Più di cento volontari arrivano alla chiamata della Fondazione Telesforo Bravo-Juan Coello e puliscono in meno di un’ora i dintorni del Castello di San Felipe.

Più di cento persone hanno partecipato ad un’azione di restauro e di sensibilizzazione ambientale accanto a Playa Jardín e al Castello di San Felipe, a Puerto de la Cruz, che consiste nello smantellamento ordinato delle torri di pietra che alcune persone hanno costruito nella zona, oltre che nella pulizia del luogo.

L’attività è stata organizzata dalla Fondazione Telesforo Bravo-Juan Coello, in collaborazione con il Comune di Puerto de la Cruz, il Cabildo Environment e l’Ufficio Partecipazione Ambientale e Volontariato di Tenerife, tra le altre istituzioni e gruppi.

Il direttore dell’ente organizzatore, Jaime Coello, ha avvertito dei danni all’ambiente naturale causati dalla proliferazione di mode come mucchi di pietre o disegni e iscrizioni sulle rocce.

Da parte loro, i membri della corporazione comunale, tra cui il sindaco Marco Gonzalez, e l’assessore alla città sostenibile David Hernandez, che ha partecipato personalmente all’azione, hanno sottolineato l’impegno dell’amministrazione comunale con l’ambiente e l’importanza di realizzare un’azione come questa in un’area ad alta densità turistica, per la sua visibilità, il suo valore simbolico e il suo effetto didattico.

Il direttore della Fondazione Telesforo Bravo-Juan Coello ha spiegato che questa moda di impilare le pietre, ampliata dall’effetto moltiplicatore di Internet e dei social network, causa “una perdita di habitat per animali e piante, perché sotto ogni pietra c’è un intero ecosistema di vertebrati e invertebrati, batteri, licheni e funghi”, che viene disturbato quando vengono scoperti.


Questa piaga della moda non è esclusiva delle Isole Canarie, ma questa zona costiera di Puerto de la Cruz, vicino a Playa Jardín, sembra avere il record per queste sculture effimere in tutta Europa, con un’estensione di 200 metri di lunghezza per 150 di larghezza per torrette che si innalzano in una delle sue spianate laterali.

Anche se in tutta la costa spagnola ci sono luoghi dove turisti e gente del posto insistono a lasciare il loro timbro in questo modo, come pure seppellire i ponti con i “lucchetti dell’amore”, “per vedere qualcosa di simile a Puerto de la Cruz si deve andare alle Hawaii, Aruba o le isole Reunion”, ha spiegato Coello, che oltre al direttore della Fondazione Bravo-Coello è un avvocato ed educatore ambientale.

Questa moda assurda e perniciosa ha avuto origine in un evento avvenuto nel 1987 che ha reso popolare la pratica.

Fu l’anno in cui si tenne la cosiddetta Convergenza Armonica, un incontro di meditazione sincronizzato con l’epicentro sulla costa occidentale degli Stati Uniti che provocò la proliferazione di torri di pietra tra i partecipanti.

Da allora in poi, si sono diffuse in tutto il mondo, a cui si è aggiunta la moda di impilarle per nessun altro motivo che per raggiungere il loro equilibrio senza alcun tipo di malta.

La pubblicazione dal vivo di diversi video ha portato i social network all’ebollizione, e queste pubblicazioni hanno ricevuto migliaia di like e, soprattutto, centinaia di commenti.

Alcuni di loro riassumono chiaramente lo spirito di queste iniziative e il motivo per cui dovremmo essere tutti coinvolti il più possibile: “Molte persone che fanno piccole cose in molte parti del mondo possono cambiare il mondo.

Grazie.

Leonardo Filippi