Lo sfratto di una trentina di persone dal centro commerciale Los Tarajales e la presenza di senzatetto a Los Cristianos rendono visibile la povertà in mezzo alla crisi del turismo; “la gente non se ne va”.

Il problema è stato trasferito sulle spiagge o nelle zone centrali di Arona”, dice Ursula Peñate, di Cáritas.

Il confinamento e ora la nuova normalità, se c’è davvero, ha reso ancora più visibile il problema dei senzatetto nel sud di Tenerife, e in particolare in tre dei suoi comuni più popolati e teoricamente più ricchi, Adeje, Arona e Granadilla de Abona, come riconosciuto da Úrsula Peñate, coordinatrice dell’Azione Sociale di Cáritas.

Los Cristianos, Playa de las Américas, Costa Adeje o Playa Fañabé sono passati dal vendere l’immagine delle loro spiagge, dei negozi e delle terrazze piene di turisti a vedere la povertà vagare per le strade e le piazze, davanti agli alberghi o ai negozi di lusso chiusi, tra i senzatetto, gli indigenti e i migranti.

Un’immagine che cresce con gli insediamenti illegali che un giorno vengono smantellati (La Caleta o Los Abrigos) e rinascono in altri luoghi, come riconosce Ursula Peña: “la gente non scompare, il problema si sposta da un luogo all’altro, negli insediamenti in mezzo ad Arona o sulle spiagge”, come è successo con la trentina di persone sfrattate il 30 nel centro commerciale di Paseo de Los Tarajales, a Los Cristianos, dopo cinque anni di “occupazione” di 36 locali commerciali.

“Quello che succede ogni volta che c’è uno sfratto, come gli ultimi tre al sud, non viene offerta loro un’alternativa abitativa e quindi è rimuovere il problema da una parte per metterlo in un’altra, perché alla fine la gente non evapora”, riafferma il coordinatore di Cáritas.


“Noi – continua Úrsula Peñate – siamo d’accordo sugli sfratti come Los Tarajales, perché sono alloggi scadenti e occupazione illegale, ma dobbiamo dare loro un’alternativa”.

Cáritas ha sette risorse abitative sull’isola, con 25 posti in casa – 20, ora secondo i regolamenti COVID – e c’è una lista d’attesa di 30 persone, ma Peñate avverte che “le risorse abitative sono una cosa e l’alloggio è un’altra, perché nessuno vuole andare in una risorsa abitativa perché vuole mantenere il proprio diritto alla privacy ed essere in grado di svilupparsi come persona”.

Per Cáritas, il problema dei senzatetto è aumentato nel sud dell’isola con la crisi sanitaria ed economica. “Abbiamo fatto una diagnosi ed è una realtà complicata perché è mobile, perché prima erano a Los Tarajales e ora dobbiamo ritrovarli, anche se alcuni sono andati in un insediamento nell’entroterra di Arona.

Durante il COVID, il non poter mendicare o vendere artigianato ha reso più visibili le necessità di base, e ora solo ad Adeje, Arona e Granadilla serviamo più di 200 persone in situazioni di strada, barrancos, grotte o edifici semidistrutti”, di cui il 70% sono spagnoli.

Dal maggio 2019 e una recente indagine sugli occupanti abusivi del centro commerciale Los Tarajales, un rapporto di Cáritas conclude che “troviamo 22 persone in una situazione di esclusione sociale, che non hanno un alloggio alternativo, né un reddito economico sufficiente per poter accedere all’alloggio.

Attualmente, l’accesso al diritto a un alloggio dignitoso, regolato dalla costituzione spagnola, viene violato. Se prestiamo attenzione all’offerta di alloggi del comune, scopriamo che non ci sono alloggi sociali, con prezzi di affitto equi.

Rendere la ricerca di un alloggio adeguato alla loro realtà economica è quasi impossibile.

La maggior parte delle persone intervistate sono destinatarie di sussidi il cui importo è insufficiente a coprire i bisogni di base, dovendo dare priorità tra l’accesso all’alloggio o la copertura del cibo, ad esempio”.

Secondo Cáritas, delle 28 persone che sono state sfrattate il 30 di Los Tarajales, sei di loro hanno riconosciuto di avere benefici economici, di cui cinque sono PCI gestiti dai servizi sociali di Arona e altre tre sono in procinto di riceverli.

D’altra parte, cinque persone “lavorano” nell’economia informale, due “lavorano” nell’artigianato o nell’arte di strada e quattro “lavorano” come mendicanti.

Con riferimento al campo della salute, ci sono segni di problemi di salute mentale (senza diagnosi o seguimento), e il consumo di sostanze tossiche è per lo più attivo.

La consapevolezza del problema è nulla e non c’è alcuna motivazione a ricevere un trattamento.

Diverse persone presentano ferite, apparentemente infette, riferendosi che sono state causate da morsi di cimici dei letti, stafilococco… senza cure mediche nella loro maggioranza.

Molte persone non hanno la tessera sanitaria e, nel caso in cui abbiano bisogno di cure mediche, non hanno un reddito per pagare le spese generate. Pertanto, decidono di non andare al centro medico, danneggiando la guarigione.