Foto di Cristiano Collina

Possiamo affermare che dal 1850, la natura dei residenti britannici nella Valle de la Orotava a Tenerife fu diversificata.

E non si tratta solo dei residenti arrivati con desiderio di commerciare.

Né riguarda solo quelli che erano stati attratti dall’attività del turismo che stava cominciando a emergere.

Accanto a questi compaiono altri britannici con un forte potere d’acquisto: i residenti. 

Assistiamo all’autentica formazione di una comunità, purché la realtà storica delle sue forme sociali consenta loro di essere raggruppate sotto questo nuovo concetto.

Prima era un piccolo gruppo di uomini d’affari e commercianti, che coltivava i loro tratti di identità, pratiche religiose e abitudini culturali a livello individuale.


Era un piccolo cerchio che perse persino molte delle sue caratteristiche al momento della sua integrazione nella società delle Canarie.

Ma ora è un gruppo sociale, una comunità considerevolmente grande – è difficile conoscerne il numero – che come ogni comunità umana ha bisogno di preservare la sua identità, i suoi costumi e i suoi valori culturali.

Pertanto, la loro vita collettiva, i modelli culturali che seguono, i ruoli che svolgono, il loro status e soprattutto le loro pratiche religiose si difenderanno a tutti i costi.

Per questo motivo, per il soddisfacimento di questi bisogni culturali, stabiliscono centri di interesse comuni (istituzioni culturali, ricreative e, soprattutto, religiose), che agiscono insieme nei principali aspetti della vita.

Tali istituzioni adempiranno alla funzione sociale e culturale che consente loro di sopravvivere come comunità differenziata in un ambiente diverso.

Ora i suoi membri faranno parte di un’unità sociale all’interno della comunità più distante.

Sono più impermeabili, dove l’identità personale di coloro che la integrano risponde precisamente a un sentimento di esclusività che la allontana dal mondo esterno che li circonda.

Sono collegati, ma sono contatti circostanziali che non alterano affatto, o molto poco, i loro valori e il loro stile di vita.

Non ci fu eccezione, come vedremo più avanti, a un’integrazione sociale di questi nuovi immigrati.

I suoi membri aderiscono a rigide regole in materia di abbigliamento, cibo e altre abitudini.

Ad esempio, le forme dell’identità britannica, sia nei residenti che nei visitatori, si manifestavano in abiti bianchi, ombrelli e pamelas nelle donne e nei salacot, bowling, abiti scuri e gilet nei signori.

Per questo videro l’imperativo bisogno di proteggere la loro indipendenza, le loro tradizioni, i loro costumi, e specialmente la loro religione e ideologia; al fine di preservare la loro cultura come gruppo.

Costruiscono le loro residenze in diversi stili architettonici; costruiscono i loro templi, per partecipare collettivamente ai loro riti religiosi, come manifestazione essenziale della loro unità comunitaria… i loro centri ricreativi per praticare i loro sport nazionali, che non era più tanto un lusso quanto una necessità, un mezzo per mantenere la morale e il senso di coesione degli inglesi.

Installano persino le loro scuole per l’educazione dei loro figli.

In politica, il britannico vittoriano era molto “nazionalista”, non solo per il suo attaccamento ai costumi, ma per la sua tendenza ad esaltare la personalità del suo paese all’estero; manifestazione strettamente legata alla crescita del sentimento patriottico dell’Impero britannico.

Questo sentimento patriottico acquisì il suo apice nel medio e tardo vittorianesimo.

Per questo motivo, gli inglesi che si stabilirono sulle isole o nelle colonie, proiettarono la loro personalità, la loro cultura e, in definitiva, il loro cosmo.

L’abito, le sue tradizioni, i suoi atteggiamenti, tutto, erano elementi che segnavano la differenza e materializzavano lo stile di vita vittoriano che avevano ricevuto nella loro educazione e che consideravano superiori a quelli degli isolani naturali.

George Strettell medico membro della comunità di Puerto de la Cruz, era un britannico che si distinse a Tenerife. Dopo aver visitato molti luoghi per la convalescenza di sua moglie, si reca a Tenerife, dove affitta una casa a San Antonio (Puerto de la Cruz) dal novembre 1888 al maggio 1890.

Ritorna in Inghilterra per leggere un articolo sui benefici terapeutici del clima dell’isola, in un congresso medico nell’agosto 1890.

Al suo ritorno, la guarigione della moglie lo incoraggia a rimanere a Tenerife per il resto della sua vita.

Osbert Ward, come molti altri britannici, arrivò a Tenerife alla fine del secolo soffrendo di gravi problemi di salute. Era già stato sulla Costa Azzurra e in Francia a cercare fortuna per la sua convalescenza.

Tuttavia, fu qui che riuscì a migliorare la sua malattia e fu anche affascinato dal fascino delle isole, a tal punto che rimase permanentemente per vivere a Puerto de la Cruz.

Ha scritto The Vale of Orotava nel 1902 ed è stato pubblicato a Londra nel 1903.

È un prezioso documento della vita della comunità britannica nella regione.

Morì il 23 luglio 1949 quando aveva già 93 anni.

Ed è anche sepolto nel cimitero britannico del luogo.

Preferivano insediamenti sparsi nella periferia di porti e villaggi.

