Alcuni dei proprietari stanno tornando all’affitto tradizionale a causa della mancanza di reddito causata dal calo dei visitatori.

Il numero di case vacanza sull’isola è diminuito del 20/30% a causa dell’azzeramento del turismo e della conseguente cessazione totale dell’attività a seguito della pandemia di coronavirus.

Questa è la stima fatta dall’Associazione Canaria delle Case Vacanza (Ascav), che sottolinea che molti proprietari che affittavano i loro appartamenti per brevi periodi hanno dovuto passare agli affitti tradizionali a causa della mancanza di turisti.

A Tenerife, questa percentuale significa che più di 3.000 proprietà turistiche hanno cessato di funzionare solo quest’anno.

Secondo lo studio sugli affitti per le vacanze nelle Isole Canarie nel 2019, realizzato dal governo regionale, alla fine dell’anno scorso c’erano complessivamente 15.193 abitazioni turistiche sull’isola, una cifra che rappresentava il 39% del totale delle Canarie.

Adeje con 2.732 e Arona con 2.275 sono stati i comuni con la più alta percentuale di questa offerta. Ora, con la riduzione del 20% rilevata da Ascav, a Tenerife sarebbero rimaste circa 12.150 case vacanza, quindi l’offerta sarebbe a livelli inferiori a quelli del 2017.


Il direttore dell’associazione, Javier Martín, indica che questa riduzione è la conseguenza del fatto che i proprietari, che non potevano aspettare la riattivazione del settore turistico perché avevano bisogno del reddito che avevano ottenuto attraverso i loro appartamenti di vacanza, hanno cessato l’attività e sono ricorsi all’affitto tradizionale.

Infatti, la casa vacanza è una delle più scelte da chi decide di viaggiare. Essere in un alloggio privato, senza aree comuni e servizi di base che non comportano molti contatti interpersonali “genera molta più fiducia”, dice Martin.

dalla Redazione