Questa è una situazione strutturale che aggrava la crisi scatenata dal virus in questo 2020 funesto.

La Rete europea contro la povertà presenta il suo ultimo rapporto, che mostra che il 28,5% della popolazione delle Canarie vive con meno di 641 euro al mese.

La situazione non è migliorata nemmeno negli anni migliori del turismo e l’arcipelago soffre di una povertà allarmante dal 2008.

La povertà nelle Isole Canarie è strutturale e colpisce il 35% della popolazione (il cosiddetto tasso AROPE).

Questa è la conclusione dell’ultimo rapporto della Red Europea de Lucha contra la pobreza (EAPN) presentato con dati fino alla fine del 2019.

Questo è un punto di partenza non molto incoraggiante per affrontare l’attuale crisi socio-economica derivante dalla pandemia.


Anche se lo studio non analizza i dati per il 2020, il vicepresidente dell’EAPN nelle Isole, Fernando Rodríguez, ha avvertito che “non è una situazione ottimale per affrontare la crisi che sta arrivando” e che stiamo già soffrendo.

Tuttavia, ha fatto notare che si sta affrontando con misure sociali maggiori rispetto al 2008, una crisi dalla quale la società non si è ancora ripresa; ci sono voluti dieci anni all’Arcipelago per apprezzare un leggero miglioramento dei dati.

Pertanto, lo studio riflette anche che “la Spagna ha fallito nel suo tentativo di ridurre la povertà”.

Secondo il rapporto, il 28,5% della popolazione canaria è a rischio di povertà anche perché vive con meno di 641 euro al mese.

Si tratta di una cifra preoccupante se si tiene conto, ad esempio, dei prezzi degli alloggi e di ciò che le spese di una famiglia comportano. 

Allo stesso modo, l’11,2% della popolazione vive con meno di 500 euro, mentre la percentuale di persone che non si trovano in una situazione di povertà è del 71,5%.

Con i dati dell’ultimo rapporto, le Isole Canarie hanno leggermente diminuito la loro situazione di povertà (dal 36% dell’anno scorso al 35% attuale) e sono la terza comunità autonoma con i dati peggiori, solo dietro l’Andalusia e l’Estremadura, rilevando ancora una volta un divario tra il nord e il sud della Spagna.

Ci sono anche altri dati che mostrano come la situazione di questa comunità autonoma sia ben lontana dalla media statale, come l’intensità della disoccupazione (15%) o il fatto che il reddito pro capite è di 2.194 euro inferiore alla media nazionale.

Il presidente dell’EAPN delle Isole Canarie, Juan Carlos Lorenzo, ha ricordato che nelle Isole Canarie, oltre a mantenere il tasso di disoccupazione, il costo della vita è aumentato.

“La ripresa economica non è stata tale e forse dovremmo cercare strade diverse”, ha insistito.

Lorenzo ha sottolineato che le strategie per proteggere e combattere la povertà sono state finora insufficienti e che la povertà invisibile di persone che, pur lavorando, sono ancora povere è aumentata.

Il viceministro dei diritti sociali del governo delle Canarie, Gemma Martínez, ha commentato alcuni dati che danno un’idea delle conseguenze della crisi attuale e di come il livello di povertà aumenterà il prossimo anno.

Uno di questi è che la scorsa settimana si è tenuto un incontro con Endesa per analizzare il Bono Social Eléctrico.

Su 40.000 famiglie isolane che ne hanno beneficiato a marzo, le domande sono ora aumentate di 7.000 unità e in un anno si prevede che aggiungeranno 10.000 nuovi beneficiari.

Il vice-consigliere ha insistito sul fatto che, all’epoca del maggior numero di turisti delle Canarie, i tassi di disoccupazione erano strutturali; le cifre si aggirano intorno al 30%.

“La disoccupazione e la povertà alle Canarie sono strutturali.

Questo governo non potrà cambiare il modello, ma potrà porre le basi” per invertire le cifre della povertà alle Canarie.

In questo senso, ha ricordato che il reddito d’emergenza delle Isole Canarie ha raggiunto le 16.000 persone e che presto sarà effettuato un secondo pagamento.

Inoltre, ha ricordato che sono state apportate modifiche al decreto legge affinché il PCI (Prestación Canaria de Inserción) possa continuare ad essere riscosso fino al raggiungimento del reddito minimo vitale, che finora ha raggiunto le 3.200 famiglie delle isole e, secondo il Ministro della Sicurezza Sociale, José Luis Escrivá, durante la sua recente visita, mira a raggiungere 25.000 abitazioni entro la fine dell’anno nelle isole.

D’altra parte, ha sottolineato che alla fine di questo mese di ottobre o all’inizio di novembre sarà portato al Consiglio direttivo il nuovo reddito di cittadino delle Canarie, che servirà come complemento all’IMV (Ingreso Mínimo Vital) e per raggiungere i gruppi a cui questo reddito non va, o per estendere la copertura come l’aiuto supplementare per il pagamento dell’affitto, l’aiuto per la scolarizzazione da zero a tre anni, tra le altre questioni che sono in fase di definizione.