Il ministro del Lavoro, Yolanda Díaz, ha sottolineato nella conferenza stampa che ha fatto seguito al Consiglio dei Ministri che questo regolamento fornisce sicurezza alle famiglie, alle aziende e ai lavoratori, “senza lasciare nessuno indietro”.

Il Consiglio dei Ministri ha approvato un regio decreto legge che estende automaticamente fino al 31 gennaio 2021 le pratiche di regolamentazione temporanea del lavoro (ERTE) per cause di forza maggiore per alcuni settori economici, anche se ha creato due categorie, l’ERTE di impedimento all’attività e l’ERTE di limitazione dell’attività, a cui tutte le imprese potranno rifugiarsi, con esoneri piuttosto elevati, che in alcuni casi arrivano fino al 100 %.

Sono proprio questi miglioramenti che hanno portato il CEOE ad aderire questa mattina all’accordo raggiunto ieri dal governo con CCOO e UGT per estendere l’ERTE per altri quattro mesi.

In questo modo, l’estensione di questo strumento ha ricevuto, come in precedenti occasioni, l’appoggio di tutti gli agenti sociali, dopo un intenso e duro negoziato iniziato lo scorso 4 settembre a Palma di Maiorca.

L’accordo, che è un accordo massimo, protegge, salva e difende tutte le imprese e i lavoratori del Paese, con esso “sgombriamo un autunno e un inverno” che potrebbe essere difficile, ma che se si salvano, servirà alla Spagna “per entrare pienamente nella ripresa”.


L’ERTE di forza maggiore con estensione automatica sarà limitata alle aziende più colpite dalla pandemia la cui attività è classificata in uno dei codici della Classificazione Nazionale delle Attività Economiche (CNAE-09) previsti dal regolamento.

Questi ERTE godranno di esenzioni di quota dell’85% per ogni mese del periodo ottobre 2020-gennaio 2021 nel caso in cui l’azienda avesse meno di 50 lavoratori sul suo libro paga il 29 febbraio di quest’anno, e del 75% se avesse più di 50 dipendenti, come spiegato dal Ministro dell’Inclusione, della Sicurezza Sociale e della Migrazione, José Luis Escrivá.

Possono beneficiare di queste esenzioni anche quelle aziende che, pur non facendo parte di questi settori, si trovano nella loro catena del valore o la cui attività dipende per lo più da questi settori.

Le società il cui fatturato, nel corso del 2019, sia stato generato per almeno il 50% da operazioni effettuate direttamente con quelle incluse in uno qualsiasi dei codici CNAE-09 di cui alla norma, nonché quelle la cui attività effettiva dipenda indirettamente da quella effettivamente svolta dalle società incluse in tali codici, sono considerate parte della catena del valore o indirettamente dipendenti da esse.

La dichiarazione delle imprese dipendenti o dei membri della catena del valore deve essere richiesta all’autorità del lavoro che ha emesso la delibera espressa o tacita dell’ERTE in vigore, accreditando debitamente le suddette circostanze.

Queste esenzioni comprese tra il 75% e l’85% possono essere applicate anche alle aziende che passano da un ERTE di forza maggiore di Covid a una di cause economiche, tecniche, organizzative e produttive (ETOP) la cui attività è classificata in uno dei settori inclusi nella norma, o a quelle che sono state qualificate come membri della catena del valore che effettuano anche questa transizione.

ERTE DI IMPEDIMENTO E LIMITAZIONE PER TUTTE LE AZIENDE

Nel caso dei nuovi tipi di ERTE, che possono essere utilizzati dalle imprese di qualsiasi settore, si distingue tra due tipi: gli ERTE con limitazioni dell’attività, che si rivolgono alle imprese la cui attività è perturbata a causa delle restrizioni adottate dalle autorità (ad esempio, le società di intrattenimento notturno), e gli ERTE con limitazioni dell’attività, che si rivolgono alle imprese la cui attività è perturbata quando un’autorità locale, regionale o statale limita, ad esempio, gli orari di apertura e i posti a sedere.

Queste ERTE di limitazione delle attività, che avranno effetto retroattivo dal 1° settembre, saranno accompagnate da elevate esenzioni di quote, da applicare da ottobre a gennaio: se l’azienda aveva meno di 50 lavoratori il 29 febbraio di quest’anno, le esenzioni saranno del 100% in ottobre, del 90% in novembre, dell’85% in dicembre e dell’80% in gennaio. Se avesse più di 50 lavoratori, le percentuali sono rispettivamente del 90%, 80%, 75% e 70%, ha detto Escrivá.

D’altra parte, l’ERTE di impedimento dell’attività (chiusura per decisione delle autorità) avrà esenzioni del 100 % se il personale dell’azienda era inferiore a 50 lavoratori nel febbraio di quest’anno e del 90 % se questa cifra era superiore.

Inoltre, come dettagliato dal Ministro del Lavoro, Yolanda Díaz, il testo approvato dal Consiglio dei Ministri mantiene i limiti imposti nella precedente estensione dell’ERTE: mentre l’ERTE è in vigore, non sarà possibile effettuare straordinari o effettuare nuove assunzioni dirette o indirette, salvo in casi giustificati.

Allo stesso modo, le società domiciliate in territori considerati come paradisi fiscali non potranno beneficiarne e le società non potranno distribuire dividendi nell’anno fiscale in cui viene applicato l’ERTE, a meno che non restituiscano le esenzioni di cui hanno beneficiato.

Diaz ha sottolineato che viene mantenuto anche l’impegno a mantenere l’occupazione per sei mesi, oltre a un nuovo impegno per altri sei mesi. Pertanto, le società che ricevono le nuove esenzioni incluse in questa estensione dell’ERTE saranno impegnate in un nuovo periodo di sei mesi per salvaguardare l’occupazione, anche se se sono state interessate da un impegno precedente, il nuovo periodo di sei mesi inizierà a contare dopo la fine dell’impegno precedente.

Inoltre, il “divieto” di licenziamento per motivi oggettivi e la sospensione dei contratti a tempo determinato, compresi i contratti di formazione, di soccorso e interinali, è prorogato fino al 31 gennaio 2021, il che significa prorogare de facto tali contratti anche se il datore di lavoro intende disdirli.

PROTEZIONE SOCIALE: NUOVE PRESTAZIONI

Il testo prevede che anche le indennità di disoccupazione associate all’ERTE saranno mantenute fino al 31 gennaio. Le aziende interessate da questa nuova estensione e quelle che applicano un ETOP dovranno presentare una nuova domanda collettiva di indennità di disoccupazione.

L’importo della prestazione sarà pari al 70% della base regolatoria anche se sono trascorsi sei mesi dal suo ricevimento (evitando così che scenda al 50% della base regolatoria) e il “contatore zero” (nessuna disoccupazione viene consumata mentre si riceve dall’ERTE), che passa da 180 a 196 giorni, sarà prorogato fino al 1° gennaio 2022.

Allo stesso modo, il regolamento migliora la protezione dei lavoratori permanenti e periodici discontinui, che avranno accesso alle indennità di disoccupazione, e dei lavoratori a tempo parziale, e contempla l’impegno ad aprire un tavolo di negoziazione per fornire protezione ai lavoratori temporanei che sono stati colpiti da ERTE e che sono diventati disoccupati, e i cui contributi non sono sufficienti per ottenere le indennità di disoccupazione.

Un’altra novità di questa estensione è che i lavoratori in ERTE avranno accesso prioritario alle iniziative di formazione nel sistema di formazione professionale per l’occupazione.