I tecnici del Ministero di Hacienda (Gestha) mettono in guardia i contribuenti sugli effetti della pandemia sulla dichiarazione dei redditi del 2021.

L’istituzione ha indicato questo mercoledì che il suo importo potrebbe essere influenzato e segnala ai cittadini le detrazioni fiscali, ERTE o le detrazioni per maternità, tra le altre cose.

Il primo gruppo di popolazione a cui si rivolge Gestha è costituito da persone che hanno potuto avvantaggiarsi del regolamento sul lavoro temporaneo (ERTE).

Anche se hanno totalizzato meno di 22.000 euro in totale, “dovranno presentare la dichiarazione dei redditi ed è probabile che dovranno pagare”.

Per questo motivo, raccomandano che, se non hanno la capacità di risparmiare, “chiedano alle loro aziende di aumentare le trattenute sulla busta paga a dicembre per evitare sorprese nel giugno 2021”.

La ricezione dell’ERTE, aggiunge, non sarà nella maggior parte dei casi “motivo di ritenzione a causa del suo basso importo annuale”.


Per quei lavoratori con pochi oneri personali e familiari a dichiarare l’imposta sull’IRPF 2020 “probabilmente si tradurrà in un pagamento di tasse”.

Tuttavia, i tecnici precisano che il volume dell’ERTE non è un aumento dell’imposta sul reddito, ma una diminuzione.

“Il reddito totale nel 2020 sarà inferiore al previsto. Entro il 2021, l’importo non trattenuto dovrà essere saldato nella restituzione”.

Le madri “con figli di età inferiore ai tre anni” che hanno “diritto all’applicazione del minimo per i discendenti” possono beneficiare della riduzione “del contributo fiscale differenziale sul reddito fino a 100 euro al mese per ogni figlio, a condizione che svolgano un’attività lavorativa autonoma o dipendente per la quale siano iscritte al corrispondente regime di previdenza sociale o di mutua assicurazione”.

Nel caso in cui si trovasse sotto un ERTE, spiegano, “la lavoratrice non soddisferebbe più i requisiti per godere della detrazione per maternità, a meno che non lavorasse come dipendente a tempo parziale in casi di regolamentazione del lavoro temporaneo”.

A questo caso si aggiungerebbero “i lavoratori autonomi durante i mesi in cui hanno dovuto chiudere la loro attività”.

I tecnici includono nelle avvertenze “l’assegnazione del reddito immobiliare, esclusa la residenza primaria”.

Stabilito dalla legge sull’imposta sul reddito delle persone fisiche, l’Ufficio delle imposte ha considerato che la seconda casa è calcolata in base alla sua disponibilità e non in base al suo utilizzo.

“Pertanto”, sottolineano, “nonostante non abbia avuto la possibilità di godere di quella seconda casa, la ripartizione del reddito non viene alterata dal confinamento del contribuente.

Gli accordi volontari raggiunti dai locatori e dai locatari dello stato di allarme per ridurre l’importo avranno anche “un impatto sul conto economico 2020, in quanto il locatore rifletterà i nuovi importi come reddito in quei mesi”.

La dichiarazione includerà i casi in cui è stato concordato il ritardo dei pagamenti.

In questo esempio, “il locatore imputerà il reddito di questi mesi secondo i nuovi termini concordati.

Inoltre, deve tener conto del fatto che le spese necessarie saranno comunque deducibili e che non vi sarà alcuna imputazione dell’affitto immobiliare se l’affitto non viene riscosso”.

Qualsiasi aiuto o sovvenzione ricevuta deve essere dichiarata.

Per gli imprenditori in regime di modulo, Gestha sostiene che finora “solo il calcolo del rendimento è stato modificato” durante il periodo di validità dello stato di allarme, “non contando come giorni di attività i giorni di calendario in cui questa situazione di eccezionalità è stata dichiarata”.

Il 2021, concordano i tecnici, “sarà l’ultimo anno del regime dei moduli, come lo conosciamo, se il governo prevede che nel 2022 entrerà in vigore il sistema contributivo secondo i reali benefici dei lavoratori autonomi”.

Le donazioni fatte al Tesoro per coprire i costi della crisi sanitaria, conclude il Ministero delle Finanze, “detraggono dall’imposta sul reddito l’80% dei primi 150 euro donati, e il 35% da tale cifra, percentuali che aumentano dal 1° gennaio 2020 anche per tutte le donazioni a ONG e altri enti beneficiari di sponsorizzazioni”.

Franco Leonardi