La futura legge vedrà la luce l’anno prossimo e sarà rivolta sia ai lavoratori dipendenti con redditi molto bassi, sia ai disoccupati, con o senza indennità di disoccupazione.

Il Governo delle Isole Canarie ha iniziato i passi per attuare la futura legge sul reddito di cittadinanza e avanzare nella sua definizione normativa e finanziaria.
Il ministro delle Finanze, Roman Rodriguez e il rappresentante dei diritti sociali, Noemi Santana, si sono incontrati nei giorni scorsi per iniziare la stesura di questa norma che il Governo è determinato ad applicare l’anno prossimo.

La lotta contro la povertà e l’esclusione sociale appare come una misura prioritaria nell’accordo del Governo per il progresso e il cambiamento nelle Isole Canarie.
Dare risposte immediate alle enormi ingiustizie sociali che la crisi ha lasciato in eredità nell’Arcipelago sarà la priorità assoluta del nuovo esecutivo e, in questo senso, la creazione di un reddito di cittadinanza sarà la chiave di volta.

Si tratta semplicemente di rispettare quanto già stabilito dall’articolo 24 del nuovo Statuto di autonomia, entrato in vigore nel novembre dello scorso anno.

Secondo l’Indagine sulle condizioni di vita dell’Istituto Nazionale di Statistica (INE), le Isole Canarie sono a capo dei peggiori indicatori di qualità della vita dei suoi abitanti.
L’Arcipelago ha un tasso di rischio di povertà che raggiunge il 30,5% della popolazione (nove punti in più della media statale), secondo i dati del 2017, e decine di migliaia di famiglie per le quali è impossibile comprare o affittare una casa.
Con questo reddito di base, diretto ad una parte importante della popolazione sarà garantito un introito, in modo che abbiano i soldi per coprire i loro bisogni primari.


Il reddito di base non è nuovo, esiste in altre parti d’Europa e in Spagna, come in Navarra o nei Paesi Baschi.

Paesi come la Finlandia, l’Olanda, il Canada, la Scozia e ora anche la Francia, stanno sperimentando questo modello per ridurre le disuguaglianze.
Secondo lo stesso Governo delle Canarie, questo reddito è destinato alle persone occupate, ma il cui reddito non copre i bisogni di base della loro unità di convivenza, e ai disoccupati, con o senza prestazioni sociali, che si trovano in una situazione economica simile, ma con l’orizzonte dell’occupazione come migliore formula di inclusione.
I destinatari riceverebbero inizialmente 563 euro al mese in 12 pagamenti, 93 euro in più del PCI (Prestación Canaria de Inserción).
Un importo che viene aumentato a seconda dei membri dell’unità di convivenza fino a raggiungere 812 euro se è composto da cinque persone.
Per accedervi sarà necessario un minimo di un anno di residenza nel comune in cui viene presentata la domanda, oltre ad avere più di 25 anni di età e con un reddito inferiore all’ammontare del reddito di cittadinanza.
Finora, non c’è stata alcuna decisione.

L’importante ora è conoscere l’esatto costo economico dell’attuazione di questa misura, che è ciò di cui si discuterà nei prossimi mesi.
Secondo il progetto iniziale di Nueva Canarias (NC), il partito guidato da Román Rodríguez stesso, questo sarebbe vicino ai 300 milioni di euro, che sono perfettamente sostenibili con i 57 milioni di euro all’anno dell’attuale PCI e il salvataggio delle riduzioni fiscali del governo delle Isole Canarie (circa 300 milioni), così come con le risorse del Servizio del lavoro delle Isole Canarie (SCE).
Secondo i calcoli effettuati dal governo statale, questa normativa, a livello nazionale, potrebbe interessare fino a 730.000 nuclei familiari a rischio di grave povertà, mentre alle Canarie riguarderebbe tra le 40.000 e le 50.000 famiglie.

Claudia Di Tomassi