Residenze che offrissero il piacere di vivere isolate, nella natura.

Siamo qui alle origini di uno dei più importanti valori culturali delle classi privilegiate britanniche: il culto della natura.

La natura, il giardino e la casa avrebbero fornito quell’isolamento dove trovare quella privacy, quella sensazione di ritiro che desideravano così tanto, che era rigorosamente codificato dalla società britannica e presto divenne un elemento importante del loro cosmo, indispensabile nel loro comportamento sociale e nello stile di vita della nobiltà e della borghesia.

Il desiderio di vivere quella privacy spiega perché l’85,7% delle case occupate dagli inglesi nella valle di La Orotava si trovasse alla periferia dei centri abitati.

Questa dispersione indica che era una comunità atomizzata e dispersa.

La sua presenza è stata ridotta agli atti sacri nella chiesa anglicana, le raccolte (che sono incontri che si svolgono principalmente di fronte alla chiesa anglicana, dove gli organizzatori vendono gli oggetti raccolti (libri, dipinti, marmellate fatte in casa, ecc.).

L’isolamento fisico ed emotivo ricercato dagli inglesi (interrotto solo quando si incontravano, per il tè, il bowling, il cricket o il tennis) non era una conseguenza, quindi, di un umore “folle”, ma l’espressione del loro allontanamento dalla società che li circondava e, allo stesso tempo, l’espressione di quel bisogno di riposo e conforto che si trovava solo nell’isolamento, nella solitudine, nella natura.

I suoi progetti architettonici saranno profondamente mediati dalla sua cultura.

E in tutto stanno per dare caratteristiche comuni.

La terra che avevano acquistato doveva essere lontana dalla costa e con una terra non arida, al fine di creare un buon giardino.

Questo era lo spazio di cui l’inglese aveva bisogno per vivere integrato nella natura.

Le dimensioni della trama dove costruire le loro residenze dovevano essere abbastanza grandi da poter costruire i loro splendidi giardini e le loro case accoglienti e spaziose.
CASE COLONIALI

L’architettura è profondamente legata allo spazio del giardino.

Entrambi gli elementi fanno parte della stessa composizione.

Le case costruite dagli inglesi sono una delle poche vestigia che sono ancora conservate dal loro importante intervento culturale nell’era vittoriana sulle isole.

Tuttavia, analizzando l’intervento architettonico britannico, troviamo due tipi di costruzione: coloniale e neogotica. Tutte le case erano compatte, con pavimenti quadrati e pavimenti in legno, così come le case inglesi.

Pertanto, nessuna aveva un cortile centrale.

Il tetto esterno era coperto di tegole inglesi (spesso anche chiamato francese perché era stato fabbricato a Marsiglia) e la parte interna con legno.

Erano case coloniali inglesi.

Insieme alle case per uso privato, ci sono edifici per uso pubblico.

Quindi, da questo momento assisteremo all’apparizione di un’altra delle importanti manifestazioni della cultura e dell’ideologia anglicana: la costruzione dei suoi templi, dove poter praticare i tuoi riti religiosi.

Gli inglesi avevano il vantaggio di essere sponsorizzati dall’establishment, a seguito del risveglio religioso che ebbe luogo nel mondo anglosassone all’inizio del XIX secolo.

Dal 1818 – l’anno della fondazione di The Church Building Society (società sponsorizzata dal governo britannico) – il parlamento iniziò la corsa a dedicare ingenti somme, milioni di sterline, per la costruzione di chiese, molte delle quali all’estero che in Spagna, per proibizione costituzionale, non si erano realizzate.

Tuttavia, la libertà di culto in tutto il paese, riconosciuta per la prima volta dalla Costituzione spagnola del 1869, ha aperto nuove prospettive.

Il divieto del servizio divino e la pratica clandestina delle loro cerimonie religiose furono così superati.

Sulle isole, sappiamo che da quella data i culti anglicani hanno avuto luogo regolarmente nelle residenze dei consoli britannici e dei vice consoli a Santa Cruz, Las Palmas e Puerto de la Cruz.

Probabilmente si tenevano anche prima, ma il carattere clandestino dei mestieri impedisce di poterlo affermare con certezza.

Un’altra delle manifestazioni culturali della comunità britannica è la stampa dei suoi giornali nella sua lingua.

Il primo ad essere pubblicato nelle Isole Canarie è stato The Tenerife News.

Stampato a Puerto de la Cruz.

La fondazione della biblioteca britannica risponde a un altro atto di filantropia che caratterizzò il buon vittoriano. L’Hotel Taoro ha svolto un ruolo importante nella posizione della biblioteca.

La direzione era molto interessata ad avere la chiesa e la biblioteca il più vicino possibile all’hotel, grazie alla facilità di accesso per i suoi ospiti.

Altre componenti culturali da evidenziare nella civiltà britannica erano gli sport, poiché sin dalla sua apparizione nell’Inghilterra del 18° e 19° secolo, era una parte indispensabile del tempo libero nella borghesia, in particolare quella vittoriana.

Inizialmente, come abbiamo sottolineato, i residenti delle isole praticavano i loro sport nazionali nei loro giardini privati.

I turisti lo facevano nei diversi hotel con campi da tennis o da golf.

Maria Elisa Ursino