Ognuno di questi parcheggi costerà un milione di euro, quindi la amministrazione locale intende installarne due con fondi europei e un altro con il bilancio comunale.

Nel caso in cui la domanda per il finanziamento non venga accettata,  il Consiglio Comunale si assumerà  tutto l’onere del progetto.

I parcheggi saranno di tipo dissuasivo, cioè saranno situati in prossimità dei diversi ingressi alla città, in modo che gli automobilisti possano lasciare i veicoli in periferia e si spostino nella capitale utilizzando i mezzi pubblici.

L’obiettivo è migliorare la mobilità attraverso queste infrastrutture che per la prima volta saranno installate nella città e risolvere il problema della mancanza di parcheggi.

Le ubicazioni finali non sono ancora state scelte, perché i tecnici comunali devono  incontrare  i rappresentanti di Titsa (autobus) e  Metropolitano (tram), entrambi del Cabildo, per stabilire i luoghi più adatti a collocare questi parcheggi in altezza.

L’idea è che si trovino in quei punti del Comune dove i collegamenti pubblici sono molto buoni, in modo che i trasferimenti siano comodi e veloci per i cittadini.


Nel bando per i fondi europei a cui partecipa il Comune è consentito presentare un progetto  generico, senza la necessità di stabilire luoghi specifici, ma è logico che saranno situati su appezzamenti comunali.

Questi primi tre parcheggi multipiano che avrà Santa Cruz de Tenerife saranno simili ai due già esistenti a Las Palmas de Gran Canaria.

Saranno costituiti da moduli che possono essere smontati, ampliati e riutilizzati, come se si trattasse di una costruzione in pezzi, così questo tipo di parcheggio verrà installato in pochi mesi.

Se all’inizio dell’anno verrà erogato il sussidio che il Comune si aspetta, l’amministrazione sarà in grado di presentare immediatamente la gara per la costruzione dei parcheggi, dato che già sta lavorando a pieno ritmo al capitolato d’oneri per l’appalto pubblico.

Pertanto, l’intenzione è di realizzare i parcheggi multipiano entro la fine del 2020.

Ognuno dei parcheggi avrà da tre a quattro piani e offrirà da 250 a 400 posti auto ciascuno, il che significa più di mille nuovi parcheggi per la capitale.

Per quanto riguarda le tariffe, i prezzi saranno molto accessibili, simili a quelli che esistono nel parcheggio di La Laguna situato nel vecchio mercato.

Si sta studiando se la gestione sarà direttamente a carico del Comune o indiretta, ma con il rigoroso controllo da parte dell’amministrazione del prezzo applicato ai clienti.

Il settore infrastrutture del Concistoro sta lavorando anche alla stesura di progetti per la costruzione di due parcheggi sotterranei pubblici per la città, nella zona del Parco Marittimo.

La previsione del Consiglio Comunale è che l’attuazione di questi ultimi inizi nel 2020.

In particolare, questi nuovi parcheggi sotterranei saranno situati di fronte alle piscine del Parco Marino e accanto al giardino botanico Palmétum.

Il primo garantirà 400 nuovi posti auto, il secondo 300.

Non saranno comunque gli unici, dal momento che il Comune è alla ricerca di località adatte in altre zone, come La Salud, El Toscal, Ofra o Duggi

Alberto Moroni