesca, Javier Parrilla, il quale ha annunciato che la Corporazione insulare fornirà supporto ai comuni che desiderano rafforzare il controllo delle colonie di gatti.

“L’anno prossimo istituiremo una sovvenzione competitiva per coprire i costi del metodo CER (Cattura, Sterilizzazione e Restituzione), secondo le linee guida stabilite dall’Associazione Veterinaria di Tenerife”, ha spiegato Javier Parrilla.

Questa sovvenzione si aggiungerebbe ai 50.000 euro che il Cabildo già destina al controllo e alla sterilizzazione delle colonie di gatti, attraverso il rifugio per animali Ravelo di El Sauzal.

Durante l’incontro, a cui hanno partecipato i rappresentanti di 14 consigli comunali dell’isola, l’amministrazione dell’isola e l’Associazione Veterinaria di Tenerife, sono stati discussi diversi elementi comuni di necessità, come l’importanza di lanciare nuove campagne di sensibilizzazione sulla sterilizzazione e l’identificazione dei gatti e l’impatto delle colonie sulla biodiversità e sulle aree naturali protette.

Il funzionario dell’isola ha sottolineato che, secondo il Colegio de Veterinarios, solo il 20% dei gatti viene sterilizzato, “ecco perché dobbiamo insistere su questo tema”.

I gatti non appartengono alla strada, non è il loro posto e sono anche un pericolo per la salute pubblica e le aree protette”.

Javier Parrilla ha anche annunciato che il Cabildo studierà la possibilità di creare uno spazio per l’assistenza sanitaria delle colonie.

L’incontro ha anche affrontato la necessità di un coordinamento per promuovere la regolamentazione dell’accesso dei cani alle spiagge dell’isola, al fine di soddisfare l’attuale domanda crescente.


L’assessore ha sottolineato che “29 dei 31 comuni dell’isola hanno coste e spiagge, quindi è ragionevole che chi ha un cane voglia vivere con lui sulle spiagge”.

Secondo il consigliere, questi spazi devono soddisfare una serie di condizioni igienico-sanitarie, che sarebbero finanziate dal Cabildo, come zone d’ombra, segnaletica, fornitura di acqua potabile e distributori di sacchetti.

“Gli animali domestici fanno parte del nucleo familiare, quindi riteniamo necessario adattare le nostre spiagge per chi vuole andare a godersi la giornata con il proprio cane.

Michele Zanin