More

    Tenerife ha bisogno di serbatoi di gas invece di impianti di rigassificazione

    Il ministro della transizione ecologica, della lotta contro il cambiamento climatico e della pianificazione territoriale del governo delle Canarie, José Antonio Valbuena, sostiene che i rigassificatori non sono necessari e non è assolutamente d’accordo con coloro che sostengono che Tenerife perde un’occasione con il rifiuto di quello proposto per Granadilla.

    “È una bugia che non autorizzarlo riduce la competitività dei nostri porti”, dice, e spiega che “ciò che serve sono serbatoi di stoccaggio, non impianti di rigassificazione”.

    Un ragionamento che sostiene che “le navi dovranno presto navigare con il gas naturale”, quindi i porti devono “immagazzinarlo in forma liquida, non gassosa, per rifornire queste navi”.

    Pertanto, “non ci sarà alcuna perdita di competitività, a condizione che i porti delle Isole Canarie siano diligenti nel trattamento delle pratiche e di questi depositi.

    Parlando a RNE, il consigliere regionale ha detto che il progetto di Enagas per il porto di Granadilla “è un impianto di rigassificazione per la centrale termica Endesa, a ciclo combinato e a gas”, per sostituire l’olio combustibile con il gas naturale.

    Secondo il capo di Transizione Ecologica, “dobbiamo sostituire i gruppi di centrali termiche con altri preparati a funzionare con il 100% di idrogeno.


    Nel caso in cui abbiano bisogno di gas naturale, allo stato gassoso, le strutture devono avere un proprio impianto di rigassificazione, rendendo inutile un’infrastruttura esterna”.

    Il progetto proposto da Enagas nel 2004, che è stato respinto dal Consiglio di Amministrazione dell’Autorità Portuale il 28 aprile scorso, cioè alla nave rigassificatrice da collocare nel bacino di Granadillero e al rigassificatore per il porto di Santa Cruz de Tenerife, simile a quello previsto per il porto di La Luz a Las Palmas, misure concordate anche da Puertos de Tenerife.

    “I progetti sul tavolo sono direttamente legati alla produzione di elettricità.

    Questo è il caso del porto di La Luz e Las Palmas per fornire navi non adattate al regolamento, che richiede nel 2025 per operare con gas naturale.

    È la produzione di elettricità esclusivamente per queste navi”, dice il consigliere regionale.

    Oscar Izquierdo, presidente della Federazione Provinciale degli Enti di Costruzione di Santa Cruz de Tenerife (Fepeco), ha descritto come “un nuovo oltraggio alla nostra isola” il rifiuto dell’Autorità Portuale al progetto di rigassificazione a Granadilla.

    Dice che si comprende che è “essenziale nei prossimi anni, in modo che Tenerife non sia lasciata indietro nel traffico marittimo nel medio Atlantico”.

    Il capo dei datori di lavoro della costruzione ha descritto come “sconcertante e contraddittorio” il fatto che “lo stesso governo che mette tutti gli argomenti del mondo perché non sia installato a Tenerife, sostiene con entusiasmo l’installazione di un impianto di rigassificazione a Gran Canaria, per convertire così il Puerto de la Luz, nel riferimento del traffico marittimo nella zona”.

    Nella sua argomentazione, Valbuena salva i pronunciamenti contro quel progetto nel sud dell’isola.

    A novembre 2018, la Commissione Nazionale per i Mercati e la Concorrenza (CNMC) ha pubblicato il rapporto in cui ha analizzato la richiesta di costruire il rigassificatore richiesto da Enagás.

    Un anno prima, lo stesso organismo aveva concluso che il progetto non era fattibile, poiché avrebbe generato più costi che ricavi.

    Inoltre, il CNMC ha sottolineato che Enagás dovrebbe dettagliare il mercato che sarà rifornito dall’impianto, la domanda prevista di gas e le entrate dai pedaggi per l’uso dell’impianto.

    Lo stesso anno, il Tribunal Supremo (TS) ha annullato l’autorizzazione data nel 2012 dal Ministero dell’Industria perché il processo di valutazione dell’impatto ambientale non ha soddisfatto tutti i requisiti.

    Valbuena nota anche che la Banca Europea degli Investimenti si è pronunciata contro l’iniziativa “perché il gas non ha un posto nella politica energetica dell’Unione Europea”.

    Daniele Dal Maso

     

    Articoli correlati