Il Governo propone anche il confinamento notturno tra l’1.00 e le 6.00 del 24 e 31 dicembre

Il Governo propone di limitare gli incontri familiari e sociali a sei persone durante le festività natalizie e un confino notturno tra l’1 e le 6 del 24 e 31 dicembre, rispettivamente la vigilia di Natale e la vigilia di Capodanno, come indicato nella bozza di “Proposte di misure sanitarie pubbliche per la pandemia per la celebrazione delle festività natalizie”.

In particolare, il documento afferma che negli incontri in ambito familiare si raccomanda di limitare la partecipazione ai membri che appartengono allo stesso gruppo di convivenza, anche se nel caso in cui vi sia un membro esterno che non sia un convivente regolare, gli incontri saranno di un massimo di 6 persone e dovranno essere garantite misure di prevenzione, indipendentemente dal fatto che si tratti o meno di membri della famiglia.

Inoltre, si raccomanda di evitare o ridurre al minimo gli incontri nell’area sociale (festeggiamenti di lavoro, ex alunni o club sportivi, tra gli altri) e, nel caso in cui si svolgano, dovrebbero essere di un massimo di 6 persone e preferibilmente all’esterno (all’aperto o su terrazze con un massimo di 2 muri).

Le persone a cui è stata diagnosticato il virus e che sono ancora nel periodo di trasmissibilità; che hanno sintomi; che sono in attesa dei risultati del test diagnostico; o che potrebbero essere state esposte a qualcuno positivo negli ultimi 14 giorni non dovrebbero partecipare a nessun incontro familiare o sociale.

Tuttavia, va ricordato che le misure di prevenzione devono essere mantenute in tutte le impostazioni: mascherina (usare la maschera il più a lungo possibile); mani (lavarsi spesso le mani); metri (mantenere la distanza fisica); massimizzare la ventilazione e le attività all’aperto (tenere finestre e porte aperte per quanto è sicuro e fattibile a seconda della temperatura); ridurre al minimo il numero di contatti (preferibilmente sempre lo stesso); e “stare a casa se sintomi, diagnosi o contatto”.


Il 24 e 31 dicembre l’orario sarà prorogato, limitando la mobilità dall’1.00 alle 6.00.

D’altra parte, il Governo ricorda che eventi come la Sfilata dei Re Magi e altri tipi di eventi che si svolgono durante le vacanze di Natale comportano situazioni di trasmissione “ad alto rischio” a causa dell’elevato numero di partecipanti, dell’intensità del contatto e della difficoltà di mitigare i rischi associati, e pertanto ne sconsiglia la celebrazione.

In ogni caso, egli qualifica che gli eventi di massa debbano essere valutati individualmente dalle autorità sanitarie pubbliche in base alle “Raccomandazioni per eventi e attività di massa nel contesto della nuova normalità in Spagna”.

Allo stesso modo, consiglia di considerare, nel caso in cui si svolgano le sfilate, alternative che garantiscano il rispetto delle norme igieniche e di prevenzione.

Altri tipi di eventi che si svolgono nelle piazze o in luoghi specifici, come le visite alle strutture dei Presepi o ai concerti di Natale, dove l’accesso e la distanza interpersonale possono essere controllati durante l’evento, possono essere mantenuti con una capacità del 50%.

Il documento stabilisce tuttavia che la celebrazione di grandi eventi sportivi come la maratona di San Silvestreo può essere effettuata purché non interferisca con la limitazione temporale della mobilità notturna e utilizzando strategie per ridurre il contatto tra i corridori (limitazione della capacità, partenze scaglionate o distribuzione della partecipazione su più giorni).

In questo senso, si raccomanda che venga effettuata senza la partecipazione del pubblico e che venga promossa la sua diffusione in televisione.

D’altra parte, le tradizionali attività natalizie che si svolgono nei cinema, teatri, auditorium, tende da circo o simili si svolgeranno secondo la capacità in vigore nella Comunità Autonoma, a condizione che un posto possa essere mantenuto in posti fissi o a 1,5 metri di distanza o tra i diversi gruppi che vivono insieme.

Inoltre, secondo il progetto, i mercatini di Natale possono essere organizzati mantenendo la capacità stabilita in quel momento in ogni comunità autonoma e a condizione che siano all’aperto e che sia possibile mantenere la distanza di sicurezza.

In relazione alla mobilità territoriale nazionale e internazionale durante il periodo natalizio, è consigliabile evitare quei viaggi che non sono strettamente necessari e, nel caso in cui debbano essere effettuati, rispettare le raccomandazioni indicate per ogni mezzo di trasporto, utilizzando una mascherina, lavandosi spesso le mani e mantenendo la distanza fisica.

Allo stesso modo, si raccomanda agli studenti universitari che tornano a casa per le vacanze di limitare le interazioni sociali nei giorni precedenti il loro ritorno a casa e di adottare misure preventive estreme.

Una volta a casa, dovrebbero cercare di limitare il contatto, interagire soprattutto all’aperto e indossare mascherine.

In caso di viaggi internazionali, i cittadini di un paese o di una zona a rischio devono sottoporsi a un test diagnostico per l’infezione attiva (PDIA) con esito negativo, effettuato entro 72 ore prima dell’arrivo in Spagna.

Le cerimonie religiose in spazi chiusi seguiranno le regole di seduta stabilite in quel momento in ogni comunità autonoma, a condizione che la distanza di sicurezza possa essere mantenuta. Tuttavia, durante la celebrazione dell’atto religioso si raccomanda di non cantare e di usare la musica preregistrata.

Infine, il governo esorta le comunità autonome ad aumentare la frequenza degli orari dei trasporti pubblici per evitare l’affollamento e consiglia di dare priorità, quando possibile, agli spostamenti a piedi o in bicicletta.