Il recinto è il primo del suo genere nelle Isole Canarie, uno spazio di 5.800 metri quadrati progettato per tutte le persone, indipendentemente dalle loro capacità fisiche, sensoriali o cognitive.

E’ il primo di tanti.

Lo ha promesso il presidente del Cabildo de Tenerife, Pedro Martín, in occasione dell’inaugurazione del parco inclusivo di El Laurel, a Puerto de la Cruz.

Il parco El Laurel è veramente “inclusivo” per tutta la famiglia, non solo per i giochi dei bambini ma anche per tutto il gruppo familiare.

Così, i più piccoli possono godere di attività in comune tra di loro, ma possono anche dondolarsi su un’altalena o saltare diversi ostacoli allo da uno scivolo con i loro genitori.


A poco più di un mese dall’inaugurazione – è stato inaugurato il 19 settembre – il luogo guadagna ogni giorno in numero di utenti, soprattutto nei fine settimana, che vogliono godere di uno spazio unico per design, colori e sensazioni, un esempio di inclusione e architettura accessibile, dove è possibile giocare senza barriere.

Gli architetti Letizia Jiménez e Roberto Bazán, che lo scorso anno hanno vinto il Premio Innovazione in Architettura Accessibile per questo progetto, assegnato da Sinpromi, hanno avuto la collaborazione della Asociación Visión Azul, della Plataforma por un Puerto de la Cruz Accesible y Diverso, Asmipuerto, e della Asociación de vecinos de La Paz, cercando assieme di risolvere i problemi di ogni giorno.

L’accessibilità è visibile dal parcheggio e palpabile anche all’interno.

Le linee cognitive a terra come texture permettono alle persone con difficoltà visive di essere guidate attraverso il parco.

Anche la segnaletica e alcuni giochi che includono trame in rilievo e volumi come parte dell’intrattenimento sono progettati per loro.

L’asfaltatura è ecologica.

Il 10% dell’aggregato utilizzato è riciclato e proviene da pavimentazioni di fresatura.

La pavimentazione elimina anche le barriere architettoniche con pendenze che vanno dall’1% al 4%.

I colori della terra, giallo e bianco predominano, perché sono quelli che resistono meglio allo scorrere del tempo e allo stesso tempo si combinano bene con lo spazio naturale, spiega Leticia Jiménez.

Ma sempre alla ricerca di divertimento condiviso, non individuale, sia per grandi che per piccini.

Allo stesso tempo, ogni gioco ha un cartellino con logo/disegno esplicativo per aiutare i bambini affetti da disturbi dello spettro autistico (ASD) a capire quali azioni intraprendere.

El Laurel non è solo un parco ben pensato, ma anche fatto con affetto, pensando ad ogni dettaglio, ed è per questo che è essenziale curarlo e rispettarlo, in modo che possa essere mantenuto nel tempo da diverse generazioni.

Ci sono sempre più bambini e famiglie che vengono a godere di El Laurel, anche solo per una passeggiata nei fine settimana per guardare.

Un mese dopo la sua inaugurazione, uno dei giochi non funziona più ed è coperto da un nastro che lo indica, ma è dovuto ad un difetto di fabbrica a cui si sta attualmente ponendo rimedio, dice Leticia Jiménez.

Gli utenti insistono sul fatto che è essenziale che il parco giochi sia protetto da una recinzione, come accade, ad esempio, a El Montillo, a La Matanza de Acentejo, il parco dell’Avenida de Las Palmeras, a Santa Ursula, o La Magnolia, a Los Realejos.

Un’altra delle richieste degli utenti è la creazione di servizi pubblici, che attualmente non ci sono all’interno del giardino, ma sono previsti. All’inizio del parco c’è un’area libera ottima per l’istallazione dei futuri servizi igienico-sanitari, per fontanelle con l’acqua e altri servizi.

(dalla Redazione)