Viene aumentato solo il valore catastale degli immobili nel comune.

L’ammontare del gettito dell’imposta sugli immobili urbani nel 2020 diminuirà rispetto al 2019, poiché l’aliquota fiscale è scesa dallo 0,60% nel 2019 allo 0,53% nel 2020.

Di conseguenza, ciò che aumenta non è l’IBI, che diminuisce, ma il valore catastale degli immobili urbani del comune.

Così facendo tali valori si avvicineranno al 50% del valore di mercato.

Anche se i valori catastali vengono aggiornati, più bassa è l’aliquota fiscale applicata, più bassa è l’imposta da pagare.

Poiché l’anno in cui è stata effettuata l’ultima presentazione dei valori generali nel municipio di Puerto de la Cruz è stato il 2001, e poiché vi erano differenze sostanziali tra i valori di mercato e quelli utilizzati come base per la determinazione dei valori catastali attuali, l’Ayuntamiento di Puerto de la Cruz ha richiesto l’applicazione del coefficiente di aggiornamento proposto dalla Direzione generale del Catasto, che è stato infine pari a 1,03.


La richiesta municipale di aggiornamento catastale si basa sull’esigenza di evitare che ci sia un’eccessiva riduzione delle risorse municipali e che aumenti il rischio di mancato rispetto dello sforzo fiscale.

In conformità a quanto previsto dall’art. 32.2 del testo riveduto del catasto immobiliare, le leggi generali di bilancio dello Stato possono aggiornare i valori catastali degli immobili urbani di un comune, applicando coefficienti basati sull’anno di entrata in vigore della corrispondente dichiarazione di valore.

Gianluca Rigolfi