FOTO Tommaso Magistretti

L’interazione tra l’oceano, l’atmosfera e il rilievo fa delle Isole Canarie una vera e propria “fabbrica di nuvole” come la popolarmente chiamata “pancia d’asino” (panza de burro), il “cappello” (sombrero) del Teide e il cumulonembo gigante associato alle tempeste, che può superare i sette chilometri di altitudine.

In questo caso, la loro formazione risponde a una massa d’aria umida, che è stata costretta a salire a questo livello, condensandosi in una nuvola, e il vento a questi livelli, costretto dall’orografia del sistema montano, a dargli quella forma, scolpendo la nuvola.

La nuvola “Sombrero del Teide”, nel gergo tecnico è conosciuta come “altocúmulo lenticolare”, un fenomeno interessante “perché ci si imbatte nella saggezza popolare, che indica che quando appare pioverà nelle prossime ore o nei prossimi giorni e non è un caso che abbiano ragione”.

La formazione di questa nube sul picco del Teide rivela la presenza di umidità e vento a questi livelli, e questo può essere un’indicazione dell’instabilità del tempo.

L’instabilità dell’atmosfera viene di solito notata prima negli strati superiori prima che raggiunga la superficie, e quando questa nube si forma per alcune ore “è spesso un’indicazione” che i temporali stanno raggiungendo le Isole Canarie temporaneamente (anche se questo non è sempre il caso quando la nube viene osservata).

Lo “stratovulcano” del Teide non è solo un riferimento geologico per l’abitante dell’isola, è più volte un’esca o una cabañuela (una forma tradizionale di previsione meteorologica che risale a molti secoli in Spagna) che la tradizione popolare osserva per conoscere il tempo a venire.


Il Teide è stato storicamente apprezzato come un prezioso indicatore dei cambiamenti del tempo nelle Isole Canarie. Gli abitanti della campagna beneficiano dei suoi segni non solo sull’isola di Tenerife, ma anche sulle isole vicine da dove è visibile.

Quando la sua alta vetta a 3.718 metri presenta un “sombrero”, il maestoso Teide indica l’arrivo di un fronte temporalesco per le prossime 24/48 ore.

A seconda della forma del cappello e della sua persistenza, la parte anteriore sarà più o meno attiva e porterà più pioggia o più vento.

In questo modo, quando la nuvola si presenta sotto forma di un sottile velo che copre solo la parte superiore, la parte anteriore che arriva è di solito poco attiva, con poco vento e poca pioggia localizzata nelle zone meglio esposte.

Se è meglio formata, più persistente, ha un aspetto lenticolare ed è più distaccata dalla vetta, indica più vento che pioggia per le ore immediate.

Quando le forme lenticolare e cumuliforme si mescolano, il fronte che arriva può essere molto attivo, con venti molto forti e grande instabilità, che porta a piogge intense che si generalizzano in tutte le isole.

Qualunque cosa sia indicata dalle nuvole che si formano sopra il maestoso vulcano, non c’è dubbio che la sua bellezza venga ulteriormente esaltata.

Miki Zanin