In generale, i proprietari di animali domestici fanno più attività fisica, seguono una dieta migliore e presentano una migliore qualità di zucchero nel sangue.

Avere un animale domestico può aiutare a mantenere un cuore sano, soprattutto se si tratta di un cane, secondo la prima analisi dei dati dello studio Kardiozive Brno 2030.
La ricerca esamina il legame tra l’essere proprietario di animali domestici, in particolare i cani, e i fattori di rischio per le malattie cardiovascolari.

Lo studio ha preso in esame per la prima volta informazioni sanitarie e socioeconomiche di base su più di 2.000 persone nella città di Brno (Repubblica Ceca) da gennaio 2013 a dicembre 2014.

Le valutazioni di follow-up sono previste per intervalli quinquennali fino al 2030.

Nella valutazione del 2019, sono stati esaminati 1.769 soggetti senza precedenti di malattie cardiache, valutati in base ai comportamenti e ai fattori di salute ideali di Life’s Simple 7 come descritto dall’American Heart Association.

Essi sono l’indice di massa corporea, la dieta, l’attività fisica, il fumo, la pressione sanguigna, la glicemia e il colesterolo totale.


Lo studio ha confrontato i punteggi relativi alla salute cardiovascolare dei proprietari di animali domestici in generale con quelli che non ne possiedono.
Ha poi paragonato i proprietari di cani ad altri proprietari di animali domestici e a quelli che non ne hanno.

Spiega Andrea Maugeri, ricercatore dell’International Center for Clinical Research presso l’Università di Sant’Anna. Ospedale di Brno e l’Università di Catania (Italia) che è stato riscontrato che le persone che possiedono un animale domestico hanno più probabilità di fare attività fisica, di seguire una dieta migliore e presentano zuccheri nel sangue al livello ideale.

I maggiori benefici sono stati individuati in coloro che hanno un cane, indipendentemente da età, sesso e livello di istruzione.

Lo studio dimostra un legame tra essere padroni di un cane e salute del cuore.

Un risultato in linea con la dichiarazione scientifica dell’American Heart Association sui benefici di possedere un cane in termini di attività fisica, impegno e riduzione del rischio di malattie cardiovascolari.

Il dottor Maugeri dice che i risultati dello studio sostengono l’idea che le persone potrebbero adottare, salvare o comprare un animale domestico come una potenziale strategia per migliorare la propria salute cardiovascolare, dal momento che essere proprietari di un animale domestico porta ad uno stile di vita più attivo fisicamente.

Francisco Lopez-Jiménez, presidente della Divisione di Cardiologia Preventiva della Mayo Clinic di Rochester, sottolinea che avere un cane incoraggia i proprietari a uscire, muoversi e giocarci regolarmente.
Possedere un cane è stato anche collegato ad una migliore salute mentale in altri studi e ad una minore percezione di isolamento sociale, entrambi fattori di rischio di infarto.

Claudia Di Tomassi