More

    Isole Canarie, dove vivono gli ultimi esemplari di squalo angelo

    Schermata 2016-07-21 alle 10.16.53Isole Canarie, dove vivono gli ultimi esemplari di squalo angelo

    di Franco Leonardi

    Lo squalo angelo (Squatina squatina) è noto alla popolazione locale come “angelote” e viene considerato dagli studiosi la lince del mare.

    Come la lince infatti lo squalo angelo è tra le specie più a rischio di minaccia di estinzione del pianeta.

    Fino a pochi decenni fa lo si poteva trovare in tutto il Mediterraneo e in gran parte del Nord Atlantico ma in seguito alla pesca intensiva praticata dal Regno Unito e dall’Irlanda negli anni 80 (fino a 20 tonnellate all’anno), lo squalo angelo è praticamente scomparso.

    Ma non nell’arcipelago delle Canarie dove, a sorpresa, vive l’ultima popolazione di squalo angelo e dove ogni anno centinaia di naturalisti accorrono nella speranza di poterlo vedere e magari fotografare.

    Grazie alle particolari condizioni ambientali e di tutela presenti nell’arcipelago, lo Squatina squatina, benché a rischio, non è ancora rientrato nella lista rossa dell’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura.

    L’Università di Las Palmas, l’Associazione zoologica di Londra e il Museo Koening da tempo sostengono la conoscenza e il recupero di una specie pressoché innocua per l’uomo che può ammirarne la sorprendente bellezza durante le immersioni.


    L’Angel Shark Project, iniziativa lanciata dai 3 promotori, ha riunito a Gran Canaria gli specialisti di squali di tutto il mondo per cercare di garantire un futuro all’ultima popolazione esistente di squalo angelo.

    Attraverso il coinvolgimento di cittadini, turisti e associazioni di sub, vengono effettuate immersioni per diffondere la conoscenza di questo particolare squalo.

    Relativamente innocuo se avvicinato con le dovute cautele e il massimo rispetto, lo squalo angelo danza armoniosamente in profondità con movimenti lenti e aggraziati per ridurre al massimo il consumo di energia.

    Benché provvisto di denti di ridotte dimensioni, non è raro che possa mordere se afferrato o tirato per la coda da scellerati subacquei in cerca dello scatto memorabile da portare a casa come trofeo delle vacanze.

    Il rispetto prima di tutto, sostengono a ragion veduta gli esperti.

    La caratteristica forma appiattita e le pinne simili ad ali, consentono loro di ricoprirsi di sabbia sul fondale in attesa di catturare prede come pesci, crostacei e vari tipi di molluschi.

    La riproduzione dello squalo angelo, che mette al mondo fino a 7 piccoli alla volta, avviene molto lentamente e in condizioni di assoluta tranquillità; la pesca indiscriminata e il disturbo arrecato da irrispettosi subacquei ne ha minato e minaccia tutt’ora la sua presenza.

    Quindi se lo incontrate, fatevi (e fategli) un regalo: accontentatevi di ammirarlo.

    10 anni di successi grazie alla fiducia dei nostri sponsor e di tutti gli affezionati lettori

    Articoli correlati