More

    Il governo approva il decreto sugli aiuti agli inquilini

    Misure sugli affitti: microcredito allo 0% per dieci anni e sussidi fino a 900 euro al mese per gli inquilini.

    Il governo approva il decreto sugli aiuti agli inquilini, che prevede una distinzione tra piccoli proprietari (a cui viene garantito un reddito) e grandi proprietari, che devono assumere una detrazione del 50% dell’affitto.

    Il Consiglio dei Ministri ha approvato oggi, martedì, un decreto con misure di sostegno alle persone che vivono in affitto e che sono state colpite economicamente dalla crisi del coronavirus.

    “Lo Stato non deluderà gli inquilini e noi garantiremo che nessuno sarà buttato fuori di casa perché non può pagare”, ha detto il vicepresidente, Pablo Iglesias, dopo l’incontro.

    Ha sottolineato che gli inquilini vulnerabili che non possono permettersi il prestito a costo zero che sarà messo in atto per coprire il costo dell’affitto avranno il sostegno finale del denaro pubblico.

    Ha stimato che mezzo milione di persone potrebbero beneficiare delle misure di affitto.

    In particolare, sono stati approvati sei punti principali:

    -Sospensione degli sfratti per mancato pagamento dell’affitto per le famiglie vulnerabili senza alloggi alternativi (fino al giorno sei mesi dopo la fine dello stato di emergenza).


    -Proroga straordinaria di sei mesi dei contratti di locazione ordinaria alle stesse condizioni, il che significa di fatto che nessun inquilino con un contratto in corso potrà ottenere l’aumento dell’affitto nel corso del prossimo semestre.

    -Tutti gli affittuari che entrano in una zona di vulnerabilità sono autorizzati a contrarre microcrediti (senza costi di interesse o commissioni) che possono essere rimborsati in sei anni.

    Se dopo questi sei anni non sono stati restituiti, sarà concesso un periodo supplementare di quattro anni.

    -Le condizioni di accesso degli inquilini ai programmi di microcredito sono estese, essendo meno restrittive rispetto agli altri casi in cui viene utilizzato il concetto di “famiglia vulnerabile” (moratoria ipotecaria, legame sociale….).

    In questo caso, tutti i disoccupati, gli ERTE, le riduzioni dell’orario di lavoro e i lavoratori autonomi che non raggiungono il limite del triplo dell’IPREM (aumentato dai figli e dalle persone a carico) sono autorizzati ad applicare l’IPREM.

    -Nel caso di grandi titolari (di otto proprietà) e di fondi di investimento: gli inquilini in situazioni di vulnerabilità beneficeranno di una moratoria di quattro mesi.

    Dopo questo periodo deve esserci un accordo sul pagamento tra il locatore e l’inquilino.

    In mancanza di tale accordo, ci sarà una riduzione del 50% del debito o una ristrutturazione del debito in due/tre anni.

    In ogni caso, questi affittuari avranno sempre diritto alle linee di credito ICO. 

    -Le famiglie che non possono permettersi di pagare i microcrediti avranno aiuti diretti dallo Stato per saldare il loro debito con l’ICO.

    L’importo dell’aiuto può arrivare fino ad un massimo di 900 euro al mese e fino al 100% del capitale e degli interessi del prestito contratto, e 200 euro al mese per coprire i costi di manutenzione, di comunità e di fornitura di base, con un limite del 100%.

    (NdR: aspettiamo di sapere come si accede alle domande per la richiesta di aiuti)

    dalla Redazione

     

    10 anni di successi grazie alla fiducia dei nostri sponsor e di tutti gli affezionati lettori

    Articoli correlati