Osservando le tradizioni comuni delle Isole Canarie, tra le manifestazioni popolari più caratteristiche troviamo le romerías.

Nel suo senso più originale, una romería è un pellegrinaggio religioso.

La parola “Romería” significa coloro che viaggiano a Roma.

È una celebrazione cattolica che indica un pellegrinaggio di qualche tipo, anche se non deve sempre essere un lungo viaggio.

Può anche essere solo una breve passeggiata.

Apparentemente fu la classe alta delle Canarie a dare origine ai pellegrinaggi.


Si riunirono per celebrare la vita in campagna: vestiti da contadini, servivano vino locale e festeggiavano con capre e manzo.

In questi tempi si credeva che un buon raccolto fosse il risultato della buona volontà del santo.

Anche le feste divennero più popolari tra i contadini.

Quindi i pellegrinaggi sono diventati una festa religiosa per tutti.

In alcune parti delle isole, le celebrazioni sono come grandi fiere.

Puoi vedere le tradizionali competizioni di lotta delle Canarie (“Lucha Canaria”) o il basket.

La processione si riferisce allo sfondo religioso con tutti i prodotti naturali, bestiame e costumi tradizionali.

Prima o dopo la sfilata, il sacerdote benedice il bestiame e fa un’offerta al santo.

Il pellegrinaggio a Garachico è stato celebrato dal 17° secolo.

All’inizio fu ringraziato San Roque per aiutare le persone lì a superare un’epidemia di peste.

L’inizio della stagione dei pellegrinaggi è l’ultima domenica di aprile.

Quella celebrata in onore della Virgen del Socorro (Romería del Socorro), è considerata la più antica delle Isole Canarie, a Tenerife nel comune di Güímar.

È iniziato quando gli aborigeni hanno ricevuto l’immagine della Vergine di Candelaria e il mencey (capo Guanche) Acaymo decise di chiedere l’aiuto della gente.

A Tenerife, i pellegrinaggi nel nord sono generalmente molto più grandi di quelli nel sud.

Ad esempio, Los Realejos e La Orotava celebrano le loro Romerías a giugno.

Tacoronte e La Laguna, che sono un po’ più lontani, celebrano pellegrinaggi più grandi che in altre città.

Come parte delle celebrazioni troviamo i balli dei maghi, che sono una tradizione delle romerías di Tenerife in cui la gente indossa i loro costumi tipici di uomini e donne di campagna e gode della musica e della gastronomia tradizionali.

Si chiamano così perché il mago è un’espressione che, nel proprio discorso delle isole, significa contadino.

Queste danze sono tipiche delle diverse feste di Tenerife e ci sono pochi comuni che non lo celebrano, di solito all’aperto.

A volte è obbligatorio indossare il costume tipico per accedere alla pista da ballo.

Oggi i pellegrinaggi si sono evoluti per essere uno spettacolo effusivo di espressività del popolo delle Canarie.

In alcuni troviamo i tipici Chácaras, uno strumento musicale di percussioni delle Canarie, di osso o di legno, simile alle nacchere, ma più grande, insieme ai carrelli, abiti tradizionali e piatti tipici segnano il ritmo di ogni festa, a cui i locali di solito si uniscono decorando balconi con elementi sacri e bandiere.

Una nota singolare delle romerías è la discreta romería di Sobradillo a Gáldar, a Gran Canaria: nelle guide ufficiali non appare.

In questa celebrazione puoi vedere persone che fanno parte di un cerchio di 611 contribuenti che dichiarano beni per oltre 30,05 milioni di euro nelle Isole Canarie.

Non ci sono politici o turisti.

Si è fatta il 28 settembre 2019 in cui solo 150 persone hanno partecipato all’invito.

È celebrato in una delle fattorie di proprietà del sindaco scomparso di Gáldar, Antonio Rosas.

All’interno c’è un eremo con un’immagine del XVI secolo, “la cui dedica fu assegnata sotto il nome di Vergine di El Sobradillo”.

L’origine dei nuovi rituali può essere identificata con il nome della persona che ha avuto l’idea originale, che è il caso della romería di Sobradillo.

È una romería popolare ma privata, davanti alla quale le istituzioni mantengono un rispettoso silenzio e una distanza prudente, sebbene abbia una collaborazione della città di Gáldar.

Non ci sono turisti lì.

La famiglia è rimasta preoccupata per la perpetuazione della romería, nonché per il mantenimento del loro spirito originale; ed è per questo che è stato possibile riunire un gruppo di persone che aiutano l’organizzazione.

Questo legame con la romería si realizza attraverso legami affettivi, che di conseguenza implicano un impegno nell’organizzazione e nel mantenimento della discrezione.

Maria Elisa Ursino